Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Confagricoltura Taranto definisce assurda la legge sul caporalato: gli indici di sfruttamento penalizzano gli imprenditori onesti

"Una legge nata per un motivo giusto ma con regole sbagliate e, soprattutto, penalizzanti per gli imprenditori onesti". Per Confagricoltura Taranto l'applicazione pratica della nuova legge contro il caporalato sta facendo venire a galla diverse criticità.

"A partire – dice il presidente Luca Lazzàro (in foto) - dagli indici di sfruttamento contenuti nel comma 2 dell'articolo 603-bis del codice penale". Per facilitare, infatti, il controllo degli ispettori del lavoro nella valutazione dello stato di bisogno dei soggetti colpiti, la norma stabilisce che deve realizzarsi almeno uno degli indici individuati: retribuzione difforme dai contratti collettivi nazionali, mancato rispetto dell'orario di lavoro, delle condizioni di sicurezza, controllo dei lavoratori. "Un collo di bottiglia assurdo – spiega Lazzàro – e così stretto che basta una lievissima infrazione per finire nel girone infernale degli sfruttatori, che non fa alcuna differenza tra imprenditori sani e soggetti malavitosi".

Fare chiarezza e distinguere, invece, è vitale per migliaia di aziende agricole che, altrimenti, rischiano conseguenze economiche e, soprattutto, penali pesantissime. "L'applicazione matematica delle norme – rimarca Lazzàro – si traduce in una mannaia burocratica che si abbatte sulle aziende, di fatto frenando le loro attività. Per questo vediamo con favore l'ordine del giorno, presentato dall'onorevole Nuccio Altieri, accolto dal Governo e finalizzato a far luce sui problemi che la nuova legge, pur condivisibile nel suo originario intento, sta creando ai produttori agricoli onesti".

"E' urgente – conclude Lazzàro – modificare la legge e renderla in grado di leggere la realtà senza filtri ideologici o pregiudizi, perché il lavoro in agricoltura non genera di per sé sfruttamento".

Data di pubblicazione: 14/02/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/04/2017 Assemblea Fruitimprese 2017: piu' che la Brexit o il neo protezionismo, i veri problemi dell'ortofrutta italiana sono tutti nazionali
21/04/2017 Formazione continua in agricoltura con For.Agri, anche nel settore ortofrutticolo
20/04/2017 Con l’App TerraInnova una sezione per simulare la tua idea imprenditoriale
19/04/2017 Societa' di Malaga (Spagna) nasce su richiesta dei clienti
18/04/2017 Ma i contratti di rete servono? E se si', fanno guadagnare?
14/04/2017 The Spanish Orchard: unire le forze per un servizio migliore
13/04/2017 Syngenta al Food & Science Festival di Mantova promuove l'innovazione come risposta per il futuro dell'agricoltura
12/04/2017 PAC: un mare di burocrazia per 24 euro l'ettaro
10/04/2017 Fiere su fiere: arrivano i giorni caldi dell'agroalimentare italiano
10/04/2017 Fresh Food Marketing Leader: un evento rivolto ai leader delle aziende ortofrutticole
07/04/2017 Cina e tutela del brand: il sistema di registrazione di un marchio sul mercato cinese
06/04/2017 Donnalucata (RG): resoconto del seminario "GlobalGAP Plant Propagation Material"
05/04/2017 I danni di immagine della schiavitu' moderna colpiscono tutto il settore
04/04/2017 CSO: bando di gara per la selezione di organismo esecutore
03/04/2017 Legge sul caporalato: crescente stato di tensione nel comparto ortofrutticolo pugliese
03/04/2017 Appalti in ortofrutta, attenzione a non esagerare
03/04/2017 Made in Italy cresce con lavoro stranieri: 25.000 gli imprenditori che versano oltre 6 miliardi allo Stato
31/03/2017 Unimpresa: in dieci anni persi oltre 100.000 posti di lavoro in agricoltura
30/03/2017 Confagricoltura integra il suo codice etico contro lo sfruttamento dei lavoratori
30/03/2017 Come superare i software obsoleti nel settore ortofrutticolo

 

Commenti:


La legge è giusta... per evitare questa incongruenza tra giornata effettiva e giornata riportata il busta paga, basterebbe solo che i prezzi di vendita dei nostri prodotti siano solo valorizzati da un mercato più onesto e con meno speculazioni.
Sig. Lazzaro ma come si fa a lavorare 7 ore per €33? Quando va bene... In condizioni meteo non sempre favorevoli. Ma ha ragione pure il produttore che non può permettersi di pagare una tariffa giusta quando poi il prodotto va distrutto o deprezzato.
Saluti
Giacinto , Scanzano jonico, Italia (email) - 14/02/2017 09:29:53


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*