Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ricercatori rivelano quanto sia difficile districarsi tra le norme UE sui claim salutistici

Uno studio sulle norme UE relative ai cosiddetti "health claims" cioè le indicazioni salutistiche nelle etichette degli alimenti posti in vendita ha rivelato che le leggi europee del settore sono complesse, ma praticabili.

Lo studio, guidato dalla P.ssa Monique Raats dell'Università del Surrey insieme a ricercatori sloveni e danesi, ha evidenziato che le regole europee sulla pubblicità di benefici salutistici degli alimenti, creano ostacoli ai produttori che intendano dimostrare proprietà benefiche dimostrate scientificamente.

Il regolamento europeo sui cliam salutistici (Nutrition and Health Claims Regulation (NHCR) 2006: European Commission No. 1924/2006) ha stabilito, per la prima volta, un quadro comune per tutti i paesi dell'UE. I ricercatori però avvisano, in specie considerando gli articoli 13.5 e 14.1 del regolamento, che dimostrare gli effetti salutari di un alimento risulta in pratica molto difficile e costoso.

"Perfino un'accurata documentazione scientifica e il parere favorevole dell'EFSA non garantiscono l'autorizzazione all'uso di un health claim, in quanto l'ultima parola spetta ai dicasteri per la salute pubblica o a questioni sanitarie", dice Igor Pravst dell'Istituto per la nutrizione di Lubiana, in Slovenia

Liisa Lähteenmäki, professoressa presso l'Università di Aarhus, in Danimarca, afferma che solo le imprese che operano con strategie a lungo termine circa innovazioni sul fronte della salute saranno avvantaggiate solo quando si troveranno nella condizione di comprovare una data affermazione salutistica.

La Prof.ssa Rosalind Malcolm del'Università del Surrey, che ha lavorato sugli aspetti normativi, ha scoperto che da parte delle autorità nazionali c’è una buona comunicazione che potrebbe essere usata per fornire maggiori informazioni alle industrie circa il processo da seguire per comprovare un dato claim salutistico.

Tutti questi studi sono accorpati nel progetto REDICLAIM, finanziato dall'UE, e finalizzato proprio a quei claim salutistici alimentari, collegati alla riduzione del rischio di patologie.

Data di pubblicazione: 21/04/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

11/12/2017 La cicoria e' un ottimo rimedio contro l'acne
07/12/2017 Il porro e' un antibiotico naturale contro l'influenza stagionale
06/12/2017 L'aglio puo' combattere le infezioni croniche
05/12/2017 L'avocado calma i dolori dell'osteoporosi
04/12/2017 L’aglio sconfigge i batteri resistenti agli antibiotici
01/12/2017 Ecco perche' dovremmo mangiare pomodori tutti i giorni
30/11/2017 I datteri, un grande aiuto per l'apparato circolatorio
30/11/2017 I cavolini di Bruxelles proteggono la retina degli occhi
29/11/2017 Piu' frutta e verdura per aiutare la fertilita'
27/11/2017 La barbabietola rossa combatte l'anemia e depura l'organismo
27/11/2017 Tanti buoni motivi per bere il succo di mele
24/11/2017 Incontri divulgativi sull’Aromia bungii, pericoloso insetto parassita delle drupacee
23/11/2017 Pistacchi e arachidi migliorano la memoria e le abilita' cognitive
22/11/2017 Le numerose virtu' benefiche del carciofo
21/11/2017 Il cavolo verza e' un toccasana per le vie respiratorie e la pelle
20/11/2017 Broccoli e cavoli sono alleati della nostra salute
16/11/2017 Nuovo video Dole Snack Circle: Vitamin Shake
16/11/2017 Il grasso che fa bene al cuore: lo studio di Harvard sulle proprieta' delle noci
15/11/2017 Incontro divulgativo sulla problematica della Tuta absoluta su pomodoro: possibili scenari futuri
15/11/2017 I bambini che passano piu' tempo davanti alla tv tendono a mangiare in modo meno salutare

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*