Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2014 Brasile: l'incremento dei consumi interni potrebbe ridurre drasticamente le esportazioni di uva
20/10/2014 Mele: i produttori polacchi mirano a Medio ed Estremo Oriente
20/10/2014 Bruno Francescon: "Campagna meloni positiva, con meno prodotto ma prezzi remunerativi"
20/10/2014 Life Srl: dal cuneese arrivano le castagne gia' cotte e sbucciate
20/10/2014 Apofruit a Latina: tutto e' pronto per la raccolta kiwi 2014/15
17/10/2014 Europa: carenza di uve brasiliane
17/10/2014 Nuova Zelanda: aggiornamento sulla diffusione della batteriosi virulenta del kiwi (Psa-V)
17/10/2014 Mercato vivace con giacenze in diminuzione per le pere dell'Emilia-Romagna
17/10/2014 I trasformati di mela Leni's a Hotel di Fiera Bolzano e al Salone del Gusto di Torino
17/10/2014 Piccoli frutti: una valida alternativa per le produzioni in collina?
16/10/2014 Grande successo per le uve peruviane in Cina
16/10/2014 Cinquanta imprese cuneesi "videoraccontano" la Mela Rossa Cuneo IGP e il Made in Piemonte
16/10/2014 Uva da tavola: in una settimana prezzi calati dal 20 al 30%
16/10/2014 Ismea: situazione frutta fresca nella 41ma settimana del 2014
16/10/2014 Pietro Ciardiello: "Coop. Sole accelera anche con i piccoli frutti"
16/10/2014 Sul kiwi giallo Soreli, Biogold vince la sua battaglia legale a Latina
15/10/2014 L'uomo che studia le mele dimenticate: oltre 400 varieta' nel suo frutteto
15/10/2014 Francia: meno uva da tavola rispetto all'anno scorso
15/10/2014 Kiwi: L'embargo russo? Uno stimolo alla caccia di nuovi mercati, Paesi arabi e Cina in primis
15/10/2014 Il Consorzio MelaPiu' allarga il brand alla varieta' Fujion

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*