Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

Il commento di John Koekenbier (Perfotech)

In Inghilterra i centri di imballaggio si trovano direttamente nei campi di coltivazione dei piccoli frutti

Gli imballaggi perforati possono estendere la shelf life di frutta e verdura. Nella catena alimentare fino al 50% dei prodotti freschi finisce nella spazzatura. Per contrastare questo tipo di spreco alimentare, PerfoTec ha introdotto sul mercato una tecnologia laser speciale. Questa tecnologia viene utilizzata per il confezionamento degli ortofrutticoli.

Il fornitore olandese di attrezzature industriali ha venduto 250 sistemi laser in 15 Paesi. Questi macchinari utilizzano il laser per creare fori microscopici nella pellicola da imballaggio. Le dimensioni e il numero di queste perforazioni viene adattato precisamente al prodotto, in particolare la frutta e verdura, per estenderne la shelf life.

"Il problema principale è che la qualità dell'ossigeno si riduce rapidamente e il livello di anidride carbonica aumenta. Il nostro sistema misura il cosiddetto tasso di traspirazione del prodotto  - ha spiegato il direttore di PerfoTec, John Koekenbier - e regola in base a esso la perforazione dell'imballaggio".

Malcontento
Questa tecnologia di successo è nata nel 2004 e deriva da una mancata soddisfazione. All'epoca il proprietario di PerfoTec, Bas Groeneweg, era direttore di Greensprout, un trasformatore di cavoletti di Bruxelles. Gli steli di questi cavoletti si imbruniscono piuttosto rapidamente. Lo scolorimento è totalmente innocuo, ma non piace ai consumatori. Groeneweg voleva utilizzare la pellicola perforata per mantenere verdi i cavoletti più a lungo. Tuttavia, all'epoca la pellicola non risultò all'altezza.

"Spesso nella pellicola non c'erano fori o questi erano troppo grandi. Groeneweg ha avuto l'idea di utilizzare il laser per realizzare le perforazioni - ha raccontato Koekenbier - L'operato del laser è molto preciso. Inoltre, è stata aggiunta anche una fotocamera per controllare individualmente ogni foro. E' in questo momento che è nata PerfoTec".

Al momento, la tecnologia viene utilizzata prevalentemente per i piccoli frutti (fragole, lamponi e mirtilli). In questo senso l'Inghilterra è il principale mercato. Tuttavia, i macchinari PerfoTec si trovano anche in Nord e Sud America, Africa, India, Asia, Australia e in Paesi europei.

Marks & Spencer, una catena di supermercati nel Regno Unito, è stata il primo grande cliente di PerfoTec. "In Inghilterra i centri di confezionamento si trovano direttamente nei campi di fragole, lamponi e mirtilli e i prodotti vengono refrigerati immediatamente. In queste circostanze la nostra tecnologia dà il meglio di sé. Estende la shelf life di tali prodotti di almeno 3 o 4 giorni". Attualmente la tecnologia viene utilizzata anche per patate e verdure come broccoli e porri e nel settore floricolo.

Insalate miste
Un nuovo prodotto che si è aggiunto nel settore sono le insalate miste in busta. Queste buste vengono riempite utilizzando un imbuto di riempimento. Tuttavia, in un sistema di imballaggio tradizionale questo risulta essere un processo lento e con un elevato tasso di scarto. PerfoTec ha sviluppato un imbuto di riempimento speciale dotato di un dispositivo per il controllo dell'ossigeno.

"Questo sistema funziona più rapidamente e riduce lo spreco di prodotto - ha detto Koekenbier - Lo abbiamo introdotto sul mercato quest'anno e ne abbiamo già venduto parecchi prevalentemente nei Paesi Bassi, ma anche in Inghilterra e in Norvegia".

Attualmente PerfoTec impiega 25 dipendenti. Cinque di questi lavorano negli Stati Uniti e in Inghilterra. Alla fine del 2018 si aggiungeranno altre 3 filiali.

Koekenbier ha aggiunto: "Ci stiamo concentrando su una crescita graduale della nostra società. Tuttavia, siamo ambiziosi. Il nostro piano a lungo termine fino al 2022 prevede la vendita di altri 300 sistemi PerfoTec in tutto il mondo. Si tratta di oltre il doppio di quelli venduti finora. Ho molta fiducia negli sviluppi in Sud America e Asia. Attualmente stiamo conducendo delle prove in Nord America, per una grande catena di supermercati. Se tutto va bene, come mi aspetto che succeda, presto si aprirà un nuovo mercato per noi".

Koekenbier è consapevole che ci sono ancora aree inesplorate, in cui il sistema laser può dimostrare il suo valore. "In questo senso mi viene da pensare, per esempio, al settore della trasformazione della carne. Non siamo ancora arrivati a quello. Ovviamente ci sono altre società che cercano di estendere la shelf life dei prodotti freschi. Ciò è possibile con la tecnologia laser, ma anche con altri metodi. Forse riusciremo a individuare nuove aree attraverso delle collaborazioni. Dopotutto la riduzione dello spreco è un ottimo obiettivo a cui ambire insieme".

Fonte: Agroberichten Buitenland


Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018