Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2015 Israele: dimezzata la produzione di mango
31/07/2015 Georgia: le nocciole diventano il principale prodotto esportato
31/07/2015 Turchia: ciliegie duramente colpite dalla crisi in Russia e dal maltempo
31/07/2015 Francia: raccolto di mele nella media e riduzione nella produzione di pere
31/07/2015 India: 100 ettari di coltivazione intensiva di mele con know how italiano
31/07/2015 La Drosophila suzukii riduce la produzione francese di frutta
31/07/2015 Le mele europee trovano sfogo in Nord Africa e altrove dopo l'embargo russo
30/07/2015 Austria: Pfanner programma 22,9 milioni di euro di investimenti
30/07/2015 L'Aquila: anguria a forma di rosone della Basilica di Santa Maria di Collemaggio
30/07/2015 Presto in Canada l'uva di Puglia, Sicilia e Basilicata
30/07/2015 Porte aperte ai Vivai Zanzi alla scoperta delle varieta' di mele, albicocche e nettarine
30/07/2015 Piemonte: coperture plastiche su kiwi per limitare la batteriosi
30/07/2015 "Una mela per la vita": cosi' Marlene ® aiuta l'Africa
29/07/2015 Primo Concorso di Fruit Carving: artisti dell'intaglio della frutta danno spettacolo ad Andrano (LE)
29/07/2015 Turchia: i prezzi dell'uva influenzati dal clima
29/07/2015 CReSO: per quest'anno conclusa la difesa contro la ticchiolatura del melo!
28/07/2015 Amleto Venturi: "Actinidia, si rafforza la rete distributiva di AGR-FR Sel. 1"
28/07/2015 La rossa Lucy Red chiude il poker delle nuove pere targate UniBO
28/07/2015 Il mercato cinese potrebbe aprirsi a quattro prodotti frutticoli greci
27/07/2015 Venezia: sono andate a ruba le pesche della solidarieta'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*