Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Contratto pomodoro da industria: le critiche di Cia e Coldiretti Emilia-Romagna

"Alla trattativa per la stipula del contratto 2012 per il pomodoro da industria c’è stato un approccio negativo da parte degli industriali, e una discussione condotta con 'armi spuntate'". Questo il giudizio della Cia dell'Emilia-Romagna che valuta "deludente l'accordo firmato a Parma tra le industrie e le OP (Organizzazioni di produttori) ortofrutticole emilano-romagnole per il pomodoro trasformato. Non solo il prezzo di riferimento (8,5 centesimi per chilo) è inferiore a quello dello scorso anno – lamenta la Cia - ma sono stati modificati i parametri merceologici e qualitativi, con forti penalizzazioni, anche per scostamenti minimi dai valori di riferimento. In questo modo è alto il rischio di prezzi effettivi al di sotto dei costi di produzione".

"Il nostro disappunto  per un  risultato che –aggiunge Antonio Dosi, presidente della Cia Emilia-Romagna - ha determinato quotazioni al di sotto dei costi di produzione del pomodoro riproponendo, peggiorandola, una situazione già denunciata lo scorso anno. Anche quest’anno i ritardi di efficienza di una parte dell’industria di trasformazione del pomodoro hanno condizionato la trattativa, ma non possono continuare a gravare sui bilanci dei produttori."

La Cia rivela inoltre sempre più evidente l’errore strutturale di considerare la questione pomodoro una vicenda da trattare per territori o distretti (nord Italia e sud Italia) non coordinati e coesi nella definizione di regole ed obiettivi produttivi comuni, vincolanti e verificabili. La frammentazione del settore, senza un inquadramento interprofessionale nazionale e fondato su una quantificazione certa del prodotto non giova quindi a nessuno.

"E proprio in condizioni congiunturali dei consumi come quelle attuali che vengono meno - commenta Dosi – le armi negoziali che servirebbero a supportare una trattativa in grado di portare a risultati soddisfacenti per i produttori e garantire la possibilità di efficaci controlli sui dati produttivi e sull’origine della materia prima. Tutte cose che avevamo denunciato e tentato di modificare nel corso della discussione sulla Organizzazione interprofessionale dei mesi scorsi e nel primo approccio alla trattativa di alcune  settimane fa (come risulta, peraltro, dal verbale del tavolo agricolo del 20 febbraio) e contrariamente a quanto sostenuto da Confagricoltura, evidentemente distratti, nei giorni scorsi."

Anche la Coldiretti dell’Emilia-Romagna critica l’accordo sul pomodoro recentemente sottoscritto tra organizzazioni dei produttori e alcune industrie di trasformazione. "Sul fronte dei prezzi dei pomodori – sostiene l’associazione agricola – in pochi mesi si è distrutto il lavoro di anni, per di più ritornando ad un sistema di sottobosco di regole che portano il prezzo al di sotto dei costi di produzione".

"Coldiretti – osserva il presidente della sezione Emilia-Romagna, Mauro Tonello – ha lavorato per anni per una coesione del mondo agricolo nella definizione di accordi che dessero soddisfazioni economiche alle aziende produttrici. E’ stato un lavoro che è poi sfociato ad accordi che, pur con tante aspettative positive, non hanno dato purtroppo i risultati sperati".

"Tutto questo – aggiunge – è successo soprattutto perché la costituzione del distretto del pomodoro si è trasformato, di fatto, in un organismo interprofessionale che non ha saputo svolgere il suo ruolo di promozione del prodotto. Pertanto è arrivato il momento di pensare ad un contratto che tenga veramente conto della destinazione finale del prodotto, anche secondo le esigenze industriali. E’ possibile pensare a contratti diversi secondo che il pomodoro sia destinato alla produzione di concentrato, che può avere per l’azienda agricola un costo di produzione più contenuto, o alla produzione di un prodotto finito, che richiede maggiore cura, ma che consente la valorizzazione del Made in Italy".

Data di pubblicazione: 12/03/2012



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/09/2016 Nutrire gli astronauti su Marte: la sfida della coltivazione di piante nello spazio
23/09/2016 Consumo di ortaggi freschi: cresce nel mondo, crolla in Italia
23/09/2016 Perché non va confuso un marchio commerciale con una DOP: il caso dell'aglio bianco polesano
23/09/2016 Carote: tutto comincia dalla semina
23/09/2016 Polonia: una nuova linea per le carote con capacita' fino a 40 ton all'ora
23/09/2016 L'ambizioso progetto Sagreen del Gruppo Agro T18 per ridare corpo e voce alla produzione orticola italiana
23/09/2016 Peperone di IV e V gamma: acquisti in aumento
22/09/2016 Successo a Caserta per le cappuccine Rijk Zwaan
22/09/2016 Lattuga rodigina: buona la qualita' ma i consumi languono
22/09/2016 Migreen Food: tutto il potere dei microortaggi
21/09/2016 Veneto: le gentiline Rijk Zwaan per la serra
21/09/2016 Capri: coltivata la zucca piu' grande del Sud
21/09/2016 Denominazione comunale De.Co per il cavolfiore rosso di Mojo Alcantara (ME)
21/09/2016 Il marchio "Verdure di Romagna" mette in rete cinque aziende con Sipo come capofila
21/09/2016 Italia: volge al termine la campagna commerciale degli ortaggi estivi di pieno campo
20/09/2016 Germania: l'orecchio di Giuda nominato fungo dell'anno 2017
20/09/2016 Piacenza: difficolta' per la raccolta di pomodoro a causa del maltempo
20/09/2016 Un buon avvio per la commercializzazione dei peperoni spagnoli
20/09/2016 Gautier Italia: resoconto dell'incontro tecnico-commerciale sulla lattuga da serra a Gricignano di Aversa (CE)
20/09/2016 Fellini Patrizio presenta Le Chicche: una linea di mini-ortaggi snack

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*