Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Previsioni per la stagione mondiale 2016/17 delle pere

Mondo
Si prevede che la produzione mondiale di pere sia in crescita di 400.000 tonnellate, per un record di 25,4 milioni di ton, grazie a una decisa crescita in Cina (più di quanto facciano le minori coltivazioni europee). Le previsioni sul commercio prevedono anche una crescita delle esportazioni della Cina verso i mercati asiatici.

Cina
La produzione cinese di pere è stimata in crescita fino a 19,3 milioni di tonnellate (+600.000 ton), a seguito di nuove piantagioni. Le esportazioni proseguiranno nella loro tendenza al rialzo, aumentando di 79.000 ton, per un record di 480.000 sull'onda di maggiori spedizioni destinate in Asia, e in particolare in Vietnam, Thailandia e Indonesia. Le importazioni aumenteranno lievemente a 10.000 ton, per una modesta crescita costante della domanda di pere occidentali.



 
Europa
La produzione europea è destinata a diminuire per un volume di 220mila ton (arrivando a 2,3 milioni ton) a causa delle basse temperature e del clima umido durante la fioritura nei principali Stati membri produttori, quali Italia, Belgio e Spagna. Si prevede un calo di 45.000 ton anche nelle esportazioni (per complessive 265.000 ton), dal momento che una minore produzione porta a minori spedizioni verso i Paesi nordafricani. Ciò comporta, naturalmente, anche una crescita delle importazioni fino a 275.000 ton (+53.000), il che porterà a un sorpasso dell'Europa sulla Russia come maggiore importatore.

Stati Uniti
Le previsioni segnalano un lieve ammanco della produzione statunitense, che scende a 707.000 ton, causato principalmente da minori areali a frutteto negli Stati produttori occidentali (sulla scia di una tendenza pluriennale). Le esportazioni sono previste in calo fino a 150.000 ton per minori spedizioni in Messico. Le importazioni sono invece destinate ad aumentare fino a 85.000 ton (+6.000 ton) a causa della produzione interna ridotta, che favorirà le spedizioni provenienti da Cile e Argentina.

Sud America
La produzione in Argentina dovrebbe subire un leggero miglioramento, raggiungendo le 590.000 ton (+10.000 ton) nonostante le sfavorevoli condizioni climatiche e le minori superfici coltivabili stiano continuando a ridurre la fornitura del paese. Le esportazioni non subiscono cambiamenti, dal momento che gli elevati costi di produzione continuano a inibirne la crescita. Negli ultimi 6 anni, produzione ed export sono crollati di oltre il 30%.

La produzione cilena dovrebbe invece riprendersi dai danni climatici dell'annata precedente e raggiungere le 280.000 ton (+13.000 ton) grazie al maggior numero di ore di freddo di cui le piante hanno beneficiato durante l'inverno. Le esportazioni sono destinate a fare altrettanto, crescendo fino a 140.000 ton (+15.000 ton), dal momento che una maggiore quantità di prodotto esportabile porterà ad aumentare le spedizioni destinate ai mercati principali, Europa e Stati Uniti.
 
Sudafrica
Si prevede che la produzione sudafricana raggiunga le 440.000 ton (+10.000): una crescita dovuta ai nuovi impianti e alle condizioni climatiche favorevoli. Le esportazioni dovrebbero corrispondere a 260.000 ton (+11.000 ton) grazie ai maggiori volumi esportabili.

Russia
La produzione russa è destinata a migliorare leggermente, raggiungendo le 159.000 ton grazie alle migliori condizioni climatiche e alle aree coltivate stabili. Le importazioni continueranno a flettere fino a 245.000 ton (-18.000 ton) a causa della minore fornitura da parte della Bielorussia, per via dell'embargo russo all'import dai Paesi occidentali.

Fonte:  usda.gov

Data di pubblicazione: 11/01/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

14/12/2017 Marocco: l'areale delle fragole cresce da 10 a 3.660 ettari in 27 anni
14/12/2017 Melone Kiwano, qualcosa di speciale
14/12/2017 La Grecia contribuisce alle importazioni di pesche in Ucraina
14/12/2017 La Turchia non influenza i prezzi delle nocciole dell'Azerbaigian
14/12/2017 Una nuova mela gialla che viene dal Giappone
14/12/2017 L'avocado mini ha un'aria molto piu' festiva durante il periodo natalizio
13/12/2017 Liguria: presentato il marchio Nocciole Misto Chiavari
13/12/2017 Assomela: produzione di mele e situazione di mercato per la stagione 2017/2018
13/12/2017 Il clima riduce i volumi di litchi proveniente dal Sudafrica
13/12/2017 Aumentano i volumi di mela KORU in entrambi gli emisferi
12/12/2017 Confagricoltura Toscana: a rischio il 50% della produzione di ortofrutta
12/12/2017 India: i cicloni nella zona occidentale stanno devastando la produzione di uve di questa stagione
12/12/2017 La California continua a bruciare, distrutta gran parte del raccolto di avocado
12/12/2017 Attenzione rivolta agli avocado del Kenya
12/12/2017 Sudafrica: il primo raccolto di pere Celina e' previsto per il mese prossimo
12/12/2017 Spagna: creata la Commissione dei Mirtilli per facilitare gli scambi commerciali
12/12/2017 Pere: vendita accelerata per le precoci, buona conservabilita' per le Abate
12/12/2017 Mercato dei mirtilli stabile nonostante gli scioperi in Cile
12/12/2017 Nuova immagine e nuovo team commerciale per la OP Monte
11/12/2017 Mela Val Venosta: la qualita' e' anche sui social

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*