Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/03/2017 Sant'Orsola crea valore ancora maggiore per i soci: liquidato il 20% in piu' nel 2016
24/03/2017 Egitto: raccolta delle pesche iniziata leggermente in anticipo
24/03/2017 Europa: prevista carenza di avocado fino a maggio
24/03/2017 Levarht (Paesi Bassi): le vendite di angurie, meloni gialli e Piel de Sapo procedono speditamente
24/03/2017 Nettarina piatta: Italia e Spagna collaborano per migliorare la qualita' e aumentare la sostenibilita' delle produzioni
24/03/2017 Maggiore sicurezza con la fornitura di lamponi e more dalla Sicilia
24/03/2017 Serbia: la ricerca si interroga sulle migliori varieta' di ciliegie
23/03/2017 Ciliegie di Marostica IGP: si intensifica la difesa integrata dalla Drosophila Suzukii
23/03/2017 Il commento sulla stagione delle pomacee di un operatore olandese
23/03/2017 Belgio: pochi mutamenti sul mercato delle pere
23/03/2017 Aprile e maggio potrebbero essere due mesi impegnativi per la fornitura di avocado
23/03/2017 Avocado spagnoli conquistano quote di mercato in Cina
23/03/2017 Fragola di Peveragno (CN): nasce il Comitato di tutela e promozione
23/03/2017 Diradamento meccanico in fioritura del pesco: guarda i video
23/03/2017 Le giacenze di pere italiane a meta' marzo 2017
22/03/2017 Il CNR svela tutta la storia del noce
22/03/2017 Progetto nocciole: presentata ufficialmente la Sezione Corilicola di Confagricoltura Asti
22/03/2017 BelOrta organizza promozioni di mele nei supermercati indiani
22/03/2017 Cina: mercato delle mele in lenta ripresa
22/03/2017 Interessante genotipo di fragola simile a Sabrosa e Florida Fortuna

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*