Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Simone Gatto: produzione di oli essenziali e succhi di agrumi



Fondata nel lontano 1926 da Salvatore Gatto, da quattro generazioni l'azienda Simone Gatto produce oli essenziali e succhi di agrumi italiani di alta qualità. L'attività ebbe inizio con il commercio di alcuni derivati agrumari e, nel tempo, divenne una vera e propria industria. Negli anni '60 era una piccola fabbrica di trasformazione con sede a Barcellona Pozzo di Gotto, ove l'estrazione dell'essenza avveniva manualmente con il metodo della "spugna".



Negli anni '70 lo stabilimento successivo, a Galati Marina, era già dotato per quei tempi di impianti moderni. Infine, dal 1988 l'unità produttiva fu trasferita nella zona industriale di San Pier Niceto (ME): impianto moderno e in continua evoluzione.

L'azienda investe in ricerca e nello sviluppo, nella produzione e nel confezionamento; tra i suoi punti di forza vanta alti livelli di reputazione per la fiducia e attenzione che riserva a clienti e fornitori, oltre che per il rispetto dei regolamenti italiani ed europei sull'igiene e sulla sicurezza.



Comportamento etico, sviluppo sostenibile e rispetto dell'ambiente sono alla base della politica aziendale, con particolare attenzione allo smaltimento dei rifiuti e dei fanghi di depurazione destinati a compost, del riciclo delle acque di processo per la tutela delle falde acquifere, e dell'utilizzo di energia verde.



Lo stabilimento di San Pier Niceto si estende su una superficie di 57.000 mq, di cui 11.500 mq coperti e destinati a uffici, attività di lavorazione e servizi.

Gli agrumi trasformati sono: limoni, mandarini, arance, pompelmi e bergamotti, dai quali si ottengono circa sessanta sottoprodotti. L'azienda dispone di attrezzature di alto livello tecnologico, per una capacità totale di trasformazione di cinquanta tonnellate di frutta l'ora.



Vilfredo Raymo, direttore generale dell'azienda, racconta: "Siamo molto attenti ai controlli di qualità dei prodotti commercializzati. La prima verifica viene effettuata sulla frutta in entrata. Si tratta sia di un controllo sia visivo sia analitico (grado Brix,  resa in succo e resa in olio essenziale), cui seguono le analisi sui prodotti in corso di lavorazione e su quelli finiti. Per gli oli essenziali i principali test sono: gascromatografia, residuo, colore (tramite colorimetro Minolta), rotazione, rifrazione, citral, densità, indice di perossidi, CD e solubilità".



"Sui succhi si determina il grado brix, la polpa, l'acidità, il contenuto di olio essenziale, il colore e il contenuto di antociani se trattasi di arancio rosso.
Altre analisi random sono effettuate presso laboratori accreditati. Si tratta di verifica metalli pesanti, pesticidi, furocumarine, ftalati e analisi microbiologiche per i succhi".



Le linee di estrazione per la trasformazione constano di taglia-brillatrici / sfumatrici per l'estrazione dell'essenza di limone, molto apprezzata in profumeria; i torchi per la produzione dell'essenza di mandarino gialla e rossa e brown per l'estrazione di essenza e succo da qualsiasi tipo di agrume. Le scorze esauste ottenute dai differenti processi di produzione sono integralmente destinate a mangime, alla produzione di pectina, all'essiccazione o alla produzione di biogas.
 


Il direttore prosegue: "L'azienda è in crescita progressiva. Abbiamo registrato un aumento del fatturato del 7%, dovuto in parte all'aumento del valore del bergamotto e dei limoni. Il comparto agrumicolo ha dinamiche molto complesse, per mandarini e limoni manteniamo il valore di mercato e non abbiamo competitor, mentre per l'arancia abbiamo dei costi di produzione molto alti che non ci mettono nella condizione di competere con altri paesi come il Brasile e la Spagna".



Il 15-20% del fatturato è relativo a clienti italiani. L'export rappresenta l'80%. Nell'ordine, i prodotti sono commercializzati in Francia, Svizzera, Spagna, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito, e oltreoceano negli States e in Giappone.

Contatti:
Simone Gatto Srl

Contrada San Biagio
98045 San Pier Niceto (ME)
Tel.: (+39) 090 9982911
Email: info@simonegatto.com
Web: www.simonegatto.com

Data di pubblicazione: 13/02/2017
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/03/2017 Giusafra lancia SpinaAmara un mix di ficodindia, arancia amara e cardo selvatico
23/03/2017 La primavera e' veggie con "I Freschi di Fior di Loto"
23/03/2017 Orogel: le gelate di gennaio hanno fatto volare le vendite di surgelati
23/03/2017 Il Giardino del Bergamotto: trasformati da agrumi freschi appena raccolti dagli alberi
23/03/2017 Valbona scommette sulle Magie della Natura: Flan di verdure e Veganette
22/03/2017 La geometra delle confetture: consigli tecnici per trasformare ortofrutta
21/03/2017 Approvato il Disciplinare di produzione integrata del pomodoro da industria del bacino Centro-Meridionale
21/03/2017 Dal pistacchio dell'Etna nascono i veri sapori dell'oro verde
21/03/2017 Hudisa: specialista spagnolo nei trasformati a base di piccoli frutti
20/03/2017 Pomodoro: Italia a tutto export, il prodotto piu' amato e' il pelato
20/03/2017 Le conserve di Milvia: imporsi dei limiti per rimanere in accordo con la natura
20/03/2017 Tomra e Kangfa Food collaborano per la selezione automatica di pesche e albicocche trasformate
17/03/2017 Biobreak Noberasco Eletto Prodotto dell'Anno 2017
17/03/2017 Ferrara Food, agli agricoltori mancano 12 milioni di euro per il pomodoro
17/03/2017 Wilkin & Sons: e' inglese il brand della marmellata piu' famosa al mondo
17/03/2017 Santoro conserve lancia la crema dolce di pistacchio gluten free e senza olio di palma
16/03/2017 La surgelazione rapida individuale IQF rende i supercibi accessibili a un numero maggiore di consumatori
16/03/2017 I super frutti biologici Giovomel concentrato di benessere e salute
15/03/2017 Succhi di frutta e verdura per fare il pieno di vitamine ogni mattina
14/03/2017 Pomodoro: intervista a Rabboni, presidente dell'Organizzazione interprofessionale

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*