Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'azienda lombarda esporta reti in oltre 40 Paesi

Arrigoni: agrotessili "sicuri" per tutti

 Nell'anno dell'Esposizione universale targata Italia, Expo Milano 2015, interamente dedicata all'alimentazione e la nutrizione, l'equazione "safe food" uguale "cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti" diventa un tema particolarmente coinvolgente.

"Le popolazioni in via di sviluppo - osserva Paolo Arrigoni (nella foto), managing director dell'omonima azienda lombarda leader nella produzione di reti e tessuti ad alta resistenza e lunga durata - stanno finalmente migliorando l'alimentazione e la qualità della vita, mentre i popoli ricchi pongono una sempre maggiore attenzione al cibo sano e sicuro, senza - o con presenza ridotta – di residui di prodotti fitosanitari".

Le nostre scelte in fatto di cibo, dunque, possono avere un impatto significativo sulla salute del pianeta. E la sostenibilità diventa un elemento decisivo.


Tessuto Agri su insalata.

"I cibi sostenibili - prosegue il manager - sono coltivati in maniera etica e secondo una responsabilità ambientale. La ricerca del gruppo Arrigoni è da anni tesa a questo scopo: studiare e realizzare agrotessili di qualità che migliorano le condizioni colturali e di sanità delle colture orticole e frutticole. L'obiettivo è chiaro: produrre più frutti o ortaggi a parità di superficie coltivata, con minore fabbisogno idrico e soprattutto con un ridotto utilizzo di fitofarmaci. Il che è reso possibile dall'impiego di agrotessili hi-tech di ultima generazione".

Per comprendere l'utilità degli agrotessili e la loro evoluzione è però necessario conoscerne la storia. Le reti per l'agricoltura, nate negli anni '60, hanno avuto come prima applicazione la difesa dagli eventi climatici (grandine, vento, sole) delle coltivazioni protette. Tra il 2000 e il 2010 sono stati utilizzati anche per la protezione biologica dagli insetti. Oggi, siamo all'inizio di una terza fase, di forte sviluppo nell'utilizzo degli agrotessili che, nei prossimi cinque anni, porterà a raddoppiare il fabbisogno di reti per la protezione climatica e biologica delle coltivazioni. Alla base di ciò, oltre al rilevante incremento dei fenomeni grandinigeni, torna, appunto, la ricerca del "safe food", cibo etico e sostenibile.


Arricover su insalata.

"Le applicazioni degli agrotessili in frutticoltura sono sia di tipo climatico, protezione antigrandine che biologico, nel caso di protezione laterale degli insetti - aggiunge Arrigoni - Per le colture orticole, nelle serre e nei tunnel si tratta perlopiù di protezione biologica mentre in pieno campo si somma la protezione antibrina con quella anti-insetti".

"Le metodologie di coltivazione sotto copertura a rete, secondo la tipologia di coltivazione, offrono una sostanziale riduzione sull'utilizzo di agrofarmaci, maggiore vigore/sanità al frutteto o alla specie orticola, protezione dagli agenti atmosferici, maggiore produzione a parità di superficie coltivata e riduzione del fabbisogno idrico".


Fructus su vite.

Gli agrotessili di punta del gruppo Arrigoni, distribuiti in oltre 40 paesi nel mondo, sono: Fructus, gamma di reti contro la grandine per la protezione climatica; Biorete, gamma di reti per la protezione dagli insetti delle colture protette; Biofield, rete per la protezione biologica delle colture in pieno campo; Agri, tessuti ombreggianti in varie percentuali di ombreggio e Arricover, schermo multifunzionale per la protezione delle colture in pieno campo.

Vastissimo il numero di colture interessate, a partire da uva da tavola e da vino, radicchi, porro e cipolle, patate, passando per insalate di prima e quarta gamma, carote e cavoli, barbabietole da seme, banane, angurie e meloni, ananas, e finire con meli e peri, pomodori e peperoni, fragole e piccoli frutti.

Contatti
Arrigoni SpA
Via Monte Prato 3
22029 Uggiate Trevano (CO)
Tel.: (+39) 031803200
Fax: (+39) 031803206
Email: info@arrigoni.it
Web: www.arrigoni.it

Data di pubblicazione: 05/10/2015
Autore: Raffaella Quadretti
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Pomodoro da industria: come ridurre lo scarto e aumentare il grado Brix
31/07/2018 Il settore ortofrutticolo potrebbe essere un po' piu' orgoglioso
31/07/2018 Unione europea: eccedenza commerciale nel settore agroalimentare a livelli record
31/07/2018 Buone vacanze a tutti! L'edizione italiana di FreshPlaza torna a fine mese!
31/07/2018 Focus IV gamma: i vantaggi dello schermo riflettente Lumigrey®
31/07/2018 Cimice asiatica, un problema che sta esplodendo
31/07/2018 Aeroclean della Isolcell: la conservabilita' dell'ortofrutta risulta maggiore
30/07/2018 Morto l'ex amministratore delegato Marius de Groot di De Groot Fresh Group
30/07/2018 Nuova Zelanda: al settore kiwi manca l'accuratezza dei dati
27/07/2018 Dubai: tre tonnellate di verdura al giorno nel piu' grande orto verticale del mondo
27/07/2018 I cluster di alimentazione e salute uniscono le forze
27/07/2018 Caporalato, in Emilia-Romagna 20 per cento dei lavoratori stagionali sottopagato
26/07/2018 Editing genetico, sentenza Ue: cosi' si abbatte la competitivita' dell'agricoltura italiana ed europea
26/07/2018 Germania: cresce ancora la fiducia dei consumatori
26/07/2018 Imballaggio top-seal piu' sostenibile
26/07/2018 Mutagenesi e Ogm: la Corte di Giustizia UE delude le aspettative
26/07/2018 Bandiere del gusto: la Calabria e i suoi frutti
26/07/2018 La riforma del diritto dei marchi dell'Unione Europea: brand e rappresentazione
26/07/2018 Salvo Laudani lascia la presidenza di Fruitimprese Sicilia
25/07/2018 Frutta estiva: pratiche commerciali sleali lungo la filiera provocano situazioni di crisi diffuse

 

Commenti:


Prodotto eccellente per gli impieghi ove viene utilizzato,noi siamo interessati alla rete antigrandine e in questo periodo a quella per raccolta olive.Gradiremmo avere un offerta per i teli gia' fatti nella misura di8x12-6x10-4x8. Il tipo di rete che usiamo e' la quadrirete pugliese antispina.Restando in attesa Vi salutiamo,Roberto.
uniproag scarl carmela caporale, cassano allo jonio (CS), fraz. Sibari (email) - 06/10/2015 15:45:02


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*