Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il mercato indiano: una destinazione in crescita per l'ortofrutta fresca degli Stati Uniti

Nel corso della conferenza Fresh Produce India 2012, tenutasi a fine marzo, David Williams (nella foto accanto), dell’Ufficio agricoltura del consolato americano a Mombai, ha presentato le prospettive dell’ortofrutta statunitense sul mercato locale.

A Mumbai dal 2010, Williams è responsabile dell'ufficio agricolo del consolato, che rappresenta il Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (USDA) in India. Dal 1993 al 1997 era già stato assegnato all'ambasciata americana a Nuova Delhi.

L'India è un esportatore agricolo netto (l’olio vegetale da solo vale per circa il 40% delle importazioni) e un esportatore netto di frutta fresca, come si può vedere nel grafico sottostante.



Tariffe doganali all'importazione
Per quanto riguarda le tariffe doganali fissate in sede di Organizzazione mondiale del commercio (WTO), esse variano, per la frutta fresca, tra il 15 e il 51% e, sebbene per quasi tutte le tipologie di frutta d'importazione esse arrivino anche al 100%, sono però considerevolmente minori su prodotti chiave, quali: mele (tariffa al 50%), uva (40%), arance (40%), pere (35%) e susine (25%).


Le mele guidano la crescita delle importazioni indiane di frutta fresca, seguite da arance e pere.


Importazioni indiane di mele per principale paese fornitore: Stati Uniti. Cina, Cile, Nuova Zelanda, ecc.


Un mercato in crescita
Le esportazioni di frutta fresca statunitense verso l'India sono passate da un controvalore di 30 milioni di dollari nel 2005 a circa 95 milioni di dollari nel 2011. Nel 2011, l’India ha rappresentato decimo maggior mercato per la frutta fresca statunitense, dopo Canada, Giappone, Messico, Hong Kong, Corea del Sud, ecc.

L'India è diventata un mercato significativo per i frutti chiave statunitensi: il terzo per importanza per le mele, il nono per le pere, il decimo per le arance e il venticinquesimo per l'uva da tavola.

David Williams si è detto ottimista su un'ulteriore crescita, per svariati motivi. Innanzitutto la stagionalità dei prodotti e il miglioramento del trasporto interno. Inoltre, 22 milioni di famiglie hanno redditi annuali superiori ai 12.500 dollari e, migliorando l’efficienza nella catena di commercializzazione, i prezzi al dettaglio possono arrivare al 150% dei prezzi all'importazione. Infine, si sta assistendo a uno sviluppo costante del retail moderno. "Siamo di fronte - ha detto Williams - a una vera rivoluzione nelle vendite al dettaglio di generi alimentari. Se nel 2005 i moderni supermercati in India erano poco più di 200, nel 2012 sono già diventati 3.000".

Quasi tutte le principali Associazioni di categoria statunitensi sono operative in India. Hanno una propria diramazione locale, ad esempio, la Commissione per la mela di Washington, il Consiglio per l’esportazione delle mele degli Stati Uniti, l’Ufficio per le pere del Nord-Ovest, la Commissione per l’uva da tavola della California, il Consiglio per la prugna della California, l’esportatore di agrumi, Sunkist Growers, e l’associazione per il commercio biologico.

Infine, David Williams ha spiegato il ruolo del governo americano in India: aprire i mercati e poi farsi da parte; mantenere un dialogo costruttivo con il governo indiano; illustrare le opportunità di sviluppo della catena del freddo; affrontare i problemi nuovi e ricorrenti.

Ma anche le altre istituzioni hanno un ruolo da svolgere, in primis l'industria che ha bisogno di una propria voce, proporzionalmente all'aumento delle importazioni. Va spiegata l'importanza del settore dell’import e trasmessa l’esperienza sulle questioni tecniche prioritarie come la lavorazione, lo stoccaggio e i residui.

Contatti:
David Williams
Office of Agricultural Affairs
U.S. Consulate
Email: agmumbai@fas.usda.gov

Data di pubblicazione: 06/04/2012
Autore: Raffaella Quadretti
Copyright: www.freshplaza.it

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*