Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

22/09/2014 Liste varietali: c'e' fermento nel mondo delle varieta' di mele
22/09/2014 Roberto Latorre (Surexport): "In Spagna vengono piantate meno fragole, ma piu' mirtilli e lamponi"
22/09/2014 Coperture e contenimento della batteriosi del kiwi: Retilplast informa sulle sperimentazioni condotte in campo
22/09/2014 Monsanto e Top Melon presentano i meloni con piu' appeal per i consumatori
22/09/2014 KingBerry (Argentina): "Abbiamo cominciato ad esportare direttamente sul mercato russo"
19/09/2014 Grande potenziale di crescita per le uve californiane in Asia
19/09/2014 Nuova Zelanda: aggiornamento sulla diffusione della batteriosi virulenta del kiwi (Psa-V)
19/09/2014 Assomela: al via la campagna delle pomacee italiane verso gli Stati Uniti
19/09/2014 Nocciola del Piemonte IGP: annata da record per qualita' e prezzo
19/09/2014 Lorenzo Fazzi: "Quest'anno in Amiata abbiamo un 70% in meno di castagne"
19/09/2014 Ilenio Bastoni: "Dall'America al Medio Oriente all'Asia, cosi' Apofruit coprira' tutto l'anno con i suoi prodotti di eccellenza"
19/09/2014 Top Melon indica la "strada" per uscire dalla crisi
18/09/2014 L'India vuole esportare mango, banane e agrumi in Germania
18/09/2014 Spagna: prevista una campagna cachi con frutti di calibri piu' piccoli
18/09/2014 Francia: conosciamo meglio la Noix de Grenoble DOP
18/09/2014 Tutti i segreti dell'anguria quadrata ora racchiusi in un e-book
17/09/2014 Noix de Grenoble, al via la campagna per la Noce di Grenoble DOP
17/09/2014 A Policoro (MT) presentato il marchio collettivo e il Consorzio per la fragola Candonga
17/09/2014 Uva da tavola: la chiave del successo in Italia e' il colore
17/09/2014 Castagno: l'Europa pensa a un rilancio della coltura

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*