Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli ostacoli che ancora frenano la ripresa italiana secondo il rapporto Ancd Conad

Non c'è molto di cui stare allegri per quanto emerso ieri a Roma in occasione della presentazione del X Rapporto sulla legislazione commerciale di Ancd Conad.

Burocrazia, mancata concorrenza, illegalità e corruzione. A più di otto anni dall'inizio della crisi economica, sono ancora questi i legacci che impediscono all'Italia di ingranare la marcia della ripresa.

Confindustria attribuisce alla burocrazia un costo del 4 per cento del Pil e all'insufficiente concorrenza un altro 11 per cento. Se poi la corruzione fosse portata al livello di quella spagnola il Pil potrebbe crescere dello 0,6 per cento.



L'Italia nella classifica delle liberalizzazioni
Nell'Indice delle liberalizzazioni 2016 dell'Istituto Bruno Leoni l'Italia totalizza 70 punti su 100. Siamo lontani dai 94 punti della Gran Bretagna, gli 80 della Spagna, i 79 dei Paesi Bassi.

Mentre il Ddl concorrenza 2015 è fermo in Parlamento da più di due anni, alcuni settori economici restano imbrigliati da inutili vincoli di natura corporativa, e attendono una spinta liberalizzatrice che elimini barriere alla vendita per liberalizzare i prezzi.



L'Italia nella morsa della burocrazia
Nella relazione 2015-2016 sulla competitività globale del Forum economico mondiale, l'inefficienza della burocrazia è considerata il principale ostacolo all'attività commerciale e imprenditoriale in Italia. Contemporaneamente l'eccesso di norme spesso in conflitto tra loro concorrono a rallentare i processi imprenditoriali, costringendo le imprese a continui stop&go. E' necessario che l'Italia recuperi efficienza che le consenta di scalare le classifiche che la vedono al 65esimo posto nel rapporto "Doing business".



L'(in)certezza del diritto
Con una media di 608 giorni, l'Italia è al terz'ultimo posto nell'Unione Europea per lunghezza dei processi di prima istanza civili e commerciali. Sono tempi che non consentono la rapida definizione dei contenziosi che possono riguardare le imprese, e che scoraggiano gli investimenti. Ogni imprenditore ha necessità di operare in un sistema organizzato con regole certe e condivise, efficiente, semplice e fruibile, che garantisca a tutti le medesime condizioni per competere lealmente in un mercato libero.

La mancanza di questi requisiti genera incertezza, ritardi nella definizione delle procedure burocratiche e rischia di alimentare fenomeni di illegalità diffusa.

Vogliamo parlare anche della corruzione?
Secondo la ricerca Corruption Perceptions Index 2016 di Transparency International, l'Europa continua ad essere tra i continenti più virtuosi, in termini di livelli di corruzione, con Danimarca, Finlandia, Svezia, Svizzera, Norvegia, Paesi Bassi e Germania tra i primi dieci Paesi più virtuosi.

L'Italia, però, arriva solo decine di posizioni dopo, con un punteggio di 47, sotto la media globale di 43, nonostante sia migliorata di 3 punti rispetto al 2015. Davanti a noi anche Ungheria, Giordania, Romania e Cuba.

Data di pubblicazione: 17/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/04/2018 In Angola sorgera' il piu' grande centro agroalimentare d'Africa
23/04/2018 ANBI: riserve idriche al Nord sopra le medie stagionali, al Sud sotto
23/04/2018 Cia: grazie al CETA sale l'export agroalimentare italiano verso il Canada
23/04/2018 La Commissione europea propone la firma e la conclusione degli accordi con Giappone e Singapore
23/04/2018 L'Italia torna al primo posto per i fondi UE alle OP ortofrutticole
23/04/2018 Assicurazioni in agricoltura, via libera alla nuova normativa
23/04/2018 L'Iran dice addio al Dollaro e abbraccia l'Euro
23/04/2018 La Francia e' un importatore netto di ortofrutticoli freschi
20/04/2018 L'Albania e' il tesoro nascosto dell'Europa
20/04/2018 Da un prodotto biologico ci si aspetta anche un imballaggio sostenibile
20/04/2018 Approvato regolamento sul biologico: le nuove regole UE criticate dall'Italia
20/04/2018 Grande successo per le riunioni tecniche di Arrigoni in Sicilia
20/04/2018 Che fine fanno le normative italiane sull'etichettatura dopo l'approvazione del Reg. UE?
19/04/2018 Croazia: calo nella produzione di mandaranci, pere, susine, brassiche, carote, aglio e cipolla
19/04/2018 Dallo Sri Lanka per incontrare clienti europei
19/04/2018 Empack e Packaging Innovations: il reportage fotografico
18/04/2018 Zerbinati partner di Vanity Fair alla Design Week
18/04/2018 Serbia: controllo straordinario di tutti gli importatori ortofrutticoli
18/04/2018 UE: consenso unanime dei ministri dell'Agricoltura alle norme sulle pratiche sleali
18/04/2018 Estensione d'impiego di Decis Evo di Bayer per il controllo dell'insetto vettore di Xylella fastidiosa

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*