Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Giocare al ribasso sui prezzi non favorisce il consumo di frutta!

Francia: l’azienda Blue Whale lancia la mela Ariane all’estero

FreshPlaza ha intervistato Marc Peyres dell'azienda Blue Whale durante Fruit Logistica 2012. La società Blue Whale era presente all’evento con la sua nuova varietà di mela, Ariane.



La mela, che viene esclusivamente prodotta in Francia, è già ben inserita in alcune parti d’Europa e ora la Blue Whale ha lanciato il prodotto anche all’estero.

E’ stato un buon inizio, visto che già 40 container di mele Ariane sono state spedite in Europa e nel Medio Oriente, in particolare, 15.000 cartoni in Thailandia. Ariane viene venduta anche a Hong Kong.

Una nave da carico alla settimana viene destinata attualmente al Medio Oriente, al fine di rifornire nazioni come l’Oman e Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Per trarre vantaggio dal potenziale del mercato thailandese, sono state portate avanti attività promozionali nei supermercati della nazione, come quelle raffigurate nelle foto sotto.



Ci dovrebbero essere possibilità di mercato anche in Europa, ma qui è in corso una sfida dovuta al calo del consumo. Marc ha dichiarato che il problema in Europa riguarda il fatto che le persone non acquistano più la quantità di frutta che acquistavano prima.

Si è parlato molto di questo come conseguenza della crisi economica globale e della preoccupazione delle persone riguardo il costo degli alimenti – compresa la frutta. Tuttavia, Marc ha riferito che si sta facendo un po' troppo rumore sul prezzo della frutta.

Marc compara questa situazione con quella del cioccolato e la produzione dolciaria. Molti produttori di frutta, ha detto, pensano di essere in competizione con marchi di prodotti dolciari come Mars o Ferrero.

Il problema, secondo Marc, specialmente in questi momenti di economia turbolenta, è che c'è un atteggiamento prevalente che dice che la frutta continuerà a vendere semplicemente perché è frutta – considerandola come parte essenziale di una dieta bilanciata. In questo caso, la frutta economica viene scartata perché non ha né un bell’aspetto né un buon sapore.

"Con la crisi, l’unica soluzione trovata dai rivenditori è stata quella di abbassare i prezzi –  cosa avvenuta principalmente per prodotti di calibro minore e qualità inferiore – con conseguente diminuzione significativa dei consumi. In qualità di coltivatori, produciamo grandi quantità di frutta, quindi abbiamo bisogno di venderne di più. Se facciamo il confronto con gli Stati Uniti, abbiamo una situazione di crisi economica simile, ma il consumo di frutta è in aumento – come mai?".

Marc pensa che per competere con i brand del settore dolciario e far sì che in Europa si torni a consumare alimenti sani, la frutta deve presentarsi bene e venire promossa in maniera adeguata.
 
Per maggiori informazioni:
Marc Peyres
Blue Whale
Tel.: +33 563 215656
Email: Marc@blue-whale.com
Web: www.blue-whale.com

Data di pubblicazione: 24/02/2012
Autore: Dafne Inzaina
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

27/02/2017 Focus sul mercato globale dei meloni e delle angurie
27/02/2017 Spagna: il settore delle drupacee tende al modello delle varieta' club
27/02/2017 Grecia: gli alti tassi di interesse rallentano gli investimenti per i kiwi
27/02/2017 Uve senza semi extra large sugli scaffali inglesi di Waitrose
24/02/2017 Opportunita' per le drupacee egiziane
24/02/2017 Troppe varieta' di uva sul mercato rendono il mercato piu' difficile
24/02/2017 Pere: vendite in calo a causa dei prezzi elevati
23/02/2017 Planitalia: il nostro sistema di licenze e' l'unica garanzia di originalita' delle fragole Candonga ®
23/02/2017 Esordio sui mercati delle prime fragole di provenienza salernitana
23/02/2017 La francese Idyl vede un mercato del lampone in crescita
23/02/2017 Zespri aggiorna le ultime previsioni: maggiori rendimenti
23/02/2017 Le mele francesi potrebbero risentire del blocco all'import dell'Algeria
23/02/2017 Basilicata: sequestrati oltre 100.000 cestini di fragole con falso marchio Candonga
23/02/2017 Puglia: nettarine precoci in fiore
23/02/2017 La catena olandese PLUS mette a scaffale le mele biologiche di Bio Südtirol
23/02/2017 Una stagione positiva per le mele francesi della Blue Whale
23/02/2017 Cina: i prezzi delle mele scendono dal 20 al 25%
22/02/2017 Belgio: 100 ettari in piu' di fragole nel 2016
22/02/2017 Terranifra (Spagna) spera in volumi di produzione delle drupacee simili all'anno scorso
22/02/2017 Il Regno Unito resta il maggiore importatore di frutta e verdura dell'UE

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*