Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Confagricoltura Taranto definisce assurda la legge sul caporalato: gli indici di sfruttamento penalizzano gli imprenditori onesti

"Una legge nata per un motivo giusto ma con regole sbagliate e, soprattutto, penalizzanti per gli imprenditori onesti". Per Confagricoltura Taranto l'applicazione pratica della nuova legge contro il caporalato sta facendo venire a galla diverse criticità.

"A partire – dice il presidente Luca Lazzàro (in foto) - dagli indici di sfruttamento contenuti nel comma 2 dell'articolo 603-bis del codice penale". Per facilitare, infatti, il controllo degli ispettori del lavoro nella valutazione dello stato di bisogno dei soggetti colpiti, la norma stabilisce che deve realizzarsi almeno uno degli indici individuati: retribuzione difforme dai contratti collettivi nazionali, mancato rispetto dell'orario di lavoro, delle condizioni di sicurezza, controllo dei lavoratori. "Un collo di bottiglia assurdo – spiega Lazzàro – e così stretto che basta una lievissima infrazione per finire nel girone infernale degli sfruttatori, che non fa alcuna differenza tra imprenditori sani e soggetti malavitosi".

Fare chiarezza e distinguere, invece, è vitale per migliaia di aziende agricole che, altrimenti, rischiano conseguenze economiche e, soprattutto, penali pesantissime. "L'applicazione matematica delle norme – rimarca Lazzàro – si traduce in una mannaia burocratica che si abbatte sulle aziende, di fatto frenando le loro attività. Per questo vediamo con favore l'ordine del giorno, presentato dall'onorevole Nuccio Altieri, accolto dal Governo e finalizzato a far luce sui problemi che la nuova legge, pur condivisibile nel suo originario intento, sta creando ai produttori agricoli onesti".

"E' urgente – conclude Lazzàro – modificare la legge e renderla in grado di leggere la realtà senza filtri ideologici o pregiudizi, perché il lavoro in agricoltura non genera di per sé sfruttamento".

Data di pubblicazione: 14/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2017 Incontro Cia sulla (imperfetta) Legge contro il caporalato: le perplessita' del mondo agricolo
17/07/2017 Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico
17/07/2017 Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'
13/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - seconda parte
12/07/2017 Orogel premiata da Carrefour
12/07/2017 Resto al Sud: nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno
11/07/2017 La frutta va promossa, non svenduta
11/07/2017 Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?
11/07/2017 Migrazioni e Africa: per la FAO occorre affrontare il nodo della disoccupazione giovanile
10/07/2017 Intervista di FreshPlaza a Massimiliano Giansanti nel suo centesimo giorno da presidente Confagricoltura
10/07/2017 Pesche e nettarine: crisi mediterranea e web
10/07/2017 Nuovi voucher, un compromesso che scontenta tutti
07/07/2017 Il 12 luglio potrebbe diventare la Giornata Europea della Frutta?
06/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - prima parte
05/07/2017 Che cos'e' il Capitale Naturale
04/07/2017 Smart: un seminario gratuito con l'esperto digitale Andrea Maulini
03/07/2017 Consumi di ortofrutta e comunicazione, che strategie usiamo?
03/07/2017 Visite ispettive in azienda: l'agguato e' dietro l'angolo
30/06/2017 Rewe sfida il settore ortofrutticolo ad accrescere i consumi di 80 grammi al giorno
30/06/2017 Bagnara: 'Il futuro delle drupacee sta solo in una fortissima specializzazione'

 

Commenti:


La legge è giusta... per evitare questa incongruenza tra giornata effettiva e giornata riportata il busta paga, basterebbe solo che i prezzi di vendita dei nostri prodotti siano solo valorizzati da un mercato più onesto e con meno speculazioni.
Sig. Lazzaro ma come si fa a lavorare 7 ore per €33? Quando va bene... In condizioni meteo non sempre favorevoli. Ma ha ragione pure il produttore che non può permettersi di pagare una tariffa giusta quando poi il prodotto va distrutto o deprezzato.
Saluti
Giacinto , Scanzano jonico, Italia (email) - 14/02/2017 09:29:53


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*