Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Sempre meno addetti sulle linee di lavorazione dell'ortofrutta: l'automazione e' gia' realta'

In una recente lezione alla Bocconi, ho affrontato tra gli altri anche il tema della riduzione dei costi di manodopera nella filiera ortofrutticola e delle tecnologie oggi in grado di supplire al lavoro manuale. Ho portato come esempi di best practices:
  1. l'impianto di lavorazione della Mivor di Laces (BZ), una delle 7 cooperative che fanno parte della VI.P., l'Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta
  2. la rivoluzione determinata dalle calibratrici ottiche, tipo Unitec, in grado di monitorare anche i difetti interni delle ciliegie o di separare i gambi dai frutti.

Queste innovazioni hanno consentito di ottimizzare i processi, ridurre i costi e di liberare i lavoratori da mansioni ripetitive o fisicamente faticose e usuranti.


Il lavoratore della centrale ortofrutticola sarà sempre meno coinvolto dai processi hardware, per occuparsi di quelli software. Clicca qui per un reportage fotografico sull'impianto della Mivor.

E' chiaro però che siamo solo all'inizio di un percorso di automazione e robotizzazione che si amplierà anche alle fasi, ancora svolte manualmente, del confezionamento in alveoli o in cassette, come dimostrano le ricerche e le soluzioni tecniche già adottate in tale direzione. Vedasi a tal proposito gli esempi dello SmartPacker o della confezionatrice di fine linea Standard A-One Case Packer.

Per non parlare delle operazioni di raccolta in campo, dove l'implementazione di robot nei settori mele e fragole è già molto avanti (un esempio per tutti, l'Agrobot).



Il che significa, prospetticamente, una perdita di posti di lavoro nelle mansioni di manovalanza, che non sarà tuttavia possibile riequilibrare integralmente, in termini numerici, pur promuovendo i lavoratori a qualifiche superiori, quali ad esempio quelle di supervisione/controllo dei macchinari. Il settore ortofrutticolo è solo uno degli ambiti che saranno interessati da questi mutamenti nei processi produttivi.

Lavorare meno o non lavorare proprio?
Gli scenari di disoccupazione strutturale implicati nella cosiddetta quarta rivoluzione industriale, sono già stati menzionati in precedenza: in meno di 10 anni, i processori per computer raggiungeranno la potenza di elaborazione del cervello umano. Ciò significa che c'è una buona probabilità che molte mansioni oggi svolte dalle persone potranno essere assolte dai computer nei prossimi decenni.

Due ricercatori di Oxford, Carl Benedikt Frey e Michael A Osborne, hanno stimato che il 47% dei posti di lavoro negli Stati Uniti siano ad alto rischio di automazione (e dunque di estinzione - vedasi precedente articolo).

E' evidente che le politiche sociali nazionali e internazionali dovranno confrontarsi con una colossale perdita di posti di lavoro e dovranno porsi il dilemma di come riqualificare la manodopera oppure di come redistribuire i maggiori utili/risparmi generati dall'automazione dei processi per il sostentamento di intere fasce di popolazione.

Il sogno di lavorare meno, lasciando ai robot buona parte dei nostri compiti più gravosi, potrebbe scontrarsi con l'incubo della sussistenza di milioni di persone senza più alcuna possibilità di occupazione.

Data di pubblicazione: 20/03/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2017 Biologico: salutare, ma con moderazione
24/05/2017 Packaging in bioplastica per i prodotti ortofrutticoli: resistente all'umidita'
24/05/2017 Grecia: soluzioni di confezionamento in polistirolo espanso
24/05/2017 Colombia: piantagioni di frutta al posto della coca
24/05/2017 Stati Uniti, terza meta dei prodotti italiani
24/05/2017 Mango: dall'Italia un progetto per la lavorazione e commercializzazione in Africa
23/05/2017 Agrinsieme: urge una nuova normativa sul lavoro accessorio in agricoltura
23/05/2017 Start-up svizzera combatte gli sprechi ortofrutticoli
23/05/2017 Meno spreco alimentare con PerfoLid
23/05/2017 Agroalimentaria 2017: il reportage fotografico
23/05/2017 Le conseguenze per l'agricoltura della salinita' del suolo: Valagro presenta Retrosal
23/05/2017 Il Parlamento europeo si impegna a combattere lo spreco alimentare nell'Ue
22/05/2017 Il mondo sementiero affida a un video il suo appello per l'accesso alle risorse genetiche
22/05/2017 Istat: nel 2016 Italia primo Paese UE per valore aggiunto in agricoltura
22/05/2017 FAO: 70% del cibo nel mondo prodotto da aziende con meno di 5 ettari
22/05/2017 Cia Emilia-Romagna: serve un sostituto dei voucher, in agricoltura e non solo
22/05/2017 Nuove etichette dei fitofarmaci, occhio al 31 maggio
22/05/2017 Certis: trappola per il monitoraggio della cimice asiatica
22/05/2017 Vittoria: controlli sulle aziende che commercializzano prodotti ortofrutticoli
22/05/2017 Una nazione interamente bio: l'obiettivo della Repubblica di San Marino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*