Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'azienda neozelandese spiega la sua scelta

Marchio 'Romagna' in Nuova Zelanda, il parere dell'avvocato

"Ci piaceva il nome 'Romagna' e lo abbiamo scelto come marchio". E' arrivata puntuale la risposta dell'azienda neozelandese di cui vi abbiamo già parlato (cfr. FreshPlaza del 13/03/2017). Avevamo mandato loro una email, incuriositi da questa scelta e ieri è arrivata una cortese risposta da parte del responsabile marketing. Un breve riassunto: un nostro lettore ci ha mandato una foto dalla Nuova Zelanda dove, a scaffale, sono in vendita pomodori a marchio 'Romagna'. Marchio registrato, fra l'altro. Il pomodoro, ovviamente, è di produzione del Paese australe.



"Il nostro 'Romagna' – ha scritto il responsabile marketing neozelandese – è un pomodoro a bassa acidità. Cercavamo un nome che riflettesse lo stile del prodotto e abbiamo pensato che questo sarebbe stato un ottimo marchio".

Nessun problema, quindi, per i neozelandesi. A tal proposito però abbiamo chiesto l'opinione di Andrea Sirotti Gaudenzi, avvocato esperto a livello europeo in normativa su marchi e brevetti.


L'avvocato Andrea Sirotti Gaudenzi

"Nel nostro Paese - esordisce l'avvocato – e più in generale in Europa, esistono disposizioni che non permettono la registrazione di marchi costituiti esclusivamente dalle denominazioni generiche di prodotti o servizi. Tuttavia, in questo caso, l'indicazione 'Romagna' non ha alcuna aderenza con il luogo di origine dei prodotti e, quindi, sarebbe astrattamente possibile ritenere lecito il segno distintivo utilizzato. Ad ogni modo, non si deve dimenticare che un marchio di un prodotto alimentare contenente una espressione geografica, associata a un prodotto per pura fantasia (come nel caso concreto), potrebbe trarre in inganno gli utenti finali. Anche sulla base di una serie di principi espressi da fonti internazionali - conclude - si dovrebbe analizzare il caso specifico, per verificare se un comportamento come quello dell'impresa straniera sia pienamente in linea con le disposizioni applicabili in materia".

Data di pubblicazione: 14/03/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Ucraina: aumentate di sei volte le esportazioni di carote
31/07/2017 Romania: nel 2016, produzione vegetale tripla rispetto a quella animale
31/07/2017 Fagiolino di Sant'Anna: verdura antica e dimenticata della Toscana
31/07/2017 Syngenta: le ultime selezioni di cucurbitacee proposte al mercato
31/07/2017 New Delhi virus: un problema crescente soprattutto per le cucurbitacee
28/07/2017 Sipo: richieste dei clienti in linea con il 2016
28/07/2017 Ravanello: l’accumulo di metalli pesanti nell’ipocotile dipende dal genotipo
28/07/2017 Selezioni indiane di basilico per olio essenziale
28/07/2017 Ortica: da erba infestante a officinale ottima in cucina
28/07/2017 Pomodorino del piennolo del Vesuvio: un progetto di recupero della biodiversita' andato a buon fine
27/07/2017 Cipro trae vantaggio dal crescente appetito di gombo
26/07/2017 Il biologico cresce anche nel settore delle erbe aromatiche
25/07/2017 Pomodoro da industria: e' iniziata la trasformazione della materia prima
25/07/2017 Primo semestre 2017: consumi in crescita per la IV Gamma
25/07/2017 Aglio Rosso di Sulmona pronto per la vendita
25/07/2017 Spagna: i pomodori Piccolo arrivano sugli scaffali dei supermercati per la prima volta
24/07/2017 Funghi Funghi (Belgio): sono arrivati i primi gallinacci dalla Bielorussia
24/07/2017 Il ciliegino Mandello e il portinnesto Kaiser sono approdati in Tv
24/07/2017 Ad agosto ricomincia la messa a dimora dei funghi coltivati
21/07/2017 Cina: i prezzi dei broccoli sul mercato interno sono migliori di quelli ottenuti all'estero

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*