Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Maltempo, si contano i danni di una grandinata in Sicilia

Una grandinata che, la scorsa domenica 16 aprile, ha colpito una vasta area della campagna siciliana, seppur di breve durata, è stata molto violenta e accompagnata da un vento molto intenso che ne ha incrementato la gravità.

Ancora prematuro quantificare i danni economici o azzardare bilanci complessivi sulle reali entità dei danni alle produzioni agricole.

Ne parla per FreshPlaza il dottor Gaetano D'Imprima, agronomo e amministratore delegato dell'azienda D'Imprima Ortofrutta S.r.l. Una realtà produttiva consolidata di circa 70 ettari, nei quali si coltivano agrumi e frutta, con produzioni a filiera controllata.

"Grandine, pioggia e vento hanno colpito a fasce diverse zone dell'areale compreso tra Scordia, Lentini, Palagonia, ma anche parte della Piana di Catania e della provincia di Caltanissetta.

La nostra azienda ha diversi siti produttivi dislocati in più contrade, in una di queste, nello specifico, la grandine ha seriamente danneggiato quasi 500 quintali di albicocche della varietà Wonder Cot, con una perdita economica che ammonta a circa 50.000 euro considerando i prezzi alla produzione, mentre in un'altra contrada non abbiamo riscontrato nessun danno".



"Lo stesso dicasi per le aziende agricole facenti parte della nostra cooperativa che si trovano in provincia di Caltanissetta - sottolinea Gaetano - alcune di queste hanno subito lievi danni, con la perdita di pochi frutti per pianta, altre danni un po' più importanti e altre nessun danno".



Sono state colpite particolarmente le produzioni di albicocche precoci, con perdita del 20% del prodotto, in quanto già in fase di ingrossamento e maturazione; ma non è escluso che ci siano ripercussioni anche sulle produzioni di altra frutta estiva. Ancora troppo presto per valutare i danni sulle piante di agrumi, in particolare quelle più giovani.



"Noi produttori sempre più frequentemente facciamo i conti con anomalie climatiche imprevedibili rispetto alle temperature stagionali".



Per fortuna l'azienda, fa parte del "Consorzio Difesa Produzioni Intensive della Regione Sicilia - Catania", con il quale ha stipulato delle polizze assicurative proprio sui danni da grandine.



Purtroppo rimane ovviamente il danno produttivo e commerciale che andrà ad influire notevolmente sulla prossima campagna delle drupacee.


In foto, il team del consorzio siciliano che tutela le produzioni agricole intensive dalle calamità naturali.

Il dottor Giuseppe Raimondi, direttore del Consorzio Difesa Produzioni Intensive della Regione Sicilia dichiara: "E' ancora presto per valutare in modo preciso i danni delle grandinate di aprile, forse ci vorranno mesi.

"Al momento sappiamo con certezza che i fenomeni grandinigeni dei giorni 6/7/8/16 aprile hanno interessato diverse provincie siciliane con danni anche severi alle produzioni tardive di agrumi della varietà Valencia, e delle varietà precoci di frutta, in particolare: pesche, albicocche, nettarine".

"I comuni siciliani maggiormente colpiti sono: Villasmundo, Scordia, Lentini, Carlentini, Augusta. Lievi danni alle produzione nell'areale di: Canicattì, Delia, Riesi, Naro e Caltanissetta".

Contatti:
D'Imprima Ortofrutta S.r.l.
Contrada Monaco

95048 Scordia (CT)
Cell.:(+39) 349 5752825
Tel.: (+39) 095 5877308

Email: info@dimprimaortofrutta.it
Web: www.dimprimaortofrutta.it

Consorzio Difesa Produzioni Intensive
della Regione Sicilia

V.le XX settembre, 11
95128 Catania
Tel.: 095 432010
Web: www.condifesacatania.it

Data di pubblicazione: 21/04/2017
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

13/12/2017 Ultra Violet scelto come colore dell'anno per il 2018
13/12/2017 L'agricoltura biologica in Svizzera dovrebbe arrivare al 25% entro il 2025
13/12/2017 Brexit: Ue, c'e' l'accordo
13/12/2017 Glifosato: dalla UE ok formale al rinnovo, nuove regole nel 2018
13/12/2017 PAC: l'Europarlamento in seduta plenaria approva la riforma Omnibus
13/12/2017 Modello Digitale Italiano per il settore agroalimentare
13/12/2017 Dopo la siccita', le alluvioni
12/12/2017 Il ruolo dell'ortofrutta nella cooperazione agroalimentare italiana
12/12/2017 La Cina sta prendendo il posto della Russia come principale mercato per la produzione polacca
12/12/2017 Cimice asiatica: ok dalla UE a importare il parassita antagonista
12/12/2017 Bayer: online il nuovo sito web per la trasparenza
12/12/2017 Flavio Lupato e' il nuovo direttore commerciale di Salvi Vivai
12/12/2017 Avviso di messa in competizione per misurare l'impatto di un programma europeo di promozione dei marchi di qualita DOP e IGP
12/12/2017 Il packaging ortofrutticolo del gruppo Giro' apre una filiale in Italia
12/12/2017 Legge 3 del 2012: protocollo d'intesa a sostegno delle imprese agricole in crisi
11/12/2017 De Castro: nel 2017 calati del 90% gli aiuti UE all'Italia per la promozione di prodotti agroalimentari
11/12/2017 Le Op servono? E a cosa? Ecco la risposta dell'esperto
07/12/2017 Blocco ingiustificato allo stabilimento Agribologna-Conor
07/12/2017 Cimice asiatica: solo le reti e una strategia integrata possono limitarne i danni
07/12/2017 L'Azerbaijan e' pronto per esportare prodotti agricoli in Italia

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*