Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gestione dei prodotti fitosanitari: le nuove regole non scherzano, sanzioni fino a 18mila euro

Gli ortofrutticoltori forse non lo sanno, ma quando vanno ad acquistare un prodotto fitosanitario devono farsi consegnare la relativa SDS, Scheda dati di sicurezza. Altrimenti le sanzioni sono pesanti: da 3mila a 18mila euro per l'ortofrutticoltore e 60mila euro per il rivenditore. I controlli possono arrivare da qualsiasi ente preposto, ma soprattutto dalle Asl.



E' solo uno degli insegnamenti che provengono dagli corsi di formazione per il rinnovo dei patentini per l'acquisto e l'uso dei presidi fitosanitari.

"La Scheda dati di sicurezza - spiega Alberto Bassi dell'ente di formazione Dinamica - è un documento molto importante che l'agricoltore deve tenere sempre a portata di mano. Ad esempio, se per un motivo accidentale l'agricoltore, o un suo dipendente o chiunque altro, si intossica durante la preparazione o l'uso di un prodotto, la scheda deve essere consegnata al medico affinché abbia tutte le indicazioni su come procedere dal punto di vista sanitario. Oppure, se un prodotto viene disperso perché si rompe un flacone, nella Sds ci sono le istruzioni su come procedere per la bonifica".



Ogni prodotto ha una sua scheda. Basta averne una per ogni prodotto, anche se gli acquisti sono ripetuti nel corso dell'anno. I rivenditori sono obbligati a consegnare la Sds. Se non lo fanno, l'agricoltore esigerle. Se il rivenditore nicchia, basterà dirgli che sarà fatta comunicazione all'Asl o ai Carabinieri in modo da sollevarsi da ogni responsabilità. Ma considerato che la sanzione per il rivenditore inadempiente può arrivare a 60mila euro, è probabile che comprenda l'importanza di perdere un minuto per la stampa e la consegna del documento.



Le nuove regole, entrate in vigore con l'aggiornamento dei mesi scorsi, sono tassative anche su altri aspetti. Ad esempio sulla conservazione dei fitosanitari. Il regolamento non lascia spazio a dubbi. Occorre un ambiente, come una stanza, dedicato e chiuso a chiave. Oppure, in un magazzino, un'area recintata chiusa a chiave. Per realtà più piccole, può bastare un armadio, purché metallico con chiusura. Vanno evitate cantine o seminterrati. Non si possono conservare nel medesimo luogo altre sostanze, al massimo solo concimi utilizzati in miscela con i fitofarmaci.

Anche sul fronte conservazione non si scherza. Chi non segue le regole va incontro a sanzioni fra i 1000 e i 6500 euro. Nei casi più gravi, il patentino dell'agricoltore inadempiente può essere anche sospeso o revocato.

Data di pubblicazione: 10/11/2016
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/02/2017 Dieci porzioni al giorno di frutta e verdura allungano la vita
23/02/2017 Se i bimbi giocano con frutta e verdura ne mangiano di piu'
22/02/2017 Scopri il seme di Canapa e quanto bene puo' farti
22/02/2017 Se odi le verdure, e' colpa delle papille troppo sensibili
21/02/2017 Estratto concentrato di fragole per il trattamento e la prevenzione dei leiomiomi uterini
21/02/2017 Tredici proprieta' salutari del pompelmo
20/02/2017 Il potere antiossidante delle fragole e' nei semi
17/02/2017 Una dieta ricca di uva e' una possibile arma in piu' contro l'Alzheimer
17/02/2017 Appello agli over-65: mangiate piu' frutta e verdura!
16/02/2017 Per il benessere psicologico basta mangiare piu' frutta e verdura
15/02/2017 Il cavolo e' una fonte eccellente di vitamina C
14/02/2017 Intestino in salute grazie a banane, patate e legumi
13/02/2017 Spagna: garanzia massima per il controllo delle sostanze potenzialmente dannose
07/02/2017 I benefici del cetriolo per la salute
07/02/2017 I benefici salutari del succo di prugna
07/02/2017 Arance, zucca e peperoni rossi sono un toccasana contro il cancro ai polmoni
06/02/2017 Acrilammide: i consigli dell'FSA inglese per ridurne i livelli
03/02/2017 UK: terzo posto per gli avocado nella classifica degli acquisti al dettaglio nel 2016
03/02/2017 Questione residui: "Il settore ortofrutticolo merita piu' rispetto"
03/02/2017 Residui: essere in regola al 98,8 per cento non basta?

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*