Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Contratto pomodoro da industria: le critiche di Cia e Coldiretti Emilia-Romagna

"Alla trattativa per la stipula del contratto 2012 per il pomodoro da industria c’è stato un approccio negativo da parte degli industriali, e una discussione condotta con 'armi spuntate'". Questo il giudizio della Cia dell'Emilia-Romagna che valuta "deludente l'accordo firmato a Parma tra le industrie e le OP (Organizzazioni di produttori) ortofrutticole emilano-romagnole per il pomodoro trasformato. Non solo il prezzo di riferimento (8,5 centesimi per chilo) è inferiore a quello dello scorso anno – lamenta la Cia - ma sono stati modificati i parametri merceologici e qualitativi, con forti penalizzazioni, anche per scostamenti minimi dai valori di riferimento. In questo modo è alto il rischio di prezzi effettivi al di sotto dei costi di produzione".

"Il nostro disappunto  per un  risultato che –aggiunge Antonio Dosi, presidente della Cia Emilia-Romagna - ha determinato quotazioni al di sotto dei costi di produzione del pomodoro riproponendo, peggiorandola, una situazione già denunciata lo scorso anno. Anche quest’anno i ritardi di efficienza di una parte dell’industria di trasformazione del pomodoro hanno condizionato la trattativa, ma non possono continuare a gravare sui bilanci dei produttori."

La Cia rivela inoltre sempre più evidente l’errore strutturale di considerare la questione pomodoro una vicenda da trattare per territori o distretti (nord Italia e sud Italia) non coordinati e coesi nella definizione di regole ed obiettivi produttivi comuni, vincolanti e verificabili. La frammentazione del settore, senza un inquadramento interprofessionale nazionale e fondato su una quantificazione certa del prodotto non giova quindi a nessuno.

"E proprio in condizioni congiunturali dei consumi come quelle attuali che vengono meno - commenta Dosi – le armi negoziali che servirebbero a supportare una trattativa in grado di portare a risultati soddisfacenti per i produttori e garantire la possibilità di efficaci controlli sui dati produttivi e sull’origine della materia prima. Tutte cose che avevamo denunciato e tentato di modificare nel corso della discussione sulla Organizzazione interprofessionale dei mesi scorsi e nel primo approccio alla trattativa di alcune  settimane fa (come risulta, peraltro, dal verbale del tavolo agricolo del 20 febbraio) e contrariamente a quanto sostenuto da Confagricoltura, evidentemente distratti, nei giorni scorsi."

Anche la Coldiretti dell’Emilia-Romagna critica l’accordo sul pomodoro recentemente sottoscritto tra organizzazioni dei produttori e alcune industrie di trasformazione. "Sul fronte dei prezzi dei pomodori – sostiene l’associazione agricola – in pochi mesi si è distrutto il lavoro di anni, per di più ritornando ad un sistema di sottobosco di regole che portano il prezzo al di sotto dei costi di produzione".

"Coldiretti – osserva il presidente della sezione Emilia-Romagna, Mauro Tonello – ha lavorato per anni per una coesione del mondo agricolo nella definizione di accordi che dessero soddisfazioni economiche alle aziende produttrici. E’ stato un lavoro che è poi sfociato ad accordi che, pur con tante aspettative positive, non hanno dato purtroppo i risultati sperati".

"Tutto questo – aggiunge – è successo soprattutto perché la costituzione del distretto del pomodoro si è trasformato, di fatto, in un organismo interprofessionale che non ha saputo svolgere il suo ruolo di promozione del prodotto. Pertanto è arrivato il momento di pensare ad un contratto che tenga veramente conto della destinazione finale del prodotto, anche secondo le esigenze industriali. E’ possibile pensare a contratti diversi secondo che il pomodoro sia destinato alla produzione di concentrato, che può avere per l’azienda agricola un costo di produzione più contenuto, o alla produzione di un prodotto finito, che richiede maggiore cura, ma che consente la valorizzazione del Made in Italy".

Data di pubblicazione: 12/03/2012



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/01/2017 Total Fresh cavalca l'onda di crescita del settore retail in Romania
23/01/2017 Anche Paesi Bassi e Germania scoprono gli asparagi verdi
23/01/2017 Interaspa 2016: per il decimo anniversario affluenza di 2.000 visitatori
23/01/2017 Gelo in Sicilia sud-orientale: inviato documento programmatico ai governi nazionale e regionale
23/01/2017 Sacchetti assorbitori di etilene per la conservazione dei pomodori nel frigo di casa
23/01/2017 Un'arma in meno nella difesa dell'aglio di Voghiera
23/01/2017 Focus sul mercato globale delle zucchine
20/01/2017 Buona la domanda europea di indivia
20/01/2017 COF Ortomania: tecniche innovative per allungare la vita di scaffale della IV gamma
20/01/2017 AAA cercasi zucchine... e nel frattempo i prezzi salgono
20/01/2017 Ismea: neve e gelo fanno impennare i prezzi degli ortaggi
20/01/2017 Il Re Inverno ha il settore orticolo nelle sue grinfie
20/01/2017 Agri Import: esperienza e tecniche agronomiche per il settore del fuori suolo
20/01/2017 Orto Bio: 70% di perdite su finocchi e ortaggi a foglia per il gelo di inizio 2017
19/01/2017 CREA: la ricerca riscopre il peperoncino italiano
19/01/2017 Carote Nutri Red: effetto della surgelazione sui carotenoidi
19/01/2017 Il maltempo ha comportato un rincaro nei prezzi: speculazione o dinamica di mercato?
19/01/2017 Tutta Europa nella morsa dei prezzi vertiginosi degli ortaggi
19/01/2017 Grave impatto del gelo per le colture orticole europee
18/01/2017 Radicchio di Treviso: solo il 10% e' IGP

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*