Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

30/07/2014 L'Arabia Saudita produce il 17% dei datteri di tutto il mondo
30/07/2014 Marocco: prodotte 230.000 tonnellate di uva da tavola su 49.000 ettari
30/07/2014 Buona accoglienza in Russia per le fragole finlandesi
30/07/2014 Le fragole polacche conquistano il mercato russo
30/07/2014 Francia: reti protettive per combattere gli insetti che minacciano le coltivazioni di fragole
30/07/2014 Emilia-Romagna: fondi regionali per la prevenzione della batteriosi del kiwi
30/07/2014 Le vendite di frutta e verdura risentono della crisi anche durante le vacanze
30/07/2014 Pere: il Ministero della Salute dice ancora no ai prodotti anti-riscaldo
29/07/2014 Drosofila del ciliegio: primi danni in Svizzera
29/07/2014 Total Produce aggiunge gli ananas alla sua linea a marchio TOP
29/07/2014 Germania: previsto raccolto record per le pomacee
29/07/2014 Ticchiolatura del melo sotto controllo: Trentino in sinergia con il Nord Italia
29/07/2014 Mc Garlet porta in Italia l'innovativa Coco Max: bevanda energizzante a base di acqua di cocco
29/07/2014 Grecia: i produttori di uva da tavola sono ottimisti sui prezzi del prodotto
28/07/2014 Germania: +38% per il raccolto di ciliegie rispetto all'anno scorso
28/07/2014 Spagna: buone prospettive per la campagna dell'uva da tavola
28/07/2014 Russia: frutta moldava sostituita da prodotti polacchi, italiani e cechi
28/07/2014 Az. Agr. D'Angelo Paolo (CT): "Comincia la stagione del ficodindia, con qualche novita' aziendale"
28/07/2014 Dopo pesche e nettarine, la prossima crisi sara' quella delle mele?
28/07/2014 Rutigliano (BA): incontro sulla peronospora della vite, alcune riflessioni

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*