Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Agrumi e lattughe i prodotti piu' colpiti

Spagna: le piogge affondano l'agricoltura della costa mediterranea

Lo scorso fine settimana, alcune regioni spagnole (Comunità Valenciana, Murcia e Almeria) sono state colpite da forti piogge, ormai placatesi. Oltre 400 litri per metro quadrato di acqua sono caduti nella Comunità Valenciana accompagnati da raffiche di vento di oltre 70 km orari. Di conseguenza i campi sono stati inondati e molte strade sono rimaste bloccate, non rendendo possibile lavorare ai produttori. I fiumi sono esondati e l'allerta rimane alta per future inondazioni.

Secondo l'Associazione degli agricoltori valenciani AVA ASAJA, i danni in agricoltura hanno raggiunto 172 milioni di euro, gli agrumi il prodotto più danneggiato. Questo settore era già stato colpito dalle forti piogge a fine novembre e inizio dicembre, causando perdite di milioni per le clementine (cfr. FreshPlaza del 02/12/2016).



AVA ASAJA riporta che il 40% della produzione di mandarini di metà stagione che non è stata raccolta è persa per via dell'eccessiva umidità e del vento.

La qualità di arance Navel, Navel Lane o Navel Lane Late dovrebbe diminuire in alcune regioni produttive. Rimane da vedere se le varietà tardive di clementine saranno colpite. Molti accordi di acquisto non saranno soddisfatti, cosa che causerà ulteriore speculazione.

I kaki non sono stati danneggiati così duramente in quanto sono pochi quelli ancora sugli alberi e probabilmente i frutti rimasti andranno persi a causa di fitopatie fungine.

I limoni di Vega Baja, Alicante hanno registrato i danni maggiori. La regione non ha visto il sole per quasi due settimane e molti limoneti sono stati allagati; i frutti pendenti sotto i due metri saranno enormemente colpiti da funghi. Inoltre, l'elevata perdita di foglie ridurrà il vigore degli alberi nella prossima campagna. Tuttavia, la pioggia ha beneficiato olive, uve e grano.

La raccolta di lattuga bloccata per 4 giorni in Murcia
A seconda dell'area, i campi di Murcia hanno registrato 150-250 litri di pioggia per metro quadrato. Gli acquazzoni sono arrivati nel momento peggiore per i produttori di ortaggi in foglia che hanno registrato le principali perdite a causa delle inondazioni nell'area sud-orientale del Paese. Lattughe, spinaci e baby leaf le colture più colpite. Altre, come i carciofi stanno beneficiando delle piogge al momento. In ogni caso, broccoli, cavolfiori e zucchine risulteranno danneggiati dall'eccessiva umidità.



Secondo Proexport, le piogge graduali hanno evitato una tragedia: la raccolta delle lattughe sarà ancora ritardata dai giorni di inondazione. La capacità di raccolta si ridurrà al 30% e, prima di una settimana, non ritornerà la normalità.

"E' troppo presto per stimare i danni - ha riferito Juan Marín, presidente di Proexport - ma l'area intorno Cartagena è la più colpita della regione. Prima abbiamo sofferto la siccità, ora le inondazioni".

La campagna festiva per lattuga, spinaci e altre verdura a foglie è interrotta. "Il 50% della produzione di lattuga che non è sarà raccolta per Natale - ha constatato Javier Soto, responsabile della divisione lattuga Iceberg - andrà persa". Entrare nei campi è quasi impossibile dalla scorsa settimana e lo continuerà ad essere per tutta quella attuale. A Cartagena l'intera produzione di spinaci e baby leaf è andata persa.

I peperoni, recentemente trapiantati nelle serre dell'area, sono stati gravemente danneggiati e circa il 25% delle piante è andato distrutto. Ulteriori trapianti non saranno possibili per via delle inondazioni o per l'eccessiva umidità nelle aziende agricole.

Almeria non prevede problemi di Botrytis

La pioggia è caduta anche in Almeria, specialmente la scorsa domenica. La Vera ed El Ejido sono i paesi più colpiti. I produttori sperano che l'umidità non porti a problemi legati alla Botrytis nei prossimi giorni.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 22/12/2016



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

27/02/2017 La Russia non ha alcuna fretta di sospendere le sanzioni alla Turchia
27/02/2017 Cia Imola: Ismea riapre nuovo bando per primo insediamento giovani
27/02/2017 Caporalato: considerazioni e proposte dei presidenti di Confagricoltura Puglia e Confagricoltura Bari
24/02/2017 Assicurazioni: in arrivo i soldi del 2015. In Romagna gia' partita la campagna 2017
24/02/2017 Terremoto: pagati da Agea 50 milioni di euro per gli agricoltori danneggiati
24/02/2017 La Cassazione accoglie il ricorso di Spreafico contro l'Agenzia delle Dogane
24/02/2017 Caporalato: sei arresti ad Andria (BT) per la bracciante morta di fatica
24/02/2017 Londra: frigorifero anti-sprechi per combattere la fame
23/02/2017 Icqrf: nel 2016 oltre 48mila controlli effettuati
23/02/2017 Ortofrutta, un settore strategico poco tutelato dall'UE
23/02/2017 Biofach e Vivaness 2017 hanno superato i 50.000 visitatori
23/02/2017 Meno visitatori si traducono in piu' clienti potenziali
22/02/2017 L'Argentina blocca l'import di barbatelle di uva: le dichiarazioni di Paolo De Castro
22/02/2017 Mappa dei brevetti nel mondo
21/02/2017 Canapa industriale: tra i mille utilizzi, anche quello per la fitodepurazione dei terreni inquinati
21/02/2017 Difendetevi dalle imitazioni: le reti antigrandine foto-selettive sono solo Iridium® di Agrintech
21/02/2017 Non solo CETA: ecco altri 9 accordi internazionali in ballo
21/02/2017 Attiva la prima serra indoor certificata GlobalGAP
21/02/2017 Uno sguardo alla prima azienda agricola indoor della Panasonic
21/02/2017 In crescita la percentuale di ortofrutta coltivata in serra

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*