Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Confagricoltura Taranto definisce assurda la legge sul caporalato: gli indici di sfruttamento penalizzano gli imprenditori onesti

"Una legge nata per un motivo giusto ma con regole sbagliate e, soprattutto, penalizzanti per gli imprenditori onesti". Per Confagricoltura Taranto l'applicazione pratica della nuova legge contro il caporalato sta facendo venire a galla diverse criticità.

"A partire – dice il presidente Luca Lazzàro (in foto) - dagli indici di sfruttamento contenuti nel comma 2 dell'articolo 603-bis del codice penale". Per facilitare, infatti, il controllo degli ispettori del lavoro nella valutazione dello stato di bisogno dei soggetti colpiti, la norma stabilisce che deve realizzarsi almeno uno degli indici individuati: retribuzione difforme dai contratti collettivi nazionali, mancato rispetto dell'orario di lavoro, delle condizioni di sicurezza, controllo dei lavoratori. "Un collo di bottiglia assurdo – spiega Lazzàro – e così stretto che basta una lievissima infrazione per finire nel girone infernale degli sfruttatori, che non fa alcuna differenza tra imprenditori sani e soggetti malavitosi".

Fare chiarezza e distinguere, invece, è vitale per migliaia di aziende agricole che, altrimenti, rischiano conseguenze economiche e, soprattutto, penali pesantissime. "L'applicazione matematica delle norme – rimarca Lazzàro – si traduce in una mannaia burocratica che si abbatte sulle aziende, di fatto frenando le loro attività. Per questo vediamo con favore l'ordine del giorno, presentato dall'onorevole Nuccio Altieri, accolto dal Governo e finalizzato a far luce sui problemi che la nuova legge, pur condivisibile nel suo originario intento, sta creando ai produttori agricoli onesti".

"E' urgente – conclude Lazzàro – modificare la legge e renderla in grado di leggere la realtà senza filtri ideologici o pregiudizi, perché il lavoro in agricoltura non genera di per sé sfruttamento".

Data di pubblicazione: 14/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/02/2018 Imprese agricole: entro il 25 maggio mettersi in regola con la privacy
16/02/2018 Il lavoro sano e onesto porta i suoi frutti: OP APOC celebra i suoi 40 anni con risultati record
15/02/2018 Prorogata al 31 marzo la scadenza per l’esonero contributivo spettante ai giovani agricoltori
14/02/2018 Digital divide, Confagricoltura: 'Prendere esempio dalla Germania: investimenti per la copertura digitale delle zone rurali'
14/02/2018 Rijk Zwaan riceve il premio Best Employer 2017/2018
13/02/2018 Agroalimentare: crescita prevista di oltre il 2%, ma restano alcune criticita' sui tempi di pagamento tra le aziende
06/02/2018 Il Consorzio Le Galline Felici lavora con i gruppi di acquisto
05/02/2018 Italia Ortofrutta: il 50% della produzione ortofrutticola nazionale si riconosce nel sistema OP
05/02/2018 Mela Val Venosta consegna l'automezzo per il progetto 'Mobilita' in Alto Adige'
05/02/2018 Comparto ortofrutticolo del Sudest siciliano, la sfida del nuovo consorzio
05/02/2018 Da luglio 2018 stop ai pagamenti in contanti
02/02/2018 Giovani e lavoro: nascono 300 imprese al giorno, boom in agricoltura
01/02/2018 Le giuste informazioni permetteranno di sviluppare in anticipo un piano vendite
31/01/2018 Vendere all'estero: la mappa dei Paesi a rischio e di quelli tranquilli
26/01/2018 Giuseppe Calcagni laureato in Kazakhstan
25/01/2018 I produttori ucraini si uniscono per accedere al mercato globale
24/01/2018 Serena Pittella presenta le 'Donne dell'Ortofrutta' ai Protagonisti e lancia il programma 2018
23/01/2018 Cofinanziamento Ue per la promozione delle imprese
23/01/2018 OP Rosaria: l'altissima qualita' nelle arance rosse si ottiene al costo di enormi sacrifici
22/01/2018 Al via il voucher di 10mila euro per la digitalizzazione delle Pmi

 

Commenti:


La legge è giusta... per evitare questa incongruenza tra giornata effettiva e giornata riportata il busta paga, basterebbe solo che i prezzi di vendita dei nostri prodotti siano solo valorizzati da un mercato più onesto e con meno speculazioni.
Sig. Lazzaro ma come si fa a lavorare 7 ore per €33? Quando va bene... In condizioni meteo non sempre favorevoli. Ma ha ragione pure il produttore che non può permettersi di pagare una tariffa giusta quando poi il prodotto va distrutto o deprezzato.
Saluti
Giacinto , Scanzano jonico, Italia (email) - 14/02/2017 09:29:53


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*