Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gabriele Ferri: il modello Opera e' replicabile in altri comparti produttivi

"La maggiore criticità del nostro settore è la sua frammentazione; cosa che è emersa anche in occasione della fiera Fruit Logistica a Berlino", così Gabriele Ferri, direttore commerciale di Opera (l'unica Organizzazione di frutticoltori italiani specializzata esclusivamente sulla pera), in un'intervista rilasciata a FreshPlaza.

"Quando sono in pochi a comprare - si pensi al processo di consolidamento, accorpamento e riduzione dei punti vendita in atto nella Gdo - e in tanti a vendere, la conseguenza è una sola: il mancato ritorno al produttore, che deve costituire invece il primo criterio dell'impresa ortofrutticola".

Secondo il manager, il passo avanti compiuto con la nascita di Opera, che ha visto la compartecipazione in un unico progetto commerciale di soggetti privati e di cooperative, costituisce un modello potenziale anche per altre produzioni. In riferimento alla neocostituita Rete d'Impresa "People of Sicily", ad esempio, Ferri sottolinea: "Se le imprese ci credono, non importa poi molto la forma societaria che si sceglie. L'importante è definire chi vende, il quale però deve poterlo fare; stabilire a chi vendere e a quali condizioni vendere. Gestire il listino e, soprattutto, rispettare il ritorno netto al produttore. Devo insomma sapere quanto mi rimane per il produttore. Questo, come ribadisco, è il fattore decisivo, che deve spingere a mettere da parte i personalismi e a fare sistema".

Paragonando il settore ortofrutticolo italiano con quello spagnolo, Ferri sottolinea il fatto che la Spagna è partita da una base produttiva molto più aggregata rispetto alla nostra: "Il che si è riflesso anche a livello commerciale; la frammentazione non ha mai costituito un problema perché non è mai esistita. Certo, in Spagna anche i costi d'esercizio sono minori; si pensi solo ai prezzi dei carburanti e dell'energia, ben inferiori che in Italia".

La stagione commerciale della pera Opera
"Opera è un player interessante per tutto il mondo - ci dice Ferri - Anche in fiera a Berlino abbiamo trovato riscontri. Quando si propone qualcosa di nuovo, si stimola anche la domanda".



"In quanto agli stock, prevediamo di fornire prodotto al mercato fino ad aprile/inizi di maggio. Le vendite procedono bene; siamo leggermente avanti rispetto al piano di decumulo previsto. In ogni caso, disponiamo di prodotto a sufficienza tanto per i clienti storici, quanto per quelli nuovi e per l'estero. Fortunatamente, i consumi interni di frutta in molti Paesi del mondo stanno crescendo e questo è un bene per tutto il settore. Pur nel contesto di una crescente tendenza per i regionalismi e per i prodotti locali, in cui il consumatore dà preferenza al cosiddetto km zero, se la frutta d'importazione è valida, trova comunque il suo spazio".



Nella stagione 2015/16, Opera e i suoi Soci hanno gestito 209.255 tonnellate di pere delle principali varietà, servendo oltre 1.000 clienti in 48 Nazioni, con un incremento delle esportazioni di oltre il 25% rispetto alla campagna precedente e realizzando un fatturato di € 151,4 milioni. La varietà principale di pera rimane la Abate Fetel, ma si sta lavorando ad ampliare l'assortimento, anche con sperimentazioni sulle varietà a buccia rossa.

Data di pubblicazione: 16/02/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 Fru-Italy diventa JoinFruit: un'OP che parte dal nome come simbolo di una svolta
20/11/2017 Mango, avocado & C.: i segreti di un successo sempre piu' globale
16/11/2017 Agrinsieme: bene la valorizzazione dell'imprenditoria femminile in agricoltura
14/11/2017 Donne in agricoltura: l'Austria al primo posto nella Ue
13/11/2017 SDA Bocconi apre le iscrizioni ai nuovi corsi in materia di Agribusiness
13/11/2017 La pera esce dall'anonimato e conquista il web
13/11/2017 Un operaio agricolo su cinque non e' in regola con la normativa
10/11/2017 Caporalato, Ministro Martina: con la legge contributi in agricoltura +7%
10/11/2017 C'e' bisogno di guardare i clienti negli occhi
08/11/2017 Storie sul cibo: come i produttori diventano strumenti del marketing
08/11/2017 AgriControl, il servizio che coniuga le esigenze della Gdo con la gestione dei processi produttivi
07/11/2017 Liti fra confinanti: come comportarsi per realizzare manufatti
07/11/2017 Serbia: proclamati i vincitori Intesa Farmer 2017 per i migliori imprenditori agricoli
06/11/2017 Diospiri, loti, kaki brillanti o lisci: comunque li si chiami e' il loro momento sul web
31/10/2017 Ortofrutta e industria alimentare: ingredienti tanti, co-marketing poco
30/10/2017 I funghi dominano il web e sono un prodotto globale
30/10/2017 Rete del lavoro agricolo di qualita': ancora nessun risultato di rilievo
27/10/2017 Agricoltura intensiva e tutela ambientale possono coesistere: il modello Interra Farm
24/10/2017 Zerbinati aderisce al progetto "Fabbriche Aperte" in Piemonte
24/10/2017 Maracchi (Accademia dei Georgofili): valorizzare il locale per rispondere alla globalizzazione

 

Commenti:


Condivido quanto afferma Gabriele Ferri e mi compiaccio per la chiarezza dell'articolo
roberto piazza, bologna, italia (email) - 18/02/2017 17:02:47


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*