Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



L'azienda umbra ha dribblato una difficile annata grazie alla buona organizzazione della filiera

Top Melon indica la "strada" per uscire dalla crisi

"Non è una novità, la campagna 2014 è stata caratterizzata da un andamento climatico proibitivo che ha penalizzato pesantemente il Nord Italia. Al Centro, per quel che ci riguarda, la stagione non è stata brillante ma la buona organizzazione produttiva, a livello di tecnica colturale e impiantistica, e soprattutto la professionalità del nostro agronomo, dottor Adelmo Lumaccioni, ci ha permesso di mantenere l'intera produzione prevista, senza perdite a causa di fitopatie o maltempo. Insomma, in un'annata a dir poco tragica, possiamo dire di aver chiuso positivamente una bella campagna meloni". Lo dichiara a FreshPlaza Giorgio Spinetti, titolare insieme al fratello Gianni dell'azienda Top Melon di Pantalla di Todi, Perugia.


Da sinistra, l'agronomo Adelmo Lumaccioni, Gianni e Giorgio Spinetti, rispettivamente referente tecnico e commerciale della Top Melon.

"Dopo una partenza a rilento – spiega Spinetti – dovuta alle sfavorevoli condizioni meteo che, oltre alla coltivazione, hanno complicato il mercato, dalla metà del mese di luglio il rapporto domanda/offerta si è sbilanciato a favore di quest'ultima, per via della scarsa disponibilità di prodotto. Lo dimostrano i prezzi che, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, sono risultati  superiori di un 40-50%, sebbene anche il 2013 non sia un anno da ricordare per quotazioni positive."


I meloni retati appena consegnati e pronti per la lavorazione.

Nata nel 1995 in Umbria, oggi Top Melon riunisce 250 ettari di terreni investiti esclusivamente a melone, per una produzione lunga 10 mesi l'anno, 12.000 tonnellate di prodotto lavorato e circa 8 milioni di euro di fatturato.



"Iniziamo ai primi di aprile – continua Spinetti – con le produzioni precoci ottenute in Tunisia (che sono ancora poco significative in termini di volumi), per poi proseguire con le raccolte in Sicilia e nel Lazio e, da giugno a ottobre, in Umbria, dove si concentrano i quantitativi maggiori. In questo modo siamo presenti sul mercato fino a Natale, con i meloni gialletti, che stiamo guardando con sempre maggior interesse anche se i retati costituiscono il 90% della nostra offerta."


Le linee di lavorazione.

"Collaboriamo con le più importanti ditte sementiere nello screening delle nuove varietà. Il ricambio varietale è molto veloce e la genetica propone nuove selezioni in continuo miglioramento ma, credo, non raggiungeremo mai il prodotto perfetto: sarà invece la gestione intelligente dell'intera filiera a fare la differenza, sfruttando al massimo le potenzialità di una varietà con la piena soddisfazione del consumatore finale."



Il prodotto, confezionato nello stabilimento aziendale inaugurato nel 2009 e dotato di macchinari all'avanguardia, è commercializzato con i marchi Grifone Linea Oro, Top Melon Platinum e La strada dei sapori.



"Il 90% della nostra produzione è destinato al mercato interno – aggiunge Spinetti – sia Grande distribuzione organizzata, che mercati all'ingrosso di tutta Italia. Il rimanente 10% è assorbito dalla Grande distribuzione estera, perlopiù in Svizzera, ma nel prossimo futuro intendiamo incrementare decisamente la quota destinata all'export. Anche per questo stiamo pianificando per il 2015 un aumento della produzione del 15-20%."



"Il difficile contesto economico che stiamo attraversando – conclude Giorgio Spinetti - ci sta chiaramente indicando che la frutta non è più un acquisto primario, ma va sottolineato come il calo dei consumi sia anche dovuto a una maggiore attenzione agli sprechi. In ogni caso, i produttori italiani di melone devono migliorare in termini di organizzazione e di dimensioni. In tal senso, il Comitato di prodotto recentemente costituito, di cui faccio parte, deve poter fare di più."


Da sinistra Marco, Gianni, Giorgio e Chiara Spinetti. Marco e Chiara sono figli di Giorgio.

Contatti:
Top Melon
Voc. Caselle, 286/A
06059 Pantalla di Todi (PG) - Italy
Tel.: (+39) 075 888712
Fax: (+39) 075 8741669
Email: info@topmelon.it
Web: www.topmelon.it

Data di pubblicazione: 19/09/2014
Autore: Raffaella Quadretti
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/09/2017 Peru': si prevede un volume inferiore del 50% per l'uva da tavola della regione di Piura
26/09/2017 Corea: infezioni fungine post-raccolta sulle nuove cultivar di kiwi
26/09/2017 Rossovivo: un paniere con 120 tipi di piccoli frutti
26/09/2017 Spagna: inizio della campagna del kaki con gli stessi prezzi dell'anno scorso
26/09/2017 Romagna Mia, la nettarina bianca che matura a fine settembre
25/09/2017 Nuovo video Dole Snack Circle: Macedonia in barattolo
25/09/2017 Svizzera: stagione delle fragole 2017, la piu' scarsa degli ultimi sei anni
25/09/2017 Paesi Bassi: prima segnalazione di Truncatella angustata su mele Topaz in post-raccolta
25/09/2017 Roccamonfina (CE): la produzione di castagne precoci alle prese con gli effetti della siccita'
25/09/2017 Inghilterra: la raccolta di mele potrebbe diminuire del 20% per via delle gelate primaverili
25/09/2017 L'uva da tavola biologica in raccolta a Palagiano (TA)
25/09/2017 Verde, giallo, rosso: sul kiwi vincera' chi conquista il consumatore. Riflessioni a margine di Agri Kiwi Expo 2017
25/09/2017 VI.P 'Mela Val Venosta': una nuova organizzazione per affrontare le sfide del futuro
25/09/2017 Focus sul mercato mondiale dei kiwi
25/09/2017 Previsioni al ribasso per il raccolto di mele
25/09/2017 Renania-Palatinato (Germania): raccolto mele, mai cosi' basso
25/09/2017 Cina: introdotte sul mercato le mele Fuji di Luochuan
25/09/2017 La mela Honeycrisp non ha avuto un successo immediato, ma poi e' schizzata alle stelle
22/09/2017 Sudafrica: i settori drupacee e melagrane si preparano alle nuove normative UE
22/09/2017 California: il raccolto di prugne torna a livelli standard

 

Commenti:


Giorgio e Gianni Spinetti, un'accoppiata formidabile; li stimo tantissimo come amici e come imprenditori. In un periodo difficile e particolare come quello che stiamo vivendo, grazie alle loro capacità,quali una giusta dose di coraggio, pragmatismo e iintuizione, hanno dato vita ad un'azienda all'avanguardia nel settore . Auguri di sempre maggiore prosperità
Antonio Gelosia, Marsciano PG, Italia (email) - 19/09/2014 21:32:39


Confesso di essere zio di primo grado dei fratelli Spinetti Giorgio e Gianni ma con piacere trovo conferma che Giorgio e Gianni sono molto in gamba, laboriosi e animati da una grande volontà di intraprendenza connessa ad una particolare sensibilità per l'innovazione e la ricerca. Tali premesse non possono che configurare prestazioni di tutto rispetto. Auguri e cordiali saluti.
Dott.Chim. Pietro Gallina
GALLINA PIETRO, Perugia, Italy (email) - 19/09/2014 12:23:23


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*