Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Alcuni pareri scientifici a favore degli OGM

Domenico Pignone, direttore dell'istituto di Genetica vegetale del Cnr di Bari, si dice aperto alle opportunità offerte dagli OGM (organismi geneticamente modificati), a patto che vengano effettuati tutti i controlli del caso. "Credo che questo sia un tipo di tecnologia nuova che serve a fare quello che l'uomo fa inconsciamente da 13.000 anni: modificare le piante per adattarle ai suoi bisogni", dice all'ADNKRONOS. "E' necessario prendere tutte le precauzioni, come si fa per qualsiasi altra sostanza, ma non li vedo come il demonio o come un 'cibo Frankeistein'".

Pignone spiega che circa il 70% della soia prodotta al mondo e quasi il 50% del mais sono OGM. "Poi oltre alle piante - aggiunge - ci sono anche anche i microrganismi: mi riferisco ad esempio a prodotti come l'insulina, che nonostante venga creata con batteri modificati e' utile per curare la gente". Quanto ai rischi per la salute e per l'ambiente, dice Pignone, "fino ad oggi sono ventilati, ma non provati".

I veri problemi, sostiene l'esperto, sono "l'analfabetismo scientifico dell'Italia" e la scarsa comprensibilità di tecnologie sempre più complesse e difficili da avvicinare per i 'non addetti ai lavori'. "Nel nostro Paese - dice Pignone - la scienza è vista con molta diffidenza e gli scienziati sono trattati come sacerdoti di una religione pericolosa". Parallelamente, continua l'esperto, "più le tecnologie diventano complesse, meno sono comprensibili per la massa, e la paura nasce proprio dalla non conoscenza. Aumentare la comunicazione tra scienza e società è sicuramente necessario".

Si spinge un passo oltre Marco Aurelio Patti, esperto di OGM e responsabile del settore filiera mais cereali per Confagricoltura, secondo cui la politica cavalca la paura della gente per fare campagna elettorale: "dicono cose che fanno spaventare la gente per poi bloccare gli OGM e conquistare voti", dice all'ADNKRONOS. "Fare propaganda elettorale su questo aspetto -aggiunge- è una cosa un po' meschina: così si rinuncia a possibili progressi, è un circolo vizioso della democrazia moderna".

In ogni caso, continua Patti, il via libera alla varietà di patate Ogm Amflora riapre processi di valutazione che erano rimasti bloccati per molti anni. Fino ad oggi, spiega, "la Comunità europea ha già autorizzato l'importazione e il consumo di molti OGM in Italia, quindi possiamo consumarli ma non produrli, una situazione penalizzante per i nostri agricoltori. In questo senso l'apertura agli OGM è un passo positivo". Inoltre, aggiunge l'esperto, "se l'Efsa (autorità UE sulla sicurezza alimentare) li ha approvati, penso proprio che non siano dannosi".

Infine, ricorda Pignone, gli OGM non sono le uniche sostanze 'chiacchierate': sono semplicemente quelle su cui c'è maggiore allarmismo: "si pone tanta attenzione sugli OGM - argomenta l'esperto - ma pochissimi parlano dei fitofarmaci, usati nei sistemi agricoli intensivi per combattere funghi e insetti dannosi: sono sostanze nocive per l'ambiente e per l'uomo, ma necessarie". Questi insetticidi tossici, spiega, "colpiscono anche altri organismi utili per l'ambiente, ma sono molto utilizzati perché è in gioco un grandissimo interesse per le compagnie che li vendono. Forse non se ne parla anche per una questione di interesse"

Fonte: ADNKRONOS

Data di pubblicazione: 15/03/2010



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

07/12/2016 Marocco: nuova varieta' di pomodoro che punta a risolvere i problemi di conservabilita'
06/12/2016 Premiato involucro in amido di patate per snack
06/12/2016 Biorfarm: la startup che mette in contatto i consumatori con le piccole e medie aziende agricole bio
06/12/2016 Novita': un'alga che sa di pancetta
05/12/2016 Presentata la pressatorba/cubettatrice piu' veloce che ci sia
05/12/2016 Nuenda: start-up siciliana propone incubatrice che facilita gli innesti
02/12/2016 L'umidificazione a ultrasuoni potrebbe ridurre lo spreco alimentare
02/12/2016 La Fujitsu sbarca nell'idroponica con una partnership in Finlandia
01/12/2016 Idea innovativa per la salvaguardia delle api e dell'ambiente
30/11/2016 21 milioni per la ricerca: l'Italia prova a uscire dalla palude
30/11/2016 Agrowetlands II: per un'agricoltura hi-tech e sostenibile per combattere il degrado del suolo
29/11/2016 Lusia (RO): resoconto della visita al campo prove varietale radicchio e progetto "Residuo Zero"
28/11/2016 Nuovo sacchetto trasparente per le patate
24/11/2016 Imballaggi compostabili per pomodori biologici prodotti in serra
24/11/2016 Interpoma Innovation Camp: due giorni per premiare un'idea
22/11/2016 Riducendo lo stress delle piante se ne migliorano i risultati
21/11/2016 Coltivazione robotizzata per ortaggi
18/11/2016 Spettroscopia NIR per predire la dolcezza e il sapore di arance e pompelmi
17/11/2016 Agricola Porto Felloni: in 15 anni profitti in crescita del 35% con l'agricoltura di precisione
16/11/2016 Per coltivare bastera' uno smartphone

 

Commenti:


Minimamente mi sarei aspettato da un tencico della genetica un pastone del genere. E' molto evidente che c'è una promozione degli ogm spacciandoli per "ciò che l'uomo fa incosciamente per 13.000 anni". La smentisco categoricamente perchè l'autofecondazione, l'incrocio, la selezione, l'adattamento all'ambiente, la tolleranze ad alcuni parassiti, ecc., avviene sia in modo naturale che in modo assistito (dal ricercatore) senza andare a manomettere quella che è la struttura del DNA. In modo naturale non s'incrocia un vegetale con una specie animale. Lei è passato dalla promozione degli ogm alla politica alla ignoranza della gente, da esortare gli agricoltori a coltivare ogm ai danni che i fitofarmaci causano alla salute (cosa che conoscono anche i bambini). In questo modo è stato fatto solo terrorismo, creato ulteriore confusione e si capisce solo che usare ogm è intelligente, che migliora la politica, che tutti vivremo in modo più sano, che verranno eliminati i fitofarmaci e la speculazione delle multinazionali. Non solo è falso, ma con questa confusione ha fatto anche una pessima pubblicità agli ogm.
Stefano, Terracina (LT), Italia - 14/04/2010 08:47:59


Da un esperto di scienze, di cui condivido in pieno l'analisi sugli ogm, ci si aspetterebbe una analisi scientifica anche sui fitofarmaci e non inutilmente allarmistica. In pratica utilizza gli stessi argomenti antiscientifici degli oppositori agli ogm (le solite voraci multinazionali....). Sarebbe stato molto meglio far riferimento alle micotossine che si possono combattere con gli ogm o, appunto, con l'uso di fitofarmaci.
Silvestro Gallipoli, Napoli, Italia - 16/03/2010 20:27:35


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*