Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le conserve di Milvia: imporsi dei limiti per rimanere in accordo con la natura



Una lunga esperienza nel mondo della comunicazione, una passione sconfinata per la cucina e una militanza nel mondo del biologico e del consumo critico nella capitale: questi i tre tratti che, combinati insieme hanno portato Milvia Vincenzini, un bel giorno, ad aprire una Iad-impresa alimentare domestica, per produrre le proprie conserve (a marchio Conserve di Milvia): 14 specialità così curate una per una da poter essere definite 14 gioiellini.



L'ingrediente alchemico: un amico contadino innamorato dei prodotti della sua terra, che nell'estate del 2012 la riempie di magnifici ortaggi. Ecco l'ispirazione; comincia la creazione. Sono anni critici per la professione che Milvia svolge da free lance. Grafica, art director e illustratrice, il lavoro cala ma aumenta il tempo libero.



Tempo libero che si trasforma in voglia di fare e creatività che si riversa su questa passione, la professionalità al servizio di questa nuova creatura. In poco tempo il catalogo della produzione si definisce, così come l'immagine dell'azienda, che si avvale di tutta l'esperienza professionale di Milvia, diventando un punto forte dell'impresa.



Prima ancora di assaggiarle, infatti, siamo attratti dai vasetti semplici, freschi, colorati, che promettono un prodotto genuino e unico. La promessa è mantenuta all'assaggio e dalle soddisfazioni dei clienti che ritornano e che riconoscono in ogni referenza la particolarità e la cura che caratterizza ogni processo di produzione, dalla scelta dei frutti fino all'invasettamento.



Quando assaggiamo le conserve, capiamo subito di trovarci al cospetto di qualcosa di curato nei minimi particolari, fatto di materie prime eccellenti e quasi sempre certificate bio, trattate con amore, combinate nella ricerca di gusti insoliti che trovano mille usi sulle nostre tavole.



"Tengo a precisare che la mia produzione di conserve non ambisce a superare i propri limiti – racconta Milvia- al contrario si impone dei limiti, forse in disaccordo con le dure leggi del mercato, ma certamente in accordo con la natura e con il significato che ogni vasetto contiene in sé".



Per questo gli ingredienti sono sempre di stagione e preferibilmente biologici, ad eccezione di quelli che provengono da mani amiche di cui si conosce l'amore e il rispetto verso i prodotti della terra; tutti nostrani, e frutto di lavoro etico.



"Ho cominciato con la Muy Piccantilla, trasformato a base di peperoni e peperoncini, ho continuato con il chutney di zucca e la confettura di peperoncino, e poi sono arrivati gli agrumi, fragole e pere e molto altro ancora. La caratteristica di non essere un'azienda agricola che in un certo senso è 'costretta' a utilizzare la frutta e gli ortaggi di propria produzione, diventa un plus, perché mi sento libera di usare quello che mi ispira, con tutta la carica di energia vitale che poi si riverserà nel piccolo vasetto del prodotto finito".



Ovviamente non troveremo le conserve nei circuiti della Gdo. Di tanto in tanto è possibile trovarle da Eataly o in alcuni mercati di Roma, accompagnate personalmente da Milvia che le spiega una per una e le fa assaggiare. Pochi i punti vendita, ma estremamente selezionati, dove è possibile trovare le 14 referenze, tra salse piccanti o agrodolci, confetture e marmellate.



Alcune conserve si prestano all'uso tradizionale per la prima colazione, altre per abbinamenti prevalentemente salati, particolarmente indicate per accompagnare formaggi, carni, legumi, pesce, cereali, insalate, verdure grigliate.

Contatti:
Conserve di Milvia

Milvia Vincenzini
Cell.: 338 4741464
Email: conserve@milviavincenzini.com
Web: www.conservedimilvia.com


Data di pubblicazione: 20/03/2017
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

29/03/2017 Il pomodorino Piennolo del Vesuvio DOP cerca di valicare i confini del prodotto di nicchia
28/03/2017 Bergotto: la bibita dissetante di puro succo di bergamotto
27/03/2017 La Rosa di Gorizia e' la star del radicchio piu' costoso al mondo
27/03/2017 Nuove miscele di te' a base di erbe aromatiche
24/03/2017 Giusafra lancia SpinaAmara un mix di ficodindia, arancia amara e cardo selvatico
23/03/2017 La primavera e' veggie con "I Freschi di Fior di Loto"
23/03/2017 Orogel: le gelate di gennaio hanno fatto volare le vendite di surgelati
23/03/2017 Il Giardino del Bergamotto: trasformati da agrumi freschi appena raccolti dagli alberi
23/03/2017 Valbona scommette sulle Magie della Natura: Flan di verdure e Veganette
22/03/2017 La geometra delle confetture: consigli tecnici per trasformare ortofrutta
21/03/2017 Approvato il Disciplinare di produzione integrata del pomodoro da industria del bacino Centro-Meridionale
21/03/2017 Dal pistacchio dell'Etna nascono i veri sapori dell'oro verde
21/03/2017 Hudisa: specialista spagnolo nei trasformati a base di piccoli frutti
20/03/2017 Pomodoro: Italia a tutto export, il prodotto piu' amato e' il pelato
20/03/2017 Tomra e Kangfa Food collaborano per la selezione automatica di pesche e albicocche trasformate
17/03/2017 Biobreak Noberasco Eletto Prodotto dell'Anno 2017
17/03/2017 Ferrara Food, agli agricoltori mancano 12 milioni di euro per il pomodoro
17/03/2017 Wilkin & Sons: e' inglese il brand della marmellata piu' famosa al mondo
17/03/2017 Santoro conserve lancia la crema dolce di pistacchio gluten free e senza olio di palma
16/03/2017 La surgelazione rapida individuale IQF rende i supercibi accessibili a un numero maggiore di consumatori

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*