Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

29/07/2016 Pere: oltre 200 mila tonnellate gestite da Opera nel suo primo anno di attivita'
29/07/2016 Svizzera: il kiwi puo' trasformarsi in una specie invasiva
29/07/2016 Svezia: per la frutta estiva sara' una stagione di successo
29/07/2016 Germania: produzione di amarene in calo del 26%
29/07/2016 La Polonia e' il principale produttore UE di mele e ciliegie
29/07/2016 Susine Angeleno: il trattamento GA3 in pre-raccolta aiuta la conservazione
29/07/2016 Med Hermes Vegetable Seeds presenta la nuova anguria allungata Anguria W24
29/07/2016 L'anguria sugar baby senza semi di OP Agricola Campidanese al suo esordio: benvenuta Eleonora
29/07/2016 Sud Italia: quali vantaggi si ottengono nel ritardare la raccolta del kiwi?
29/07/2016 Nasce in Sicilia la prima filiera regionale del fico d'India
29/07/2016 Ritornare protagonisti della filiera e' possibile: Uvitaly Qualita' Certificata APOC
29/07/2016 A scuola da Emilio Mataix-Gato (IVIA-Spagna): fondamenti di potatura del kaki
28/07/2016 Turchia: il raccolto delle albicocche riprende quota
28/07/2016 Granfrutta Zani: campagna discreta per le albicocche
28/07/2016 Sharka, ecco la mappa delle zone contaminate
28/07/2016 Paesi Bassi: prima segnalazione di marciume molle del cuore su mele Elstar
28/07/2016 Bene pesche e nettarine, pere estive e susine. Esordio per le prime uve lucane e per la Palieri pugliese
28/07/2016 Az. Agr. D'Angelo Paolo (CT): al via la stagione del ficodindia
28/07/2016 Luglio non e' il mese migliore per l'uva spagnola
28/07/2016 Israele: comincia la stagione dei datteri freschi Barhi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*