Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Avellino: crollano i prezzi delle nocciole

Tanta pioggia, concorrenza da parte di altri Paesi, in primis la Turchia, e il prezzo delle nocciole crolla. La crisi si è abbattuta anche sull’Irpinia, dove la produzione delle nocciole è un tratto distintivo dell’economia provinciale e regionale. Dalle stime elaborate dalle associazioni di categoria, il calo delle produzioni si è attestato tra il 15 e il 20 per cento.

Eppure, secondo gli addetti ai lavori, l’annata prometteva più che bene. Infatti, le condizioni meteorologiche di inizio estate avevano fatto sperare in un’ottima fioritura e in raccolto da record. Invece le abbondanti piogge hanno prodotto frutti malati, infestati da insetti e caduti dai rami prima del tempo. Ma il vero problema, perché un’annata cattiva è tollerabile, è la concorrenza turca, sempre più forte sul mercato nazionale.

I prezzi sono fermi a 15 anni fa. Attualmente un quintale di nocciole fresche è pagato intorno ai 160 euro, mentre dalla Turchia i prezzi per quintale sono al di sotto dei 100 euro. Anche se la qualità del prodotto non è la stessa, il frutto turco è quello più acquistato soprattutto dalle aziende dolciarie.

La Campania, con particolare riferimento all’Irpinia, è la prima regione d’Italia per produzione, con le sue 46.000 tonnellate per stagione. Seguono le province piemontesi di Cuneo e Alessandria. E proprio in sinergia con queste realtà settentrionali, la provincia di Avellino ha avviato una collaborazione per avviare una ricerca di marketing per il rilancio della nocciola italiana. 

Fonte: www.irpinianews.it

Data di pubblicazione: 23/08/2010

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

22/12/2014 Brasile: in aumento la richiesta di meloni premium
22/12/2014 Gli avocado spagnoli si preparano a competere nel periodo delle feste
22/12/2014 Cile: la produzione di mirtilli aumenta, nonostante le piogge
22/12/2014 Come il portinnesto e la forma di allevamento influenzano la qualita' dei frutti di pesco
19/12/2014 Nuova Zelanda: aggiornamento sulla diffusione della batteriosi virulenta del kiwi (Psa-V)
19/12/2014 Frutticoltura: l'Italia punti sulla qualita'
19/12/2014 Sudafrica: crollo del 30% nei volumi di litchi
19/12/2014 Marocco: la produzione di mele raggiunge le 600.000 tonnellate all'anno
19/12/2014 Nuova Zelanda: rendimenti record per i produttori di kiwi Zespri
18/12/2014 Sunset (USA): disponibili i primi volumi di fragole invernali di grande calibro
18/12/2014 Monsanto: resoconto del Grower Academy cucurbitacee Seminis® in Sicilia
18/12/2014 Ismea: situazione frutta fresca nella 50ma settimana del 2014
18/12/2014 Ortofrutta Mele: "Se il commercio ortofrutticolo vuoi farlo bene, non puoi farlo a distanza"
17/12/2014 Cile: la fornitura di uva da tavola comincia tardi ma con volumi maggiori
17/12/2014 Assomela: produzione di mele e situazione di mercato per la stagione 2014/15
17/12/2014 Non e' festa senza frutta in guscio: prezzi medi all'origine stabili nelle prime settimane di dicembre
17/12/2014 Ernesto Fornari: "Canova mette il turbo all'export del bio"
17/12/2014 OP Agricola Hortoitalia: "Ci aspettiamo che il marchio Viviana riscatti l'immagine dell'uva da tavola italiana e crei valore aggiunto"
16/12/2014 Washington (USA): pubblicato il rapporto annuale sulle scorte di mele
16/12/2014 Ugo Palara (Agrintesa): il "grande" Brasile e' un'opportunita' anche per la frutta made in Italy

 

Commenti:


ad avella, in provincia di avellino e proprio dove è nata la nocciola, il raccolto di quest'anno è buono ma ancor di più ne è la qualità. perchè non si fa qualcosa per contrastare quella turca che ritornando alla qualità con la nostra non ha niente a che vedere?
maurizio, avellino, avella - 04/09/2013 16:34:26


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*