Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Universita' dell'Aquila: la Russia studia l'agricoltura e la sicurezza alimentare italiana al convegno Capitank

Il confronto tra conoscenze universitarie e imprenditoriali in Italia e in Russia, in particolare nell'ambito dell'agricoltura e della sicurezza alimentare, con un ponte di dialogo aperto tra i due Paesi per parlarsi e superare l'attuale impasse politica.

Questo il tema chiave della giornata di esordio del primo Congresso internazionale italo-russo "Industrial-academic networks in cooperation activities for pharmaceutical, chemical and food fields" ("Reti aziendali-accademiche in cooperazione nell'industria farmaceutica, chimica e alimentare"), che si è svolto fino al 18 settembre presso l'aula magna della facoltà di Ingegneria dell'Università dell'Aquila in località Monteluco di Roio.

L'evento è stato organizzato dal network Capitank, costituito da 42 soci tra aziende, istituti di ricerca e università che operano con il comune intento di valorizzare le eccellenze della Regione Abruzzo in questo comparto.

"E' stata la prima occasione per confrontarci con una realtà internazionale e mostrare il modello disegnato per Capitank - ha spiegato il presidente del polo, Enrico Giaquinto - Una 'tripla elica' tra governo del territorio, per rilanciarlo e valorizzare l'aiuto per la ricostruzione, l'industria farmaceutica, che è da sempre un filone importante, e le università abruzzesi, che hanno grande tradizione".

A moderare i lavori il professor Francesco Vegliò, della società di spin off dell'Università dell'Aquila Biomaterials & Engineering (Bme), che ha contribuito all'organizzazione. "Lo scopo di questo primo congresso è mettere in contatto partner russi con le nostre aziende e i nostri poli di innovazione - ha illustrato - E' una grossa opportunità per l'esportazione, ma potrebbero esserci ritorni anche su questo territorio, dipenderà dagli imprenditori che oggi sono presenti".

Per il rettore dell'Ateneo aquilano, Paola Inverardi, "questo è stato un evento nella linea delle cose che vogliamo fare, essere un ponte tra la ricerca accademica, l'impresa e l'elemento di internazionalizzazione. Ospitarlo nell'aula magna di Ingegneria - ha aggiunto - è un momento importante di riappropriazione di questo luogo per gli eventi pubblici".

Molto interessato dagli interventi tecnici il professor Sergey Antipov, prorettore dell'Università russa di Voronezh. "La cosa più importante per la Russia oggi è la sicurezza nei prodotti alimentari - ha raccontato - Nel nostro Paese esistono solo da 3 anni poli di innovazione nel campo dell'agricoltura, è molto interessante di vedere come funzionino qui. Vogliamo imparare. Per il momento in politica ci sono problemi, ma siamo venuti in Italia in 11, pensiamo che insieme avremo un futuro buono e insieme i problemi si risolveranno".

All'evento hanno partecipato anche alcuni docenti universitari giapponesi. "Siamo all'Aquila con 11 nostri studenti che parteciperanno a un workshop assieme a quelli italiani dedicato all'ingegneria degli ausili alla riabilitazione - ha spiegato il professor Takashi Komeda dello Shibaura Institute of Technology di Tokyo - Per noi è interessante partecipare e ascoltare perché possono nascere opportunità anche per il Giappone".

A rappresentare le istituzioni, il presidente del Consiglio regionale dell'Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio. "Per la prima volta si incrociano industria, Università, scienza e conoscenza, innovazione con il polo tecnologico - ha commentato - La scienza è diventata un fatto globale, questo territorio ha eccellenze, farà bene non solo all'Aquila in termini di ricostruzione, ma anche per la ripresa complessiva regionale attraverso l'economia e la cultura della conoscenza".

Fonte: news-town.it

Data di pubblicazione: 22/09/2014



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2018 I dieci anni di Cherry Passion e le sfide del settore ortofrutticolo nel racconto di Stefano Pezzo
23/05/2018 Vendere all'estero con un aiuto competente
21/05/2018 Europa e marchi d'impresa: cosa cambia
21/05/2018 Lo sviluppo dell'ortofrutticoltura siciliana passa dall'efficientamento del sistema infrastrutturale e viario
18/05/2018 Le sfide in agricoltura si vincono anche con una buona formazione
18/05/2018 Clust-ER, la nuova frontiera della ricerca
17/05/2018 Collaborazione mediterranea e branding sono il futuro
17/05/2018 L'integrato non e' stato sfruttato. Non facciamoci scappare pure il sostenibile
16/05/2018 Un produttore italiano avvia una produzione di nicchia in Albania
14/05/2018 Fondazione e Cassa di Risparmio di Saluzzo, Agroinnova e Agrion: insieme per nuovi progetti di ricerca in agricoltura
14/05/2018 Imprenditoria giovanile in agricoltura: al via il percorso formativo a cura dell'Ismea e del Mipaaf
10/05/2018 Assosementi: la tutela della biodiversita' passa dal sostegno all'innovazione vegetale
09/05/2018 Minguzzi (Fruitimprese Emilia-Romagna): 'Il mercato chiede imprese strutturate'
08/05/2018 Il problema della Pac non sta nel calo del budget
07/05/2018 L'ortofrutticoltura siciliana riparte dai Distretti Produttivi
07/05/2018 Francia: creata l'Associazione White Flat Nectarines Regal'In™
04/05/2018 Social Farming: agricoltura sociale una 'rivoluzione possibile' per una societa' sostenibile e inclusiva
03/05/2018 Varieta' vegetali in Europa: seminario sulla privativa dei ritrovati e sulla procedura di registrazione
02/05/2018 Agricoltori anello debole della filiera: lo ha capito anche l'Europa. Il rimedio
27/04/2018 Il biodinamico: sfatiamo qualche mito

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*