Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Reti antigrandine fotoselettive Iridium® e teli Covertex®: combinazione ideale per la colorazione della frutta

Diversi lavori sembrano suggerire come l'utilizzo di reti antigrandine chiare possa favorire la colorazione nelle varietà di frutta (in particolare nel melo) a doppia colorazione.

Il confronto spesso riguarda le reti antigrandine nere le quali, con un fattore di ombreggiamento intorno al 20%, pur consentendo la protezione della frutta dall'eccessivo irraggiamento nei momenti più caldi della piena estate, in fase di maturazione possono causare difetti di colorazione o leggeri ritardi di maturazione. I problemi in maturazione si fanno tanto più evidenti quanto più ci si alza di latitudine, ovvero quanto più ci si sposta verso nord.

L'utilizzo di reti antigrandine grigie o neutre sembrerebbe rappresentare la soluzione più semplice per risolvere questo specifico problema, ma la scarsa durata del materiale rende sconsigliabile l'utilizzo, soprattutto delle seconde (quelle neutre).

Una soluzione più efficace potrebbe essere l'utilizzo delle reti antigrandine fotoselettive Iridium® (Agritenax Srl, Eboli, SA) che modificano l'intensità e lo spettro del flusso luminoso (rosso, giallo, blu), oppure incrementano il quantitativo di luce diffusa (rete perla), presentando resistenza e durata nel tempo paragonabili a una rete nera e un duraturo colore del filamento. Sono reti antigrandine che, oltre a influire sullo spettro e sulla luce, possono giocare un ruolo positivo sul colore della frutta per i ridotti fattori di ombreggiamento che si distribuiscono tra il 4% della Iridium® Gialla al 15% della Iridium® Blu.

Ulteriore strumento tecnico per aumentare la luce del frutteto è rappresentato dall'utilizzo, nelle ultime settimane prima della raccolta, di teli bianchi riflettenti tipo Covertex®. Si tratta di teli che vengono stesi nell'interfila e che permettono di riflettere verso la parte bassa delle chiome una buona parte della luce che altrimenti andrebbe persa, di fatto aiutando proprio quel settore della pianta che più spesso presenta problemi di colorazione dei frutti, soprattutto nelle forme di allevamento alte.

Campi di melo con varietà a doppia colorazione sono stati quindi coperti con reti fotoselettive, mentre in altri campi sono stati provati i teli riflettenti nell'ultimo periodo di maturazione: Obiettivo comune: far prendere colore alla frutta.

Sia le reti fotoselettive Iridium® che i teli riflettenti Covertex® sono utilizzati in campo in molte aree d'Italia e non solo sul melo. In Basilicata presso l’azienda Suriano a Montalbano Lucano (MT) su una varietà precoce di albicocco a doppia colorazione, Orange Rubis, le reti fotoselettive sembrano consentire una più celere presa di colore e i teli riflettenti Covertex® una maggior estensione della colorazione.

In Romagna
il sovraccolore delle mele Fuji dell’azienda Asioli sembra avvantaggiarsi delle reti fotoselettive, in particolare Iridium® Perla e Iridium® Gialla; come la pera Carmen sotto Iridium® Rossa o la varietà di melo Rosy Glow dell’azienda Agrifolli di Imola che sotto rete Iridium® Gialla sembra prendere un sovraccolore più intenso (foto qui sotto).



Sempre in Romagna i tecnici Selvi D. e Molinari L. del Consorzio Agrario di Cesena hanno provato i teli Covertex® sia su Fuji che su Rosy Glow con impressioni positive e in attesa di conferma da analisi strumentali.

In Piemonte, nel cuneese, prove in campo sono in corso da anni sia con le reti Iridium® su mele e actinidia che con i teli Covertex® su mele Fuji (foto qui sotto).

Nei meleti del Trentino Alto Adige, l’utilizzo dei teli riflettenti Covertex® si è confermato negli anni uno strumento necessario per i produttori.



Si può concludere che sia Iridium® che Covertex® hanno dato prova di una influenza positiva, oltre che su melo, anche su altre specie e varietà di frutta. Con l’obiettivo di una sempre più accurata conoscenza, si continuerà a seguire i campi prova e aumentare le applicazioni di tali innovativi e promettenti strumenti tecnici.

Contatti:
Ing. Stefano Vocca
Research & Development
Agritenax Srl
E-mail: stefano.vocca@agritenax.com
Tel. +39 0828 332978
Fax +39 0828 361955
Web: www.tenax.net



Data di pubblicazione: 14/11/2012

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

27/07/2016 Portogallo: la produzione di pere Rocha migliora rispetto all'anno scorso
27/07/2016 A Bronte (Catania) non solo pistacchi ma anche pere
27/07/2016 Fico d'India e Ciliegia dell'Etna Dop: una dimora barocca del Seicento per un matrimonio dal sapore mediterraneo
27/07/2016 Israele: tecniche per la conservazione a breve e lungo termine dell'uva da tavola
27/07/2016 Die Mellie: un nuovo concept tedesco per i piccoli frutti
26/07/2016 Si chiama McDonald la nuova cultivar di nocciolo sviluppata in Oregon
26/07/2016 Australia: le previsioni di raccolto delle noci macadamia sono stabili a 46.750 tonnellate
26/07/2016 Pesche e nettarine: nessuno stock, prospettive positive per agosto
26/07/2016 Paesi Bassi: previsti buoni raccolti per mele e pere
26/07/2016 Quali sono le varieta' di pere europee per il consumatore sudafricano?
25/07/2016 Frutta svizzera: in estate i prezzi bassi fanno l'occhiolino
25/07/2016 Spagna: la produzione di ciliegie nella Valle dello Jerte e' diminuita del 60%
25/07/2016 Turchia: calano le rese delle ciliegie, ma le esportazioni sono da record
25/07/2016 La Tonda di Giffoni, una delle cultivar piu' pregiate al mondo, puo' essere coltivata dovunque
25/07/2016 L'albicocca altoatesina riceve il Marchio di Qualita' Alto Adige
25/07/2016 La produzione italiana di pesche piatte puo' ancora competere con quella spagnola? L'analisi di Marco Eleuteri
25/07/2016 Riparte l'export di uva da tavola italiana in Canada
25/07/2016 Batteriosi del pesco, l'alleato e' sempre (e solo) il rame
25/07/2016 Ignasi Iglesias (IRTA - Spagna): il futuro della peschicoltura delle platicarpa sta nelle nettarine piatte (platerinas)
25/07/2016 Pesche piatte: storia evoluzione e sfide illustrate alla 60ma Mostra Pomologica di Roma

 

Commenti:


lavori impeccabili sono stati condotti dal CReSO a Cuneo, tutto pubblicato.
come Università Politecnica delle Marche, struttura nella quale opero, abbiamo lavori pubblicati o in fase di stampa riguardo le reti fotoselettive.
non ci sono miracoli, ma leggeri e sensibili miglioramenti in genere si.
michele bravetti, senigallia, italia - 15/11/2012 20:39:58


Si mah, analisi statistica? Articoli scientifici che avallino tali conclusioni?

Grazie.
Franco Meneghetti, Cinesello balsamo, Italy - 15/11/2012 10:08:07


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*