Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Aflatossine: nessuna varieta' di mandorle e' resistente alla contaminazione quindi no a specifica etichettatura

In risposta a un'interrogazione parlamentare da parte dell'eurodeputato Giovanni La Via, il quale intendeva sostenere la possibilità di etichettare come prive di aflatossine mandorle e prodotti derivati dalle mandorle di origine italiana (nello specifico, siciliana), in contrasto con analoghi prodotti provenienti dalla California (USA), esportati in Europa e che spesso presentano un contenuto rilevante di aflatossine, la risposta della Commissione europea, giunta dal commissario UE per la salute e la sicurezza alimentare, Andriukaitis Vytenis, ha precisato che "non esistono regioni al mondo che producono mandorle prive di aflatossine. E' pertanto di fondamentale importanza applicare misure di prevenzione nelle fasi di coltivazione, stoccaggio e manipolazione delle mandorle, al fine di mantenere le aflatossine al livello più basso ragionevolmente ottenibile".



Ciò esclude qualsiasi possibilità di etichettatura nella direzione proposta dall'On. La Via, il quale aveva dichiarato: "La mandorla di Avola, coltivata in provincia di Siracusa, è una delle più note e migliori mandorle italiane e non contiene aflatossine".

Andriukaitis Vytenis ha ricordato che:
Il regolamento (CE) n. 1881/2006(1) della Commissione stabilisce tenori massimi rigorosi delle aflatossine contenute nelle mandorle, garantendo un elevato livello di tutela della salute umana. Solo le mandorle conformi a tale norma sui tenori massimi possono essere immesse sul mercato dell'UE.

Il regolamento (UE) n. 1169/2011(2) non prevede requisiti di etichettatura per la presenza di contaminanti, aflatossine comprese.

Nessuna mandorla è immune

Secondo la risposta della Commissione, le aflatossine sono micotossine prodotte da funghi, principalmente del genere Aspergillus sp., presenti anche negli ambienti agricoli italiani. Nessuna varietà di mandorle è resistente alla contaminazione dovuta a tali funghi. Questi crescono e producono aflatossine nel periodo di pre-raccolta delle mandorle, ma possono proliferare nella fase di stoccaggio e anche nella fase di manipolazione. La crescita dei funghi è fortemente influenzata dalle condizioni climatiche ed essi sono più comuni nelle regioni calde caratterizzate da variazioni estreme di temperatura, precipitazioni e umidità. I funghi possono produrre aflatossine a livelli di umidità piuttosto bassi e in un ampio intervallo di temperature (13-37°C).

In conclusione, la Commissione non dispone delle informazioni necessarie per confrontare il livello di contaminazione da aflatossine, riscontrato negli ultimi anni, nelle mandorle provenienti dalla California e quello delle mandorle coltivate in Sicilia. Considerando le condizioni in cui i funghi Aspergillus sp. si formano e producono aflatossine, nonché l'assenza di varietà di mandorle resistenti a tali sostanze, è tuttavia evidente che non esistono regioni al mondo che producono mandorle prive di aflatossine.

Data di pubblicazione: 01/09/2016
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/07/2017 Spagna: i meloni Galia sono piu' economici di 30-40 cent al chilo
21/07/2017 Mappa interattiva del commercio globale di banane, avocado, ananas e angurie
21/07/2017 Messico: problemi climatici compromettono la produzione di avocado bio
21/07/2017 Spagna: mango biologici con una finestra commerciale migliore
21/07/2017 Guido Fruit (Belgio): maggio e giugno, mesi ottimi per le drupacee. Cominciata la stagione dell'uva italiana
21/07/2017 Confagricoltura Toscana: angurie non piantate a causa della siccita', persi 5 milioni di euro
21/07/2017 Azienda Coniglio: 30% in meno per le uve in generale, ma qualita' e sapore ottimi
21/07/2017 Nuove varieta' di pesche piatte con fondo chiuso e piu' colorate
21/07/2017 Futurpera 2017: il punto sul consumo globale e sui mercati esteri piu' promettenti per le pere
21/07/2017 Esportare drupacee in tutto il mondo e' possibile. Il Cile insegna
21/07/2017 Nuova Zelanda: la batteriosi dell'actinidia finisce in tribunale
20/07/2017 Francia: aumento della produzione di ciliegie e calo dei prezzi
20/07/2017 Reti e hydrocooler permettono profitti enormi nei ciliegieti
20/07/2017 Ci sono prospettive per le varieta' di mele Elstar e Jonagold?
20/07/2017 Coldiretti Viterbo: a terra fino al 30% di nocciole per il vento
20/07/2017 Melinda, dato previsionale mele: in media solo 35% di produzione
20/07/2017 Pere Coscia del comprensorio di Ribera (AG): ci sarebbero gli estremi per un marchio di tutela?
20/07/2017 Mercato pesante per pesche e nettarine, in rialzo le quotazioni per albicocche e ciliegie
20/07/2017 Polonia: previsto calo considerevole nel raccolto 2017 di pomacee
20/07/2017 La campagna dei piccoli frutti piemontesi procede secondo le aspettative

 

Commenti:


Bg
Come si fa a dire che non esistono mandorle al mondo che non contengono aflatossine , senza avere documenti ufficiali (analisi sul prodotto), mentre ad analisi sulla Mandorla di Avola gli strumenti attuali non evidenziano detto fungo ?? Pertanto andrebbe dimostrato la presenza, non a chiacchiere. Se i nostri Commissari Europei non sono dei competenti, si dovrebbero affidare ad esperti del settore, prima di dare sentenze insignificanti.
Allora se così fosse dovrebbero avere il coraggio di dire: attenzione la mandorla come la frutta secca in genere è Tossica perchè contiene Aflatossina.... altro che fa bene alla salute......

paolo, avola, italia - 15/07/2017 12:17:51


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*