Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Avellino: crollano i prezzi delle nocciole

Tanta pioggia, concorrenza da parte di altri Paesi, in primis la Turchia, e il prezzo delle nocciole crolla. La crisi si è abbattuta anche sull’Irpinia, dove la produzione delle nocciole è un tratto distintivo dell’economia provinciale e regionale. Dalle stime elaborate dalle associazioni di categoria, il calo delle produzioni si è attestato tra il 15 e il 20 per cento.

Eppure, secondo gli addetti ai lavori, l’annata prometteva più che bene. Infatti, le condizioni meteorologiche di inizio estate avevano fatto sperare in un’ottima fioritura e in raccolto da record. Invece le abbondanti piogge hanno prodotto frutti malati, infestati da insetti e caduti dai rami prima del tempo. Ma il vero problema, perché un’annata cattiva è tollerabile, è la concorrenza turca, sempre più forte sul mercato nazionale.

I prezzi sono fermi a 15 anni fa. Attualmente un quintale di nocciole fresche è pagato intorno ai 160 euro, mentre dalla Turchia i prezzi per quintale sono al di sotto dei 100 euro. Anche se la qualità del prodotto non è la stessa, il frutto turco è quello più acquistato soprattutto dalle aziende dolciarie.

La Campania, con particolare riferimento all’Irpinia, è la prima regione d’Italia per produzione, con le sue 46.000 tonnellate per stagione. Seguono le province piemontesi di Cuneo e Alessandria. E proprio in sinergia con queste realtà settentrionali, la provincia di Avellino ha avviato una collaborazione per avviare una ricerca di marketing per il rilancio della nocciola italiana. 

Fonte: www.irpinianews.it

Data di pubblicazione: 23/08/2010

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

31/10/2014 Repubblica Dominicana: l'UE lancia un progetto per supportare i produttori di ananas
31/10/2014 Nuova Zelanda: aggiornamento sulla diffusione della batteriosi virulenta del kiwi (Psa-V)
31/10/2014 Scoperte antichissime pere nella Repubblica di Adighezia (Russia)
31/10/2014 Frutta fresca: stimata una netta ripresa della produzione 2014 rispetto allo scorso anno
31/10/2014 Curiosita': mele giapponesi con l'immagine di Francois Hollande e non solo
31/10/2014 La pera Abate Fetel italiana a Eataly New York
31/10/2014 La termoterapia applicata alle pesche da' "risultati pessimi"?
30/10/2014 In vendita mele e succhi dell'Istituto Agrario di Cuneo "Virginio - Donadio"
30/10/2014 Marche: Mela Rosa dei Monti Sibillini, cresce la produzione
30/10/2014 I frutti 'di una volta' tornano a vivere: resoconto dal convegno sull'agrobiodiversita' in Emilia Romagna
30/10/2014 Le mele francesi sono vittime dell'embargo russo
30/10/2014 Fratelli Orsero: cresce anche in Italia la domanda di ananas senza corona di foglie
30/10/2014 Ismea: situazione frutta fresca nella 43ma settimana del 2014
30/10/2014 Tom Fusato (Brio): "L'avocado bio e' ancora una nicchia in Italia, ma in crescita esponenziale"
30/10/2014 La peruviana Camposol punta all'espansione in Europa
29/10/2014 Scoperto nuovo ceppo di Sharka, la vaiolatura ad anello delle drupacee
29/10/2014 Belgio: arriva QTee, la nuova pera dalla sfumatura rossa
29/10/2014 Italia: il kiwi giallo Soreli supportato da Gesvatec
29/10/2014 Cile: primo caso di frutteto infettatto dalla batteriosi del kiwi nella Regione VI
29/10/2014 Consorzio Kiwifruit of Italy: andamento della maturazione del kiwi Hayward nella settimana 43

 

Commenti:


ad avella, in provincia di avellino e proprio dove è nata la nocciola, il raccolto di quest'anno è buono ma ancor di più ne è la qualità. perchè non si fa qualcosa per contrastare quella turca che ritornando alla qualità con la nostra non ha niente a che vedere?
maurizio, avellino, avella - 04/09/2013 16:34:26


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*