Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Italia: situazione difficile per l'export di uva da tavola senza lo sbocco in Russia

A seguito dell'embargo russo ai prodotti agricoli di UE, USA, Norvegia, Australia e Canada (vedi news), il comparto dell'uva da tavola italiano non sta vivendo un momento facile.

"Siamo in una fase critica; il decreto richiesto dal Presidente Vladimir Putin, volto a limitare le importazioni di prodotti agroalimentari da quei Paesi che hanno imposto sanzioni contro Mosca in risposta al conflitto in Ucraina, ci ha rovinato!" dichiara a FreshPlaza il titolare di un'azienda di import-export siciliana. "In Italia non si vende niente, a causa del maltempo, e l'esportazione è bloccata perché sia chi commercia direttamente sia chi opera indirettamente dipende dal mercato russo!".

"La situazione è molto calma, attualmente. Sono al vaglio nuove possibili destinazioni, ma manca la richiesta. In Puglia la situazione forse si sente in maniera ancora più pesante, in quanto i produttori di uva Victoria sono ancora in piena campagna. Noi invece abbiamo praticamente terminato."

E che la situazione sia veramente pesante lo confermano proprio due produttori pugliesi. "Sul mercato si registrano pochissime contrattazioni e i prezzi sono davvero bassissimi, specie per la varietà Victoria - dichiara il primo - Aleggia un certo timore per l'andamento della campagna. Ora più che mai è importantissimo rafforzare i rapporti commerciali consolidati e, anche se con fatica, cercare nuovi mercati."

"I commercianti di zona addetti all'acquisto del prodotto sulle piante hanno rallentato, se non addirittura fermato, le trattative - fa eco il secondo - perché lo sbocco maggiore di tutte le tipologie di uva era proprio la Russia. Sono prossime alla raccolta le varietà Italia e Red Globe, ma attualmente non c'è mercato, l'andamento commerciale si è appiattito e siamo davvero preoccupati per lo scenario che si sta creando. Sul mercato italiano la situazione non è diversa."

"Si segnala - continua il produttore - un surplus di prodotto riversato sugli altri paesi di destinazione, quali la Polonia ad esempio, data l'impossibilità a raggiungere la Russia. Da sottolineare, inoltre, la differenza che intercorre tra quando la merce viene richiesta e quando invece la si offre."

E' invece a causa dell'andamento climatico e del calo dei consumi di frutta fresca che nel Metapontino le quotazioni ufficiali Ismea d'esordio della campagna 2014 dell'uva da tavola sono in ribasso fino al 22,7%. A riportarlo è ansa.it. In termini di volumi la produzione dovrebbe attestarsi su valori inferiori rispetto a quelli del 2013. Le quotazioni dovrebbero risalire a partire dai primi giorni di settembre.

Data di pubblicazione: 26/08/2014
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

 

Commenti:


L'articolo non riporta la situazione reale. I prezzi dell'uva attualmente non sono bassi, anzi spesso sono più che soddisfacenti. Solo il prezzo della Vittoria è calato, ma perchè la qualità era bassa e hanno tagliato uva verde e con pochi zuccheri che non è stata apprezzata dal consumatore. Per il resto fin'ora il mercato non è stato pesante e sta procedendo positivamente al di là di tutte le aspettative, specie per le uve apirene e per le uve pigmentate che al momento hanno richiesta.
Sandro, Conversano, Italia - 26/08/2014 09:23:35


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*