Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Vivaio COVIL: il meticoloso lavoro di recupero delle antiche varieta′


Sopra: lo staff COVIL. Da sinistra a destra: Mariano Di Mario, Giuseppe Guglielmi, Andrea Di Mario, Vito Vitelli, Filippo Di Natale.

Tra i partecipanti alla Mostra Pomologica di Roma, FreshPlaza ha incontrato anche lo staff del CO.VI.L, il Consorzio Vivaisti Lucani fondato nel 1999 per iniziativa di alcuni vivaisti della Basilicata. Vito Vitelli, direttore tecnico del COVIL, ha tenuto a sottolineare il certosino lavoro che è alla base del recupero di vecchie varietà frutticole.

"L'organizzazione del nostro lavoro - spuega Vito - parte dall’identificazione delle piante capostipiti in campo e arriva alla produzione di materiale vivaistico certificato. E' un lavoro lungo, meticoloso e di grande pazienza, che richiede tempo ed impiego di risorse economiche."

Individuazione pianta capostipite. Dalla pianta capostipite si preleva del materiale di moltiplicazione.


"Non è facile andare in giro per i campi, sopratutto in posti abbandonati, per ricercare vecchie piante da cui ricavare materiale per la propagazione. Il rischio per le antiche varietà è proprio quello di estinguersi, in quanto non sono più interessanti dal punto di vista commerciale. In alcuni casi si tratta di veri e propri "dinosauri" del mondo vegetale! La loro estinzione però avrebbe gravi ripercussioni sulla ricchezza della variabilità genetica."

Analisi virologica per una prima verifica fitosanitaria del materiale di propagazione.


"Ormai - commenta Vito Vitelli - le coltivazioni intensive ci hanno imposto un ritmo di produzione sfrenato: varietà tutte uguali, molto produttive ma spesso non gustose, poco resistenti alle avversità e poco adatte agli ambienti di coltivazione. Qualunque programma di miglioramento genetico è impostato sul "rimescolamento" dei geni, per la produzione di nuove varietà con nuove caratteristiche. In questo senso le varietà antiche, spesso dotate di maggiore variabilità genetica, sono fonti preziose di caratteri da inserire in una nuova selezione."

Particolare della screen-house, il centro di conservazione del germoplasma autoctono. Dopo accurate verifiche della rispondenza varietale e uno studio pomologico completo, le piante vengono moltiplicate in vivaio e poi impiantate e coltivate in campo aperto.


Vito Vitelli ha anche ricordato il valore "culturale" legato alle antiche varietà, spesso legate a tradizioni, usi e costumi di determinati territori.

Vedi precedenti articoli sull'attività del COVIL:
Mandalate® e Lemox®: nuovi agrumi brevettati disponibili presso il CO.VI.L
Tutelare e moltiplicare le specie autoctone: il Limone Antico di Rocca Imperiale

Per maggiori informazioni:
CO.VI.L. - Consorzio Vivaisti Lucani
Via Enrico Mattei, 28
75020 Scanzano Jonico (Matera)
Italy
Tel./Fax: +39 0835 954775
Cell.: +39 339 2511629
E-mail
Sito web


Data di pubblicazione: 01/10/2007
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/06/2018 Coldiretti: nel 2017 arrivate in Italia 100mila ton di frutta secca 'anonima'
19/06/2018 Confagricoltura Ferrara: ciliegie penalizzate dal maltempo
19/06/2018 Il crollo dei prezzi cambia il mercato dei piccoli frutti
19/06/2018 Spagna: meno rischi dovuti alla diversificazione delle aree di produzione di drupacee
19/06/2018 Cina: il volume di produzione delle ciliegie diminuisce del 70%
19/06/2018 I fichi d'India sono molto richiesti
19/06/2018 Gusto ancora piu' gradevole e minore spreco: ecco il melone Cayucos Beach
19/06/2018 Albicocche: prezzi bassi per il troppo prodotto scadente
19/06/2018 I cerasicoltori spagnoli protestano contro il divario di prezzo tra produttore e consumatore
18/06/2018 Il primo lotto di ciliegie turche arrivera' presto sul mercato cinese
18/06/2018 Crollo dell'export italiano in nord Africa nel 2017
18/06/2018 Impianti pilota pre-commerciali di nuove varieta' di pero grazie al progetto UniBo-CIV
18/06/2018 Drupacee: una prima parte di stagione non cosi' deludente
18/06/2018 I Paesi Bassi ri-esportano i fichi fioroni pugliesi nei Paesi scandinavi
18/06/2018 Focus sul mercato mondiale dei mirtilli
18/06/2018 La Corte d'Appello di Anversa si pronuncia in merito alla distribuzione esclusiva delle pere Corina
18/06/2018 Kiwi rosso a marchio Zespri: tra un paio d'anni sara' sul mercato
15/06/2018 Fondazione Edmund Mach e Apot, 11 anni di sinergia a favore della frutticoltura trentina
15/06/2018 I vantaggi dell'essere specializzati in pomacee d'oltremare
15/06/2018 Le mele polacche Idared e Gloster ben accolte dai consumatori indiani

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*