Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Tarongino: vino realizzato con arance e clementine di Valencia

Il vino non è più un prodotto esclusivamente derivato da uve torchiate. In Spagna si commercializza infatti il Tarongino: il primo vino a base di arance e clementine di Valencia. Con un'esperienza di generazioni alle spalle nella coltivazione agrumicola nella cittadina di Sagunto, i tre fratelli che dirigono l'azienda Naranjas Che hanno dato vita a un nuovo prodotto.

Dopo aver scoperto che in Sudamerica il vino bianco è aromatizzato con frutti quali mango o maracujà (frutto della passione), l'idea è stata quella di torchiare agrumi e non uva. A raccontarlo il direttore dell'azienda Guillermo Antelo (nella foto sotto). "Nonostante l'importanza delle arance di Valencia nessuno ha mai pensato di trasformarle in vino. Abbiamo così deciso di imbarcarci in questa avventura".



L'azienda ha firmato un accordo con la Polytechnic University of Valencia e ha cominciato a condurre dei test. Inizialmente il risultato era imbevibile, ma la prima versione del vino all'arancia ha fatto la sua comparsa sul mercato nell'estate del 2013.

"Le persone - ha dichiarato Antelo - pensano che si tratti di vino bianco aromatizzato all'arancia, con aggiunta di succo o liquore distillato. In realtà Tarongino è vino derivante da succo di arance fermentato con lievito".


(Foto: meetup.com)

Diverse le varianti possibili di Tarongino: alle clementine, più secco e meno dolce, ha un gusto che è una via di mezzo tra il vino bianco e il sidro, ma con un tocco di fresca acidità; all'arancia bionda con un sapore intenso dolce, perché macerato con le bucce; all'arancia rossa, di colore rosato e con un sapore che ricorda i frutti di bosco.

Il progetto di famiglia, autofinanziato con 300mila euro, ha riscosso molto successo in diverse fiere spagnole e il vino ha iniziato così a essere esportato. L'azienda è in continuo fermento e sta sperimentando anche una versione al pompelmo, dal gusto più amaro e che presto sarà in commercio.

Fonte: larazon.es

Traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 28/05/2015



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

28/06/2017 Nuova app meteorologica aiuta i professionisti dell'ortofrutta a stabilire i prezzi
28/06/2017 Un laser che uccide solo gli insetti killer delle piante
27/06/2017 Programma di simulazione per scegliere il miglior imballaggio MAHP per gli ortofrutticoli freschi
26/06/2017 Sardegna: un "contadino" elettronico irriga i carciofi bio
23/06/2017 La fiera United Fresh si concentra su innovazione e tecnologia
23/06/2017 Agricoltura sostenibile e genome editing, appello della ricerca italiana all'Europa: Prima i geni
22/06/2017 Lattuga: diradatrici automatiche riducono i costi della manodopera
21/06/2017 Thailandia: sviluppato un rivestimento per mascherare l'odore del durian
20/06/2017 Agricoltura 4.0: "L'innovazione tecnologica e' gia' presente nei campi, ma restano i problemi infrastrutturali e burocratici"
20/06/2017 350 frutticoltori hanno partecipato all'incontro sulle macchine alternative al diserbo
20/06/2017 Il futuro della raccolta dei kiwi passa per i robot
19/06/2017 Dopo la malaria, reti ZeroFly ® anche contro la cimice asiatica
19/06/2017 Nuove centraline modificano in automatico il turno irriguo in base al meteo
15/06/2017 Stati Uniti: dispositivi per previsioni accurate su resa e qualita' dei prodotti ortofrutticoli
14/06/2017 Francia: macchina per la misurazione della durezza dei frutti rivoluziera' il mercato
13/06/2017 ASAP: sistema di monitoraggio della siccita' in tempo reale in 80 paesi
12/06/2017 Satelliti UE contro le crisi alimentari
08/06/2017 Conservazione pomacee: un'analisi genetica per l'1-MPC
07/06/2017 La tecnologia di Zest Labs rende piu' accurate le date di scadenza dei prodotti ortofrutticoli
07/06/2017 A Tel Aviv esposizione di nuove varieta' ortofrutticole

 

Commenti:


vecchia ricetta siciliana....4 litri di succo di arance un chilo di zucchero un panetto di lievito di birra. dopo fermentazione si ottiene un vino amarastro gradevole profumatissimo ed alcolico da paura. Vino di arance lo adoro
giancarlo, fondi, italia (email) - 20/03/2017 01:06:42


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*