Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Avellino: crollano i prezzi delle nocciole

Tanta pioggia, concorrenza da parte di altri Paesi, in primis la Turchia, e il prezzo delle nocciole crolla. La crisi si è abbattuta anche sull’Irpinia, dove la produzione delle nocciole è un tratto distintivo dell’economia provinciale e regionale. Dalle stime elaborate dalle associazioni di categoria, il calo delle produzioni si è attestato tra il 15 e il 20 per cento.

Eppure, secondo gli addetti ai lavori, l’annata prometteva più che bene. Infatti, le condizioni meteorologiche di inizio estate avevano fatto sperare in un’ottima fioritura e in raccolto da record. Invece le abbondanti piogge hanno prodotto frutti malati, infestati da insetti e caduti dai rami prima del tempo. Ma il vero problema, perché un’annata cattiva è tollerabile, è la concorrenza turca, sempre più forte sul mercato nazionale.

I prezzi sono fermi a 15 anni fa. Attualmente un quintale di nocciole fresche è pagato intorno ai 160 euro, mentre dalla Turchia i prezzi per quintale sono al di sotto dei 100 euro. Anche se la qualità del prodotto non è la stessa, il frutto turco è quello più acquistato soprattutto dalle aziende dolciarie.

La Campania, con particolare riferimento all’Irpinia, è la prima regione d’Italia per produzione, con le sue 46.000 tonnellate per stagione. Seguono le province piemontesi di Cuneo e Alessandria. E proprio in sinergia con queste realtà settentrionali, la provincia di Avellino ha avviato una collaborazione per avviare una ricerca di marketing per il rilancio della nocciola italiana. 

Fonte: www.irpinianews.it

Data di pubblicazione: 23/08/2010

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

24/10/2014 Peru': atteso un aumento del 15,8% della produzione di uva da tavola
24/10/2014 Nuova Zelanda: aggiornamento sulla diffusione della batteriosi virulenta del kiwi (Psa-V)
24/10/2014 Con la brand extension MelaPiu' rinnova la comunicazione
24/10/2014 27mo Convegno Peschicolo Nazionale: ieri la prima giornata
24/10/2014 Ismea: situazione frutta fresca nella 42ma settimana del 2014
23/10/2014 Tunisia: inizia il secondo raccolto di melagrane
23/10/2014 Quanto e' cambiata la frutta da quando l'uomo la coltiva
23/10/2014 Resoconto del secondo meeting del progetto MARS sulla resistenza genetica a Sharka
23/10/2014 Nel profondo buio della castanicoltura italiana, piccoli spiragli di luce solo in aree limitate
23/10/2014 Sudafrica: attesi maggiori volumi di uva da tavola
23/10/2014 L'Italia si prepara alla nuova stagione dei kiwi
23/10/2014 Una mascotte in "abito da pera" presenta i piatti seducenti di Opera
23/10/2014 Spagna: "Speriamo che i prezzi bassi delle mele spingano le vendite"
23/10/2014 Livio Fadanelli (FEM): "Come conservare le mele risparmiando energia e acqua"
22/10/2014 Turchia: dal 2015 entra in produzione la prima noce rossa ottenuta naturalmente
22/10/2014 Spagna: atteso incremento dell'11% per la produzione di cachi DOP
22/10/2014 Polonia: il prezzo del succo concentrato di mela e' sceso del 50% in sei mesi
22/10/2014 Diminuisce l'offerta di uva da tavola europea
22/10/2014 Castagne: in Campania produzione quasi azzerata
22/10/2014 Giancarlo Minguzzi: come difendere la nostra peschicoltura?

 

Commenti:


ad avella, in provincia di avellino e proprio dove è nata la nocciola, il raccolto di quest'anno è buono ma ancor di più ne è la qualità. perchè non si fa qualcosa per contrastare quella turca che ritornando alla qualità con la nostra non ha niente a che vedere?
maurizio, avellino, avella - 04/09/2013 16:34:26


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*