Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Formazione continua in agricoltura con For.Agri, anche nel settore ortofrutticolo

For.Agri è il Fondo Paritetico Nazionale Interprofessionale per la Formazione Continua in Agricoltura che, riconosciuto dal Ministero del Lavoro nel 2007 e operativo dal 2009, è l'unico Fondo di settore per l'agricoltura e l'agroalimentare, cui aderiscono ormai quasi 100.000 imprese di questi settori su tutto il territorio nazionale, con più di 250.000 dipendenti.

For.Agri promuove e finanzia, in tutto o in parte, piani formativi aziendali, territoriali, settoriali o individuali, concordati tra le parti sociali, nonché iniziative propedeutiche e comunque direttamente connesse ai piani concordati tra le parti. For.Agri è costituito dalle parti sociali del settore: Confagricoltura, Coltivatori Diretti, Confederazione Italiana Agricoltori, CGIL, CISL, UIL e Confederdia.

Buona parte delle risorse è impegnata per la formazione obbligatoria che tutti i titolari di azienda ben conosco o che dovrebbero conoscere, perché la legge lo impone! Ben il 18% dei finanziamenti del Fondo sono stati destinati alle imprese del settore ortofrutticolo per un importo complessivo di circa 6 milioni di euro. Il bilancio, in tal senso, è molto positivo se si considera che quasi 1.000 imprese, operanti nei settori della frutticoltura, dell'orticoltura e della serricoltura, dislocate in molte regioni italiane, hanno ricevuto finanziamenti.



Al Fondo aderiscono imprese di tutti i comparti produttivi agricoli e agroalimentari, aziende pubbliche e private, cooperative e consorzi, nonché Organismi, Enti, Associazioni e Aziende che operano a favore del settore, quali Consorzi di Bonifica, Consorzi Agrari, Aziende Forestali, Consorzi di Tutela, Organizzazioni dei Produttori OP, ecc.

Per presentare richieste di finanziamenti per la formazione basta che l'azienda si iscriva a For.Agri: e non deve pagare nulla perché già versa, obbligatoriamente per legge, all'Inps un contributo pari allo 0,30% sulla retribuzione dei lavoratori dipendenti. Con l'iscrizione, questo contributo anziché andare a fondo perduto, viene canalizzato a For.Agri e consente all'azienda aderente di ricevere finanziamenti per la formazione dei propri dipendenti.



Le imprese sono ripartite su tutto il territorio, ma sono concentrate soprattutto nelle grandi aree agricole italiane, confermando la vocazione agricola del Fondo. L'operatività del Fondo ha consentito di finanziare attività di formazione per più di 31 milioni di euro a favore di più di 6.000 imprese e 40.000 lavoratori.

Moltissime delle attività finanziate riguardano proprio lo sviluppo delle imprese, il sostegno alla loro competitività, l'introduzione di innovazione. Tra le attività finanziate, inoltre, rientrano quelle rivolte all'internazionalizzazione delle imprese, allo sviluppo delle filiere produttive, alla tutela e salvaguardia ambientale, alle riconversioni aziendali, all'estensione delle produzioni biologiche, all'introduzione di tecniche e tecnologie innovative.

Inoltre, For.Agri è il primo e per ora l'unico Fondo ad aver dedicato attenzione al terzo settore, investendo specifiche risorse per l'agricoltura sociale svolta a favore dei disabili e di persone e lavoratori in situazioni di disagio.

Uno dei nuovi strumenti messi a disposizione delle imprese e dei lavoratori è il voucher formativo. Si tratta di assegni ad personam del valore massimo di € 2.500, utilizzabili dai dipendenti delle imprese aderenti a For.Agri per frequentare attività specializzate realizzate da Enti e istituzioni sia sul territorio nazionale che all'estero.



Il Fondo ha già messo a disposizione più di 650mila euro; hanno già beneficiato di questo tipo di finanziamento 350 lavoratori di 250 imprese iscritte al Fondo.

Il Fondo ha creato un catalogo con oltre 100 corsi su tematiche specialistiche nel settore agricolo e agroalimentare e ha consentito di frequentare anche attività promosse da soggetti altamente qualificati come Luiss Business School, Fondazione CUOA, IPSOA, Università degli Studi di Tor Vergata, Il Sole 24 Ore Business, Intesa San Paolo Formazione.

I corsi finanziati tramite i voucher formativi hanno riguardato tematiche come Human resources management - Master in agricoltura sociale - Bilancio e analisi economico finanziaria - Master di specializzazione in management delle aziende vitivinicole - Governance e responsabilità sociale - La nuova ISO 9001:2015 - Lo standard output - Social media marketing per il prodotto agricolo e agroalimentare - Organizzazione dell'ufficio export delle aziende agricole e agroalimentari - Il vino biologico biodinamico e le certificazioni ambientali - Tenuta dei registri dematerializzati nel settore vitivinicolo.

Contatti:
For.Agri
Via Flavia 3
00187 Roma
Tel. 06/88817690
Fax 06/92912578
Email: info@foragri.com
Web: www.foragri.com

Data di pubblicazione: 21/04/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2017 Gardaland: tu pagare soldi... tu vedere cammello
21/06/2017 Giovani di Confagricoltura, studio sulle filiere intelligenti
21/06/2017 Le missioni di Omnibus: fine agosto in Kenya, fine settembre in India
20/06/2017 Le drupacee spagnole necessitano di un piano strategico e comune di comunicazione
19/06/2017 Frutta e verdura bio protagonisti sul web grazie all'e-commerce
19/06/2017 Fondi agricoli, attenzione alle servitu'
16/06/2017 Nuova Zelanda: le varieta' registrate fanno bene al settore
15/06/2017 La fiducia e' il vero motore del business
15/06/2017 Nasce a Milano OPTA: organizzazione per il commercio e la trasformazione di prodotti bio
14/06/2017 Molti sottovalutano le conseguenze della Brexit
14/06/2017 Anche la testimonianza della cooperazione trentina in un convegno a Ragusa
13/06/2017 Romania: un sito internet collega produttori e buyer
12/06/2017 La frutta spopola sul web
12/06/2017 Fresh Food Marketing Leader: per vedere la propria azienda da una nuova prospettiva
12/06/2017 Crediti vantati all'estero: ecco cosa puo' fare l'esportatore italiano
09/06/2017 Cosa riserva al mercato europeo l'attuale incertezza geopolitica?
08/06/2017 Peru': coltivare ananas frena la produzione di coca
08/06/2017 Un mercato 'mors tua vita mea' e' un mercato a somma zero
07/06/2017 Tecnici Network: strategie e formazione continua per la serricoltura siciliana
06/06/2017 Bia, un bell'esempio di aggregazione tra produttori di eccellenze bio

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*