Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'azienda neozelandese spiega la sua scelta

Marchio 'Romagna' in Nuova Zelanda, il parere dell'avvocato

"Ci piaceva il nome 'Romagna' e lo abbiamo scelto come marchio". E' arrivata puntuale la risposta dell'azienda neozelandese di cui vi abbiamo già parlato (cfr. FreshPlaza del 13/03/2017). Avevamo mandato loro una email, incuriositi da questa scelta e ieri è arrivata una cortese risposta da parte del responsabile marketing. Un breve riassunto: un nostro lettore ci ha mandato una foto dalla Nuova Zelanda dove, a scaffale, sono in vendita pomodori a marchio 'Romagna'. Marchio registrato, fra l'altro. Il pomodoro, ovviamente, è di produzione del Paese australe.



"Il nostro 'Romagna' – ha scritto il responsabile marketing neozelandese – è un pomodoro a bassa acidità. Cercavamo un nome che riflettesse lo stile del prodotto e abbiamo pensato che questo sarebbe stato un ottimo marchio".

Nessun problema, quindi, per i neozelandesi. A tal proposito però abbiamo chiesto l'opinione di Andrea Sirotti Gaudenzi, avvocato esperto a livello europeo in normativa su marchi e brevetti.


L'avvocato Andrea Sirotti Gaudenzi

"Nel nostro Paese - esordisce l'avvocato – e più in generale in Europa, esistono disposizioni che non permettono la registrazione di marchi costituiti esclusivamente dalle denominazioni generiche di prodotti o servizi. Tuttavia, in questo caso, l'indicazione 'Romagna' non ha alcuna aderenza con il luogo di origine dei prodotti e, quindi, sarebbe astrattamente possibile ritenere lecito il segno distintivo utilizzato. Ad ogni modo, non si deve dimenticare che un marchio di un prodotto alimentare contenente una espressione geografica, associata a un prodotto per pura fantasia (come nel caso concreto), potrebbe trarre in inganno gli utenti finali. Anche sulla base di una serie di principi espressi da fonti internazionali - conclude - si dovrebbe analizzare il caso specifico, per verificare se un comportamento come quello dell'impresa straniera sia pienamente in linea con le disposizioni applicabili in materia".

Data di pubblicazione: 14/03/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

25/05/2018 Competizione accesa per gli asparagi francesi
25/05/2018 HM.CLAUSE, una presenza costante in Sicilia
25/05/2018 Sicilia: le varieta' Semillas Fito' rispondono alle esigenze dei coltivatori di peperoni
25/05/2018 ISI 82315 F1: una new entry nella gamma dei miniplum di ISI Sementi
25/05/2018 Vivai Cecere: un bilancio delle campagne pomodoro e asparago
24/05/2018 Combinare coltivazione in serra e all'aperto per garantire una produzione tutto l'anno
24/05/2018 Lattughe da pieno campo, tutte le novita' di Gautier
23/05/2018 Svizzera: orticoltura, serve un rafforzamento dell'orientamento strategico
22/05/2018 Ottimo prodotto e prezzi molto interessanti per il finocchio
22/05/2018 Venere Nera F1: focus sull'affermata varieta' Southern Seed
22/05/2018 Cetrioli Blueleaf Rijk Zwaan: ciclo produttivo ancora piu' lungo grazie ai portinnesti
21/05/2018 Azienda agricola Orto e Novita' punta sui microgreens
21/05/2018 Pomodori per ogni gusto: Cora Seeds propone un percorso di scoperta... nel piatto
21/05/2018 Enza Zaden Italia presenta la nuova brochure finocchio
21/05/2018 Sapore significa di piu', non solo mera dolcezza
18/05/2018 Trattamenti post-raccolta per preservare la qualita' dei calcots
18/05/2018 Germania: la grande distribuzione sta per passare al cavolfiore locale
18/05/2018 Lattuga iceberg a marchio ILFRES: avvio ufficiale della campagna
18/05/2018 Preferiscimi: un brand per il commercio ortofrutticolo siciliano
18/05/2018 Il mercato europeo delle erbe aromatiche e' in forte crescita

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*