Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Metodiche per il controllo dell'imbrunimento enzimatico in frutta e verdura

Il controllo dell'imbrunimento enzimatico è di grande importanza economica per il settore dell'ortofrutta fresca e lavorata. Esso influisce negativamente sulle caratteristiche di colore, gusto, sapore e valore nutrizionale di frutta e verdura; si stima infatti che sia la causa di oltre il 50% delle perdite.

Oggigiorno, sono disponibili nanomateriali biocompatibili, biodegradabili e atossici che potrebbero essere impiegati per controllare l'imbrunimento enzimatico di frutta e verdura di IV gamma.

Secondo uno studio pubblicato su Food Chemistry è possibile bloccare l'imbrunimento enzimatico del 50% utilizzando nanoparticelle di silice mesoporosa.

Un gruppo di ricercatori australiani e spagnoli ha infatti saggiato diversi materiali a base di silice mesoporosa a diverso pH, come agenti immobilizzanti o sequestranti la polifenol ossidasi  (PPO), enzima responsabile dell'imbrunimento enzimatico di frutta e verdura. Per lo studio diversi materiali mesoporosi (SBA-15, SBA-3 e MCM-48) sono stati selezionati per le loro caratteristiche morfologiche e strutturali.

I risultati suggeriscono che i materiali a base di silice mesoporosa offrono un approccio idoneo allo sviluppo di nuove procedure di inibizione della PPO in frutta e verdura, in particolare nelle mele.


Quantità di PPO adsorbita (mg di enzima/ g di materiale mesoporoso) dai diversi materiali a diversi valori di pH dopo 1 ora.

L'immobilizzazione dell'enzima PPO è un processo di diffusione controllato in cui i due fattori principali sono il pH e la dimensione dei pori. Tuttavia, anche il volume dei pori può essere rilevante in particolare per quanto riguarda la capacità di caricamento del materiale. Il tasso di immobilizzazione massima è stata osservata a pH 4, probabilmente perché le interazioni elettrostatiche tra l'enzima ed i gruppi silanolici delle pareti mesoporose sono favorevoli.

La dimensione e il volume dei pori dei materiali come SBA-15 offrono la più veloce e la maggior capacità di caricamento: il 50% dell'enzima PPO viene immobilizzato in soli 15 minuti. Questi risultati suggeriscono che SBA-15 può essere un materiale interessante per l'inattivazione di PPO sia nei succhi di frutta sia nella frutta di IV gamma.

Fonte: Paula Corell Escuin, Alfonso García-Bennett, Jose Vicente Ros-Lis, Angel Argüelles Foix, Ana Andrés, 'Application of mesoporous silica materials for the immobilization of polyphenol oxidase', 2017, Food Chemistry, Vol. 217, pag. 360–363.

Data di pubblicazione: 09/01/2017
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/06/2018 Un'innovativa serra da interni per avere l'orto dentro casa
20/06/2018 Phoenicia, una nuova piattaforma digitale per il commercio ortofrutticolo
19/06/2018 Scoperta l'attivita' antimicrobica di estratti di funghi antartici contro i batteri fitopatogeni
18/06/2018 L'innovazione vegetale rischia di bloccarsi senza un accesso semplificato alle risorse genetiche
13/06/2018 Piantare alberi da frutto non potrebbe essere piu' facile
12/06/2018 In India, uva da tavola selezionata dai robot
11/06/2018 I robot ci salveranno dalla carenza di manodopera nel settore fragole
11/06/2018 Le patatine del futuro grazie alla stampa 3D
08/06/2018 Un brevetto dell'Universita' di Bolzano per riutilizzare gli scarti della lavorazione delle mele
06/06/2018 Una societa' cinese di innovazione tecnologica si afferma sui mercati d'oltremare
06/06/2018 La cucina robotica che prepara piatti vegetariani, vegani e gluten free
05/06/2018 Bonduelle apre un nuovo centro dell'innovazione
01/06/2018 Alternative al rame e agli insetticidi per l'agricoltura bio: una ricerca italiana
01/06/2018 Il robot impollinatore BrambleBee: un'enorme ape su ruote, con braccio meccanico
31/05/2018 Innovazione e sviluppo sostenibile: Vertical farming a Torino
30/05/2018 Dopo le babyleaf fuori suolo, quelle senza la mano dell'uomo
28/05/2018 Ridurre il costo della manodopera e migliorare la crescita dei raccolti di piccoli frutti
24/05/2018 Agricoltura hi-tech, semina miliardi e pensa sostenibile
23/05/2018 Interpoma 2018 da' spazio alle idee innovative con lo Startup Village
21/05/2018 Impollinazione noce con drone: esperienza italiana in Portogallo

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*