Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Batteriosi del kiwi: lo stato delle attuali conoscenze sul ciclo della malattia

FreshPlaza ha intervistato il ricercatore e batteriologo Marco Scortichini del CRA di Roma, per un aggiornamento sullo stato delle attuali conoscenze sull'agente patogeno della batteriosi del kiwi: lo Pseudomonas syringae pv. actinidiae (PSA).

FP - Cosa sappiamo del ciclo della malattia innescata dal batterio PSA?

MS - Le conoscenze sul ciclo della malattia di Pseudomonas syringae pv. actinidiae (PSA) su kiwi sono fondamentali per poter ottimizzare le strategie di prevenzione, controllo e lotta nei confronti del batterio.

Sapere quando il microrganismo aumenta le sue capacità di colonizzazione, penetrazione e diffusione nella pianta e tra le piante consente di somministrare in maniera più efficace i vari composti in grado di contenere la sua moltiplicazione e diffusione.


Marco Scortichini del CRA - Centro Ricerca per la Frutticoltura di Roma.

Nel corso degli studi effettuati sul ciclo della malattia di Psa a carico del kiwi giallo nelle province di Latina e Roma, da parte del C.R.A.-Centro di Ricerca per la Frutticoltura di Roma, è stato possibile evidenziare che il patogeno ha due momenti di notevole capacità infettiva: in primavera (prima e dopo la fioritura) e a fine inverno (gennaio-marzo).


Le infezioni primaverili sono molto pericolose, in quanto consentono al batterio di raggiungere gli assi legnosi della pianta e di risiedervi.

In primavera, infatti, PSA è in grado di colonizzare le giovani foglie e di muoversi sistemicamente fino a raggiungere, dai tessuti fogliari, il ramo. Una volta colonizzato l’asse legnoso, risulta molto difficile contenere la sua successiva capacità di diffusione nella pianta e nell’actinidieto.


Con forte pressione d'inoculo batterico possono formarsi cancri lungo i cordoni anche in piena estate.

A fine inverno, soprattutto in seguito alle gelate, PSA induce la formazione di estese fessurazioni lungo i cordoni e il tronco. Da tali fessurazioni, frequentemente, fuoriescono essudati contenenti cellule del batterio che, trasportate da pioggia e vento, vanno a colonizzare le gemme, dando così inizio al nuovo ciclo infettivo.

FP - Quale ruolo hanno le tecniche colturali nel favorire od ostacolare la diffusione del batterio PSA?

MS - Durante la stagione vegetativa, alcune tecniche colturali possono favorire la penetrazione del batterio nella pianta o possono contribuire ad aumentare la sua capacità infettiva. Infatti, la legatura dei rami alle strutture di sostegno mediante lacci di gomma può provocare ferite facilmente colonizzabili dal patogeno.

Inoltre, l’irrigazione per aspersione sottochioma aumenta il contenuto di umidità nell’aria favorendo, così, la moltiplicazione del batterio. L’irrigazione localizzata riduce fortemente l’umidità.


Le operazioni colturali, in questo caso la legatura dei rami, possono causare ferite dalle quali il batterio PSA può facilmente penetrare e causare seri danni.

Altre vie d’ingresso preferenziali sfruttate da PSA sono le lenticelle e le cicatrici del peduncolo e delle foglie. Le lenticelle del kiwi sono di dimensioni ampie e, quindi, facilmente colonizzabili dal batterio. Anche le cicatrici del peduncolo del frutto e quelle delle foglie possono essere raggiunte da cellule del patogeno subito dopo la raccolta e durante la caduta delle foglie. Tali aperture naturali vanno adeguatamente protette.

Le operazioni di potatura possono costituire un pericolo per l’ulteriore diffusione del batterio all’interno dell’actinidieto. E’ bene segnalare e potare per ultime le piante che mostrano sintomi da PSA anche di lieve entità. Prima di procedere ai tagli è consigliabile trattare con battericidi in grado di ridurre la presenza del batterio. Anche immediatamente dopo i tagli, bisogna effettuare trattamenti con battericidi. I tagli di diametro superiore ad 1,5 cm vanno subito disinfettati con battericidi e chiusi con mastici protettivi.

I rami infetti tagliati e rimasti al suolo possono ancora per qualche giorno contenere cellule vitali di PSA. Quindi, prima della loro distruzione definitiva preferibilmente con il fuoco, questi non vanno mai trinciati ma subito inattivati con calce spenta, in modo da ridurre le possibilità di diffusione ulteriore nell’impianto.

Per maggiori informazioni:
C.R.A.-Centro di Ricerca per la Frutticoltura
Via di Fioranello, 52
00134 Roma - ITALY
Tel: + 39 0679348102
Fax: + 39 0679340158
Marco Scortichini
E-mail: marco.scortichini@entecra.it
Web: www.atlasplantpathogenicbacteria.it

Data di pubblicazione: 28/03/2011
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

 

Commenti:


Cinque giorni ta ho potato i kiwi, sono piante che possiedo da 20 anni circa. Tutto ok, mettono le foglie.
Oggi trovo il tronco in basso e anche in alto con grandi macchie color arancio. A une sono asciutte ed altre umide. Qualcuno conosce questa “ malattia”.?
Grazie, spero che qualcuno conosca il problema... slalutissimi. Rita
Rita, Rovereto, Italia (email) - 15/04/2018 14:49:29


Sigg.ri buongiorno
anch'io come Stefano Cirio ho purtroppo delle piante femmine piantate in piena terra vicine ad altre piante sane che nel giro di un paio di settimane presentano questo appassimento e successiva caduta delle foglie nonostante i continui annaffiamenti.
Chiedo gentilmente:
- se esiste, che tipo di trattamento effettuare
-se è corretto continuare ad annaffiare
Ringrazio anticipatamente per la risposta che mi vorrete dare ed in attesa porgo i miei migliori saluti.
mario mora
mario, Romano di Lombardia, italia - 05/08/2012 11:11:40


Tempo addietro (due anni fa) ho letto che nella provincia di torino coltivatori professionali hanno visto morire le loro piante di kiwi senza una plausibile ragione. I danni sono stati gravi, intere piantagioni in pochi giorni sono seccate:
Io sono un coltivatori dilettante ad uso famiglia e quest'anno anchio ho visto morire alcune piante femmina dopo che avevano già messo le foglie. Non so spiegarne le ragioni. Escludo il gelo perché altre piante limitrofe sono in ottima salute. Che sia un batterio? Ma quale e come riconoscerlo? Sarei grato per una risposta tecnica che mi illuminasse sul da farsi.
stefano cirio, torino, susa (email) - 11/06/2012 09:57:59


ho 5 piante di kiwi di cui un maschio quest'anno sone piene di frutta tanto che ne ho eliminate molte dopo la fioritura,
da qualche giorno noto che in un albero si stanno ingiallendo le foglie ed a cadera a terra, vorrei sapere se trattasi della batteriosi oppure altro. premetto che il terreno è ricoperto di manto erboso e spesso viene innaffiato.
In attesa di notizie invio cordiali saluti.
Carlo Lunghi
carlo lunghi, bastia umbra PG, italia (email) - 05/09/2011 16:49:42


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*