Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ricercatori rivelano quanto sia difficile districarsi tra le norme UE sui claim salutistici

Uno studio sulle norme UE relative ai cosiddetti "health claims" cioè le indicazioni salutistiche nelle etichette degli alimenti posti in vendita ha rivelato che le leggi europee del settore sono complesse, ma praticabili.

Lo studio, guidato dalla P.ssa Monique Raats dell'Università del Surrey insieme a ricercatori sloveni e danesi, ha evidenziato che le regole europee sulla pubblicità di benefici salutistici degli alimenti, creano ostacoli ai produttori che intendano dimostrare proprietà benefiche dimostrate scientificamente.

Il regolamento europeo sui cliam salutistici (Nutrition and Health Claims Regulation (NHCR) 2006: European Commission No. 1924/2006) ha stabilito, per la prima volta, un quadro comune per tutti i paesi dell'UE. I ricercatori però avvisano, in specie considerando gli articoli 13.5 e 14.1 del regolamento, che dimostrare gli effetti salutari di un alimento risulta in pratica molto difficile e costoso.

"Perfino un'accurata documentazione scientifica e il parere favorevole dell'EFSA non garantiscono l'autorizzazione all'uso di un health claim, in quanto l'ultima parola spetta ai dicasteri per la salute pubblica o a questioni sanitarie", dice Igor Pravst dell'Istituto per la nutrizione di Lubiana, in Slovenia

Liisa Lähteenmäki, professoressa presso l'Università di Aarhus, in Danimarca, afferma che solo le imprese che operano con strategie a lungo termine circa innovazioni sul fronte della salute saranno avvantaggiate solo quando si troveranno nella condizione di comprovare una data affermazione salutistica.

La Prof.ssa Rosalind Malcolm del'Università del Surrey, che ha lavorato sugli aspetti normativi, ha scoperto che da parte delle autorità nazionali c’è una buona comunicazione che potrebbe essere usata per fornire maggiori informazioni alle industrie circa il processo da seguire per comprovare un dato claim salutistico.

Tutti questi studi sono accorpati nel progetto REDICLAIM, finanziato dall'UE, e finalizzato proprio a quei claim salutistici alimentari, collegati alla riduzione del rischio di patologie.

Data di pubblicazione: 21/04/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/02/2018 La batata e' ricca di sostanza salutari sia nella polpa che nella buccia
21/02/2018 Le proprieta' antinfiammatorie dei mirtilli e dell'uva nera
20/02/2018 Junk food e tumori: in un nuovo studio le possibili correlazioni
19/02/2018 Il valore nutrizionale dei micro-ortaggi
16/02/2018 Le proprieta' terapeutiche dello scalogno
16/02/2018 Roma: si' ai menu' vegani e vegetariani nelle mense scolastiche
16/02/2018 Il cavolo verza aiuta l'apparato digerente
15/02/2018 Gli anacardi possono combattere l'ipertensione e migliorare i livelli di colesterolo
14/02/2018 Gli spinaci sono ricchi di fibre e di acido folico
14/02/2018 Il carciofo e' alleato del fegato e del cuore
13/02/2018 EFSA: piu' fondi pubblici per la sicurezza alimentare
13/02/2018 Parma: sequestrate 20mila confezioni di conserve
13/02/2018 Aceto di mele: uno studio conferma gli effetti sulla linea
12/02/2018 Il virus New Delhi si diffonde in Marocco
12/02/2018 Il valore funzionale di nove cultivar di aglio
06/02/2018 Gli ortaggi a foglia verde rallentano il declino cognitivo
05/02/2018 Il cavolo nero e' un ortaggio versatile e ricco di proprieta' salutari
05/02/2018 I cavoletti di Bruxelles sono ricchi di antiossidanti utili a contrastare i radicali liberi
02/02/2018 L'esclusione di fungicidi dalla produzione di fichi ha generato una crescita nei volumi
01/02/2018 Il profilo nutrizionale delle fragole fresche

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*