Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Pubblicata dal Servizio fitosanitario regionale dell'Emilia Romagna

Sharka, ecco la mappa delle zone contaminate

Dopo i monitoraggi degli ultimi mesi, la Regione EmiliaRomagna ha aggiornato le "zone di insediamento", le "aree contaminate" e le "zone tampone" per contrastare la diffusione del virus della Sharka. In ognuna di queste aree è vietato l'esercizio dell'attività vivaistica di produzione di piante o materiale di moltiplicazione di specie sensibili a PPV: l'attività può essere consentita e autorizzata solo nel caso di produzione all'interno di serre dotate di un sistema di protezione antiafidi e in assenza di piante di drupacee nel raggio di 20 metri.


Particolare di una zona contaminata (rossa) e una tampone (gialla)

Con la determinazione n. 9987 del 24 giugno scorso, è stato reso noto lo stato fitosanitario del territorio regionale relativamente al virus PPV e sono state stabilite le limitazioni all'attività vivaistica per specie suscettibili al virus nelle aree dove questo è già presente o laddove è maggiore il rischio di una sua trasmissione.


Sintomi da Sharka su foglie di albicocco.

Nella restante parte del territorio regionale (zona indenne da PPV) i nuovi campi di produzione vivaistica dovranno distare almeno 300 metri da frutteti di piante di drupacee suscettibili, come indicato dal decreto di lotta obbligatoria.


La mappa delle zone contaminate da Sharka in Emilia Romagna.

Nel sito della Regione Emilia-Romagna, sezione agricoltura (clicca qui) si accede a una mappa interattiva. Il caricamento è piuttosto lento, ma una volta effettuato, si possono ingrandire le singole zone (Comune per Comune, frazioni comprese) e verificare se l'area è a rischio Sharka oppure no. Sul menù a sinistra si possono scegliere diverse opzioni (aree tampone, zone di insediamento). E non solo per Sharka, ma per ogni altra malattia vegetale monitorata dal Servizio fitosanitario regionale.

Data di pubblicazione: 28/07/2016
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Applicazioni che migliorano il colore dell'uva da tavola rossa Red Globe
31/07/2018 Credit Agricole sostiene le aziende del 'Progetto Nocciola Italia' di Ferrero
31/07/2018 Per i coltivatori il marchio Fine Fleur significa valore aggiunto
31/07/2018 Cominciano le esportazioni dal centro di imballaggio Desert Fruit
31/07/2018 Pronto a essere introdotto sul mercato l'imballaggio singolo per ananas
31/07/2018 Uve da tavola biologiche, un mercato in espansione
31/07/2018 Il bel tempo richiede una gestione di alto livello dei ribes rossi
31/07/2018 La Spagna prevede un raccolto di kaki notevolmente inferiore
31/07/2018 Crescono i pistacchieti in Sicilia: una coltura per la quale non si conosce crisi
31/07/2018 Nuovo packaging per l'uva Cotton Candy, in arrivo questa settimana
31/07/2018 Racemus: success story di una delle filiere principali della Puglia, l'uva da tavola
30/07/2018 Kiwi Zespri SunGold, il compagno perfetto per le tue vacanze
30/07/2018 Pesche e Nettarine di Romagna IGP: le regine dell'estate protagoniste alla notte del cibo
30/07/2018 Confagricoltura Cuneo: primi segnali incoraggianti dalla raccolta delle pesche
30/07/2018 Raccolta anticipata di uva Crimson a piena colorazione grazie a buone tecniche e coperture
30/07/2018 I produttori spagnoli di kaki prevedono un prezzo al chilo raddoppiato
30/07/2018 Scarso entusiasmo per la prossima stagione delle pomacee
30/07/2018 Portinnesto Fox 9, alta produttivita' anche su ristoppio
30/07/2018 La pesca di Verona cerca la sua strada verso la tavola dei consumatori
30/07/2018 E' partita in anticipo la stagione del ficodindia di San Cono (CT)

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*