Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ricercatori rivelano quanto sia difficile districarsi tra le norme UE sui claim salutistici

Uno studio sulle norme UE relative ai cosiddetti "health claims" cioè le indicazioni salutistiche nelle etichette degli alimenti posti in vendita ha rivelato che le leggi europee del settore sono complesse, ma praticabili.

Lo studio, guidato dalla P.ssa Monique Raats dell'Università del Surrey insieme a ricercatori sloveni e danesi, ha evidenziato che le regole europee sulla pubblicità di benefici salutistici degli alimenti, creano ostacoli ai produttori che intendano dimostrare proprietà benefiche dimostrate scientificamente.

Il regolamento europeo sui cliam salutistici (Nutrition and Health Claims Regulation (NHCR) 2006: European Commission No. 1924/2006) ha stabilito, per la prima volta, un quadro comune per tutti i paesi dell'UE. I ricercatori però avvisano, in specie considerando gli articoli 13.5 e 14.1 del regolamento, che dimostrare gli effetti salutari di un alimento risulta in pratica molto difficile e costoso.

"Perfino un'accurata documentazione scientifica e il parere favorevole dell'EFSA non garantiscono l'autorizzazione all'uso di un health claim, in quanto l'ultima parola spetta ai dicasteri per la salute pubblica o a questioni sanitarie", dice Igor Pravst dell'Istituto per la nutrizione di Lubiana, in Slovenia

Liisa Lähteenmäki, professoressa presso l'Università di Aarhus, in Danimarca, afferma che solo le imprese che operano con strategie a lungo termine circa innovazioni sul fronte della salute saranno avvantaggiate solo quando si troveranno nella condizione di comprovare una data affermazione salutistica.

La Prof.ssa Rosalind Malcolm del'Università del Surrey, che ha lavorato sugli aspetti normativi, ha scoperto che da parte delle autorità nazionali c’è una buona comunicazione che potrebbe essere usata per fornire maggiori informazioni alle industrie circa il processo da seguire per comprovare un dato claim salutistico.

Tutti questi studi sono accorpati nel progetto REDICLAIM, finanziato dall'UE, e finalizzato proprio a quei claim salutistici alimentari, collegati alla riduzione del rischio di patologie.

Data di pubblicazione: 21/04/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

28/04/2017 Demenza e ictus, rischio concreto per i consumatori di bibite
28/04/2017 Bere succo di barbabietola prima di fare sport fa bene anche al cervello
28/04/2017 Le patate non sono nemiche del cuore
27/04/2017 L'obesita' e' la principale causa di riduzione dell'aspettativa di vita
26/04/2017 Patatine fritte: rischio acrilammide nell'ambiente domestico
20/04/2017 Nuova tecnica per rilevare irregolarita' in ortofrutta
19/04/2017 Le proprieta' salutari degli spinaci
18/04/2017 Le proprieta' salutari del radicchio rosso
14/04/2017 Nielsen: per il 33% degli italiani i superfood possono sostituire alcune medicine
14/04/2017 Per tenere bassa la pressione piu' spinaci, avocado e banane
14/04/2017 Sicurezza e qualita' agroalimentare con Agro.Biolab Laboratory
13/04/2017 Agrofarma su report EFSA: l'Italia si conferma eccellenza nella sicurezza alimentare
13/04/2017 Residui di fitofarmaci negli alimenti: basso il rischio per i consumatori in tutta l'UE
12/04/2017 I pistacchi sono validi alleati contro il diabete
12/04/2017 Le proprieta' salutari delle fragole
12/04/2017 In Svizzera diminuisce il consumo di verdura
11/04/2017 Per vivere piu' a lungo, spazio a cereali integrali, frutta, verdura, noci e semi
10/04/2017 Le fibre dei broccoli possono aiutare a prevenire il cancro al colon
07/04/2017 Dalla Spagna, richieste di controlli fitosanitari piu' severi
07/04/2017 Il plasma potrebbe salvare il cibo fresco dagli sprechi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*