Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gabriele Ferri: il modello Opera e' replicabile in altri comparti produttivi

"La maggiore criticità del nostro settore è la sua frammentazione; cosa che è emersa anche in occasione della fiera Fruit Logistica a Berlino", così Gabriele Ferri, direttore commerciale di Opera (l'unica Organizzazione di frutticoltori italiani specializzata esclusivamente sulla pera), in un'intervista rilasciata a FreshPlaza.

"Quando sono in pochi a comprare - si pensi al processo di consolidamento, accorpamento e riduzione dei punti vendita in atto nella Gdo - e in tanti a vendere, la conseguenza è una sola: il mancato ritorno al produttore, che deve costituire invece il primo criterio dell'impresa ortofrutticola".

Secondo il manager, il passo avanti compiuto con la nascita di Opera, che ha visto la compartecipazione in un unico progetto commerciale di soggetti privati e di cooperative, costituisce un modello potenziale anche per altre produzioni. In riferimento alla neocostituita Rete d'Impresa "People of Sicily", ad esempio, Ferri sottolinea: "Se le imprese ci credono, non importa poi molto la forma societaria che si sceglie. L'importante è definire chi vende, il quale però deve poterlo fare; stabilire a chi vendere e a quali condizioni vendere. Gestire il listino e, soprattutto, rispettare il ritorno netto al produttore. Devo insomma sapere quanto mi rimane per il produttore. Questo, come ribadisco, è il fattore decisivo, che deve spingere a mettere da parte i personalismi e a fare sistema".

Paragonando il settore ortofrutticolo italiano con quello spagnolo, Ferri sottolinea il fatto che la Spagna è partita da una base produttiva molto più aggregata rispetto alla nostra: "Il che si è riflesso anche a livello commerciale; la frammentazione non ha mai costituito un problema perché non è mai esistita. Certo, in Spagna anche i costi d'esercizio sono minori; si pensi solo ai prezzi dei carburanti e dell'energia, ben inferiori che in Italia".

La stagione commerciale della pera Opera
"Opera è un player interessante per tutto il mondo - ci dice Ferri - Anche in fiera a Berlino abbiamo trovato riscontri. Quando si propone qualcosa di nuovo, si stimola anche la domanda".



"In quanto agli stock, prevediamo di fornire prodotto al mercato fino ad aprile/inizi di maggio. Le vendite procedono bene; siamo leggermente avanti rispetto al piano di decumulo previsto. In ogni caso, disponiamo di prodotto a sufficienza tanto per i clienti storici, quanto per quelli nuovi e per l'estero. Fortunatamente, i consumi interni di frutta in molti Paesi del mondo stanno crescendo e questo è un bene per tutto il settore. Pur nel contesto di una crescente tendenza per i regionalismi e per i prodotti locali, in cui il consumatore dà preferenza al cosiddetto km zero, se la frutta d'importazione è valida, trova comunque il suo spazio".



Nella stagione 2015/16, Opera e i suoi Soci hanno gestito 209.255 tonnellate di pere delle principali varietà, servendo oltre 1.000 clienti in 48 Nazioni, con un incremento delle esportazioni di oltre il 25% rispetto alla campagna precedente e realizzando un fatturato di € 151,4 milioni. La varietà principale di pera rimane la Abate Fetel, ma si sta lavorando ad ampliare l'assortimento, anche con sperimentazioni sulle varietà a buccia rossa.

Data di pubblicazione: 16/02/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2017 Incontro Cia sulla (imperfetta) Legge contro il caporalato: le perplessita' del mondo agricolo
17/07/2017 Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico
17/07/2017 Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'
13/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - seconda parte
12/07/2017 Orogel premiata da Carrefour
12/07/2017 Resto al Sud: nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno
11/07/2017 La frutta va promossa, non svenduta
11/07/2017 Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?
11/07/2017 Migrazioni e Africa: per la FAO occorre affrontare il nodo della disoccupazione giovanile
10/07/2017 Intervista di FreshPlaza a Massimiliano Giansanti nel suo centesimo giorno da presidente Confagricoltura
10/07/2017 Pesche e nettarine: crisi mediterranea e web
10/07/2017 Nuovi voucher, un compromesso che scontenta tutti
07/07/2017 Il 12 luglio potrebbe diventare la Giornata Europea della Frutta?
06/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - prima parte
05/07/2017 Che cos'e' il Capitale Naturale
04/07/2017 Smart: un seminario gratuito con l'esperto digitale Andrea Maulini
03/07/2017 Consumi di ortofrutta e comunicazione, che strategie usiamo?
03/07/2017 Visite ispettive in azienda: l'agguato e' dietro l'angolo
30/06/2017 Rewe sfida il settore ortofrutticolo ad accrescere i consumi di 80 grammi al giorno
30/06/2017 Bagnara: 'Il futuro delle drupacee sta solo in una fortissima specializzazione'

 

Commenti:


Condivido quanto afferma Gabriele Ferri e mi compiaccio per la chiarezza dell'articolo
roberto piazza, bologna, italia (email) - 18/02/2017 17:02:47


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*