Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ricercatori rivelano quanto sia difficile districarsi tra le norme UE sui claim salutistici

Uno studio sulle norme UE relative ai cosiddetti "health claims" cioè le indicazioni salutistiche nelle etichette degli alimenti posti in vendita ha rivelato che le leggi europee del settore sono complesse, ma praticabili.

Lo studio, guidato dalla P.ssa Monique Raats dell'Università del Surrey insieme a ricercatori sloveni e danesi, ha evidenziato che le regole europee sulla pubblicità di benefici salutistici degli alimenti, creano ostacoli ai produttori che intendano dimostrare proprietà benefiche dimostrate scientificamente.

Il regolamento europeo sui cliam salutistici (Nutrition and Health Claims Regulation (NHCR) 2006: European Commission No. 1924/2006) ha stabilito, per la prima volta, un quadro comune per tutti i paesi dell'UE. I ricercatori però avvisano, in specie considerando gli articoli 13.5 e 14.1 del regolamento, che dimostrare gli effetti salutari di un alimento risulta in pratica molto difficile e costoso.

"Perfino un'accurata documentazione scientifica e il parere favorevole dell'EFSA non garantiscono l'autorizzazione all'uso di un health claim, in quanto l'ultima parola spetta ai dicasteri per la salute pubblica o a questioni sanitarie", dice Igor Pravst dell'Istituto per la nutrizione di Lubiana, in Slovenia

Liisa Lähteenmäki, professoressa presso l'Università di Aarhus, in Danimarca, afferma che solo le imprese che operano con strategie a lungo termine circa innovazioni sul fronte della salute saranno avvantaggiate solo quando si troveranno nella condizione di comprovare una data affermazione salutistica.

La Prof.ssa Rosalind Malcolm del'Università del Surrey, che ha lavorato sugli aspetti normativi, ha scoperto che da parte delle autorità nazionali c’è una buona comunicazione che potrebbe essere usata per fornire maggiori informazioni alle industrie circa il processo da seguire per comprovare un dato claim salutistico.

Tutti questi studi sono accorpati nel progetto REDICLAIM, finanziato dall'UE, e finalizzato proprio a quei claim salutistici alimentari, collegati alla riduzione del rischio di patologie.

Data di pubblicazione: 21/04/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2017 Proprieta' curative e benefici della papaya
22/06/2017 Il trucco per rendere le verdure piu' appetibili
22/06/2017 Che cosa intendono i giovani adulti per snack nutriente?
22/06/2017 Composti presenti nell'uva uccidono le cellule staminali del cancro del colon nei topi
21/06/2017 Osservatorio Grana Padano: chi non fa sport mangia peggio e ingrassa di piu
21/06/2017 USA: c'e' spazio per sovvenzionare l'acquisto di frutta e verdura?
21/06/2017 Consumo di frutta e verdura nella lotta al cancro: vediamo in che misura
21/06/2017 Avviato progetto di ricerca sui parassiti e patologie di pistacchio, carrubo e pomodoro
20/06/2017 Le virtu' benefiche e cosmetiche dell'ananas
19/06/2017 Stati Uniti: richiesta analisi dei rischi da importazioni di frutta polacca
16/06/2017 Le albicocche aiutano a proteggere la pelle dal sole
16/06/2017 Confermata l'azione specifica della quercetina di frutta e verdura contro la leucemia linfatica cronica
15/06/2017 Le proprieta' nutritive dei fichi secchi
15/06/2017 Dieci importanti benefici delle banane per la salute
14/06/2017 Nel mondo oltre 2 miliardi di persone obese o in sovrappeso
14/06/2017 Bambini, ecco perche' e' importante ridurre i succhi di frutta
13/06/2017 Frutta e verdura per una tintarella lampo
13/06/2017 Dal profilo fenolico si risale alla varieta' e origine geografica del succo di kiwi
12/06/2017 Le cipolle rosse sono una potente arma contro il cancro
09/06/2017 Mele, uva rossa e curcuma contrastano la crescita del tumore alla prostata

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*