Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ricercatori rivelano quanto sia difficile districarsi tra le norme UE sui claim salutistici

Uno studio sulle norme UE relative ai cosiddetti "health claims" cioè le indicazioni salutistiche nelle etichette degli alimenti posti in vendita ha rivelato che le leggi europee del settore sono complesse, ma praticabili.

Lo studio, guidato dalla P.ssa Monique Raats dell'Università del Surrey insieme a ricercatori sloveni e danesi, ha evidenziato che le regole europee sulla pubblicità di benefici salutistici degli alimenti, creano ostacoli ai produttori che intendano dimostrare proprietà benefiche dimostrate scientificamente.

Il regolamento europeo sui cliam salutistici (Nutrition and Health Claims Regulation (NHCR) 2006: European Commission No. 1924/2006) ha stabilito, per la prima volta, un quadro comune per tutti i paesi dell'UE. I ricercatori però avvisano, in specie considerando gli articoli 13.5 e 14.1 del regolamento, che dimostrare gli effetti salutari di un alimento risulta in pratica molto difficile e costoso.

"Perfino un'accurata documentazione scientifica e il parere favorevole dell'EFSA non garantiscono l'autorizzazione all'uso di un health claim, in quanto l'ultima parola spetta ai dicasteri per la salute pubblica o a questioni sanitarie", dice Igor Pravst dell'Istituto per la nutrizione di Lubiana, in Slovenia

Liisa Lähteenmäki, professoressa presso l'Università di Aarhus, in Danimarca, afferma che solo le imprese che operano con strategie a lungo termine circa innovazioni sul fronte della salute saranno avvantaggiate solo quando si troveranno nella condizione di comprovare una data affermazione salutistica.

La Prof.ssa Rosalind Malcolm del'Università del Surrey, che ha lavorato sugli aspetti normativi, ha scoperto che da parte delle autorità nazionali c’è una buona comunicazione che potrebbe essere usata per fornire maggiori informazioni alle industrie circa il processo da seguire per comprovare un dato claim salutistico.

Tutti questi studi sono accorpati nel progetto REDICLAIM, finanziato dall'UE, e finalizzato proprio a quei claim salutistici alimentari, collegati alla riduzione del rischio di patologie.

Data di pubblicazione: 21/04/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2017 I cachi sono energetici e fanno bene alla circolazione e alla pelle
19/10/2017 Germania: Lidl prende iniziative per contrastare le scelte dietetiche insane
19/10/2017 Il kumquat rafforza il sistema immunitario
18/10/2017 Cavoli, broccoli e spinaci aiutano a prevenire le malattie cardiovascolari
17/10/2017 L'olio migliora l'assorbimento dei nutrienti dell'insalata
16/10/2017 Il probiotico Lactobacillus acidophilus e le proprieta' benefiche del succo di mela
13/10/2017 La zucca fa bene alla pelle e alle unghie
12/10/2017 Richiamo per cime di rapa dopo caso di botulismo alimentare
11/10/2017 Spinaci surgelati ritirati, controlli negativi: non c'era mandragora
11/10/2017 Castagne: il valore nutraceutico del riccio
10/10/2017 Banane e avocado proteggono da malattie cardiache, infarto e ictus
09/10/2017 Le carote, ricche di proprieta' benefiche
06/10/2017 Le castagne combattono la stanchezza
06/10/2017 Gli anacardi sono ricchi di minerali e sostanze protettive per la salute
05/10/2017 Il Nac di Parma sequestra 27 tonnellate di prodotti ortofrutticoli senza tracciabilita'
05/10/2017 Ritirato lotto di spinaci surgelati per sospetta presenza di mandragora
04/10/2017 I polifenoli delle mele contro l'iper-assorbimento di glucosio e il diabete
04/10/2017 La parte piu' salutare dell'avocado e' quella che viene gettata via
03/10/2017 E' il tempo della dieta dell'uva
03/10/2017 Verdure meno nutrienti per colpa dell’aumento di CO2 nell'aria

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*