Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le coperture di plastica proteggono le piante di kiwi dal batterio Psa-V

Attualmente, i coltivatori di kiwi di Nuova Zelanda e Italia stanno provando a contrastare la batteriosi dell'actinidia (agente patogeno Psa-V) mediante l'utilizzo di coperture di plastica. A quanto pare, i primi risultati sono promettenti. Anche se la ricerca è ancora in corso, i riscontri preliminari hanno dimostrato che le coperture plastiche sono efficaci nel frenare la minaccia del batterio Psa-V per le piante di kiwi.

Secondo John Holwerda, un coltivatore di kiwi neozelandese: "Vento, pioggia e gelo sono le principali cause della diffusione della batteriosi nei nostri frutteti e avevamo bisogno di provare qualcosa di nuovo. La soluzione era un ambiente di coltivazione chiuso e protetto. Del resto, i coltivatori serricoli di tutto il mondo hanno dimostrato che un ambiente controllato può essere fondamentale nella lotta alle fitopatie batteriche."

Il sistema è in fase di sperimentazione nei vigneti di kiwi: la copertura di plastica arriva fino a 3 metri sopra la chioma delle piante e può essere installata su frutteti già esistenti. "Fondamentalmente, si tratta di un tunnel di plastica aperto e, anche se il batterio Psa-V si trova ancora sulle piante, privato delle condizioni di umidità in cui di solito prospera, non può più decimare le piante protette", ha riferito Holwerda.

Test simili sono in svolgimento anche in Italia e con esperimenti che stanno utilizzando le coperture per la grandine e le coperture in plastica. In uno dei test con la varietà di kiwi Zespri Hort 16A, a polpa gialla, le piante sotto le reti di protezione per la grandine sono state infettate significativamente e la maggior parte del raccolto è andato perduto; è previsto invece che le piante protette dalle coperture di plastica riusciranno a consentire la raccolta fino al 98% dei frutti.

In Nuova Zelanda, i risultati previsti sono gli stessi. "Sebbene le coperture rappresentino un alto costo iniziale, i profitti, in particolare quelli della produzione di kiwi a polpa gialla, giustificano l'adozione di questa nuova tecnologia e sembrano proprio essere una valida opzione per la protezione contro la minaccia più grande per l'industria del kiwi", conclude Holwerda.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 24/10/2013



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/08/2016 Frutta estiva: bene le albicocche, pesche e nettarine in linea di galleggiamento
26/08/2016 Cotton Candy: l'uva dolce come zucchero filato arriva nei supermercati italiani grazie ad Agricoper
26/08/2016 Mele Val Venosta: calo produttivo del 15% a causa delle gelate di aprile
26/08/2016 Sant'Orsola: il mercato italiano e' ancora la principale destinazione del mirtillo
26/08/2016 Cile: atteso aumento del 15% per l'avocado
25/08/2016 Az. Divano: anticipo produttivo per il kaki con volumi minori ma qualita' buona
25/08/2016 Mele Melinda: al via la stagione di raccolta 2016/17
25/08/2016 Tunisia: annata record per l'esportazione di datteri
25/08/2016 Algeria: continua l'importazione di frutta
25/08/2016 Preoccupazione da Egna (Bolzano): mele raccolte troppo presto
25/08/2016 Puglia: ancora in affanno la campagna dell'uva, salvo qualche eccezione
25/08/2016 Uve italiane di lusso a marchio Giuliano e SanLucar per l'olandese Willem Dijk AGF
24/08/2016 Maso Maiano, 250 frutticoltori nei campi a lezione di sostenibilita'
24/08/2016 E adesso la cimice asiatica colpisce anche il pesco: allarme in Emilia-Romagna
24/08/2016 Butirra Precoce Morettini: con la buccia rossa il frutto resiste meglio alle infezioni fungine post-raccolta
24/08/2016 I mango pakistani si sono presentati ai consumatori italiani
24/08/2016 ISS 2020: ulteriori dettagli sul Simposio Internazionale della Fragola in Italia
24/08/2016 Terremerse: ripresa delle drupacee direttamente proporzionale all'estate
24/08/2016 Pero: combattere la carpocapsa, anche nel biologico
24/08/2016 Il minore raccolto stimato in Europa per il 2016 e' un'occasione per le pere argentine

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*