Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il parere di alcuni operatori del settore di Latina e Verona

Kiwi: mercato attendista in attesa della fiammata

Dopo il periodo delle festività, che ne è del kiwi? Abbiamo chiesto il parere a qualche operatore del settore. In pochi possono, o vogliono sbilanciarsi, su come sta andando l'annata "perché i conti si fanno alla fine". Addirittura qualcuno non ha voluto proprio parlarci, altri invece hanno capito che non c'è nulla da nascondere, e confrontarsi sulla situazione può essere positivo per tutti.



Daniele Di Manno di Italfrutta di Fondi (Latina) spiega con franchezza la situazione dal suo punto di vista. "Le vendite ci sono, tenendo presente che noi esportiamo oltre il 90% della produzione. I prezzi sono discreti, ma stiamo aspettando che crescano, per questo non c'è la 'corsa' a vendere da parte di nessuno. Sui mercati è presente ancora del prodotto greco: quando questo terminerà, ci sarà più spazio per il prodotto italiano".



Di Manno (foto a destra) quindi è ottimista, un ottimismo che deriva anche dall'internazionalità delle sue vedute. "Oggi abbiamo venduto kiwi negli Stati Uniti, la scorsa settimana in Nuova Zelanda. Altri Paesi sono gli Emirati Arabi, il Brasile, l'Argentina. A breve inizieremo in Asia. Vendere all'estero dà soddisfazioni, ma occorre essere preparati. Prima di tutto serve un prodotto di qualità che non abbia problemi ad affrontare 30-40 giorni di viaggio. Poi serve un partner affidabile nel paese di destinazione. Combinati questi due fattori, in genere la soddisfazione non manca perché si ottengono prezzi migliori di quelli del mercato interno".

"Il mercato attualmente sta attraversando una fase normale, senza grosse richieste ma anche senza troppi patemi" è l'opinione di Nicola Civiero di Ceradini Group (Verona). "Il lato positivo, rispetto al 2015/16, è che il prodotto ha mediamente una pezzatura maggiore che è molto più richiesto dai mercati. E le quotazioni dei kiwi con calibro maggiore sono sempre più alte rispetto agli altri. La qualità media è più che soddisfacente. Di certo l'annata rientra fra quelle molto positive sul fronte qualità. Circa i prezzi, è prematuro parlarne: siamo appena ai primi di gennaio e le vendite vanno avanti fino a maggio. Di certo siamo ottimisti per le prossime settimane".

Ceradini Group è un'azienda veronese che riunisce sotto di sé i marchi Ceradini B&C, Kingkiwi e Kingfruit. Sul kiwi, il loro mercato è per lo più estero. "La maggior parte della produzione - conclude Civiero - viene destinata a Cina, Stati Uniti, Canada, Australia, Germania, Belgio, Spagna, tanto per citare alcune nazioni. Fino ad oggi non ci sono state movimentazioni eccezionali anche perché nei mercati esteri vi è parecchio kiwi greco e la coda finale del prodotto dell'altro emisfero".

La partita si gioca sulla qualità, come ha ribadito il titolare Massimo Ceradini sempre su queste colonne (cfr FreshPlaza del 9/03/2016) lo scorso anno.

Per i dati del CSO Italy, clicca qui.

Data di pubblicazione: 10/01/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/01/2017 Eveo Intensive migliora la performance dell'uva da tavola Victoria in serra
20/01/2017 Papaya Formosa: un prodotto in diretta dal Brasile
20/01/2017 Ad Amsterdam il primo 'avocado bar' d'Europa
20/01/2017 L'uva da tavola certificata Uvitaly riscuote successo sul mercato e tra i produttori
20/01/2017 Stabili pere e kiwi, incremento dei volumi scambiati per le mele
20/01/2017 Semillas Fito' presenta le sue nuove proposte nel segmento melone
20/01/2017 Piemonte: in aumento il problema del cimiciato su nocciole
19/01/2017 I coltivatori di uva sudafricani investono nelle varieta' tardive
19/01/2017 Regno Unito: fornitura ridotta di uva e problemi di qualita'
19/01/2017 Melinda: conferiti 70 vagoni di ciliegie nel 2016
18/01/2017 In Corea del Sud coltivate fragole giganti
18/01/2017 Esotici: la richiesta di frutta aumenta piu' rapidamente di quella di verdure
18/01/2017 Le Filippine intendono avviare l'importazione di mele iraniane
18/01/2017 Sviluppo positivo nei prezzi delle pomacee
18/01/2017 I dieci frutti piu' costosi al mondo
17/01/2017 Lotta biologica al cancro corticale del castagno
17/01/2017 Apple 60: nuova varieta' club all'orizzonte per un produttore tedesco di mele
17/01/2017 Spagna: stime aggiornate sulla produzione di pomacee
17/01/2017 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 gennaio 2017
17/01/2017 Prossima stagione dei kiwi irta di sfide per il Cile

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*