Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



I bombi: la scelta migliore per l'impollinazione delle piante da kiwi

L'impollinazione e la fruttificazione delle piante da kiwi nasconde una grande sfida. Queste piante sono infatti dioiche. Ciò vuol dire che esistono sia piante maschili che femminili. Poiché solamente le piante femminili producono frutti, i coltivatori provano a coltivare le piante maschili il meno possibile. Alcuni addirittura fanno impianti senza piante maschili e nebulizzano o spruzzano il polline del kiwi. Se sono comunque presenti piante maschili, molti coltivatori si affidano a impollinatori naturali (ad esempio api solitarie, sirfidi) o ad api mellifere per garantire l'impollinazione. A volte però le cose non vanno come auspicato, se vi sono altri fiori più attraenti che fioriscono contemporaneamente.



I coltivatori inoltre, coprono sempre più spesso le loro piante da kiwi con reti anti-grandine o plastica che rendono più difficile l'impollinazione. A differenza delle api mellifere, i bombi svolgono un buon lavoro tra queste piante coperte. In Francia nel 2016 sono state eseguite delle prove e i risultati dimostrano che i nostri bombi svolgono un lavoro eccezionale. Se fioriscono sufficienti piante maschio in sincronia con piante femmina, si possono raggiungere ottimi risultati con 12 arnie per ettaro.

"Questo è anche quanto è avvenuto durante le nostre prove". Il modernissimo Flying Doctors® System di Biobest ha raggiunto risultati simili in queste circostanze, ma è comunque progettato soprattutto per i frutteti senza o con insufficienti piante maschio o comunque con fioritura asincrona. In tali casi vediamo che le arnie Flying Doctors® danno risultati migliori. Biobest ha l'arnia di bombi adatta per ogni circostanza.

Nel maggio 2016 Biobest e Zespri effettuano delle prove nel sud-ovest della Francia per dimostrare come i bombi riescano a lavorare efficientemente sotto le reti anti-grandine. Per queste prove, un frutteto Gold3 di 1 ettaro è stato diviso in due lotti con una rete anti-grandine. Una parte è stata impollinata con due Multi-Hives (equiparabili a sei arnie normali). Per l'altro pezzo sono stati utilizzati sei arnie Flying Doctors®. Le arnie Flying Doctors® sono dotate di un erogatore che può essere riempito con polline di kiwi raccolto in precedenza. Quando i bombi lasciano la propria arnia, i pollini si attaccano sulle zampe e sul corpo, venendo così portati ai fiori di kiwi.

"Su ogni lotto abbiamo coperto con una busta un determinato numero di fiori, mentre alcuni li abbiamo impollinati a mano. Questi fiori hanno funzionato da standard di riferimento per un'impollinazione ottimale. Per verificare la qualità e la resa, abbiamo misurato il peso medio della frutta e il numero di semi per frutto. In termini di peso i bombi hanno ottenuto risultati leggermente migliori rispetto all'impollinazione manuale. Tuttavia, la differenza non è stata significativa".

"Se confrontiamo il numero di semi per frutto, sia Multi-Hives che Flying Doctors® hanno raggiunto risultati migliori rispetto all'impollinazione manuale. I Multi-Hives hanno dato il 5% in più di semi, mentre i Flying Doctors® hanno prodotto il 4% in più, una differenza comunque significativa".

Conclusione per il coltivatore di kiwi
Impollinando attentamente a mano ciascun fiore, si riuscirebbero a raggiungere quasi gli stessi risultati che con i nostri bombi. A questo sono tuttavia contrapposte un'elevata dose di stress e alti costi di lavoro.

Numero di semi per frutto (indicativo della qualità dell'impollinazione) e peso del frutto individuale (indicativo della qualità della frutta) per trattamento. Le varie lettere indicano che i valori sono statisticamente significativi. Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine.

"I nostri bombi svolgono un lavoro migliore a un prezzo più competitivo. L'uso più produttivo dei nostri Multi-Hives è raggiunto quando un numero sufficiente di piante maschio è in fiore sincronicamente con quelle femmina. In caso contrario, è meglio optare per pollini raccolti in precedenza da usare con le nostre arnie Flying Doctors®. In entrambi i lotti sono stati messi a confronto l'impollinazione con i bombi e l'impollinazione manuale. Quest'ultima è stata utilizzata come standard per un'impollinazione ottimale".

Per ulteriori informazioni:
Lise Verachtert
Email: lise.verachtert@biobest.be

Data di pubblicazione: 21/04/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/04/2018 Croazia: calo nella produzione di mandaranci, pere, susine, brassiche, carote, aglio e cipolla
19/04/2018 Dallo Sri Lanka per incontrare clienti europei
19/04/2018 Empack e Packaging Innovations: il reportage fotografico
18/04/2018 Zerbinati partner di Vanity Fair alla Design Week
18/04/2018 Serbia: controllo straordinario di tutti gli importatori ortofrutticoli
18/04/2018 UE: consenso unanime dei ministri dell'Agricoltura alle norme sulle pratiche sleali
18/04/2018 Estensione d'impiego di Decis Evo di Bayer per il controllo dell'insetto vettore di Xylella fastidiosa
18/04/2018 Un sacchetto per le mele progettato per essere differente
17/04/2018 Il Gruppo La Linea Verde con Ortomad in mostra al Fuorisalone con 1DERBOX
17/04/2018 Il Rublo perde di valore a causa delle nuove sanzioni USA
17/04/2018 EVEO: accordo in esclusiva per l'Italia con IPAG e nuovo brand
17/04/2018 Una delegazione dell'ambasciata cubana incontra le cooperative associate a Legacoop Lazio
17/04/2018 Isola robotizzata della Morgante Engineering and Systems per produttori di succhi confezionati
17/04/2018 UE: ok all'indicazione di origine in etichetta sull'ingrediente principale
17/04/2018 CSO Italy approva un bilancio positivo e si prepara al proprio ventennale di attivita'
17/04/2018 Coldiretti Calabria: danni ingenti a strutture serricole e a colture per il vento forte
16/04/2018 Nuovo spot Zerbinati sui canali tv nazionali
16/04/2018 Professione Biotecnologo: vincono i colletti bianchi
16/04/2018 Sicilia: insediato il tavolo di crisi dell'agricoltura
16/04/2018 Sicilia: forti venti distruggono alcune serre della fascia trasformata

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*