Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli astronauti potranno coltivare e mangiare carote fresche nello spazio

Una nuova ricerca indica che gli astronauti avranno presto un proprio orticello a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, con la possibilità di coltivare carote, ricche di vitamina A, anche nello spazio, stando ad uno studio pubblicato sul "Journal of Food Science".

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Tuskegee (Alabama - USA) ha condotto uno studio per incorporare cibi naturali freschi e sostanze antiossidanti nella dieta degli astronauti durante i viaggi nello spazio.

Ai fini della ricerca, 18 diverse varietà di carote adatte alla coltivazione idroponica sono state coltivate utilizzando due diversi metodi di apporto dei nutrienti. Le radici di questi ortaggi vengono infatti immerse non nel terreno ma in soluzioni liquide arricchite di sostanze nutrienti. Nel primo metodo, detto NFT (nutrient film technique), le radici sono state esposte ai nutrienti avvolte in un film plastico; l'altro metodo, detto MTMS (microporous tube membrane system) prevede invece che le carote vengano piantate in un materiale (il Turface), imbevuto di nutrienti.

Tutte le carote sono state raccolte dopo 70 giorni e sono state sottoposte a test per valutare il grado di umidità, grasso, contenuto di carotene, colore e consistenza. E' emerso che, mentre il prodotto ottenuto mediante tecnica MTMS è risultato di apparenza più gradevole, la cultivar di carota idroponica Nevis-F, coltivata secondo il metodo NFT ha presentato il maggior contenuto di carotenoidi. In generale, comunque, il profilo nutrizionale di tutti i 18 esemplari di carote si assomigliava molto.

Tra tutti gli alimenti, le carote possiedono il più alto contenuto di carotenoidi; inoltre, sono ricche di un pigmento naturale noto per l'apporto di provitamina A e sono state associate ai cibi che concorrono alla protezione contro tumori, malattie cardiovascolari, cataratta e degenerazione maculare. Infine, le carote aiutano a rafforzare la risposta immunitaria dell'organismo.

Gli astronauti, che possono essere esposti a livelli elevati di radiazioni, potrebbero essere maggiormente soggetti al rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro. I ricercatori americani ritengono perciò che l'aggiunta di carote fresche alla loro dieta possa contribuire a ridurre gli effetti negativi delle radiazioni.

Fonte: www.laboratoryequipment.com

Data di pubblicazione: 02/11/2009
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/11/2017 L'Aglio Bianco Polesano DOP al Buonaitalia Trade Show 2017
17/11/2017 Con i funghi esotici si possono ottenere margini interessanti, ma serve impegno
17/11/2017 Stagione regolare per lo zenzero indiano
17/11/2017 Catania: resoconto del seminario sulla lotta agli illeciti nel settore del materiale di propagazione vegetale di piante ortive
17/11/2017 Pomodoro San Marzano: le zone di produzione potrebbero diventare Patrimonio Culturale Nazionale
17/11/2017 La prossima stagione della lattuga sara' segnata da offerta instabile e carenze
17/11/2017 Sono le condizioni climatiche che definiscono il mercato
16/11/2017 Il Radicchio di Chioggia Igp sbarca in Finlandia con la Settimana della cucina italiana
16/11/2017 Almeria (Spagna): il virus New Delhi riduce e ritarda la produzione di zucchine
16/11/2017 Francia: il consumo di prodotti biologici cresce del 10% ogni anno
15/11/2017 Regolazione della condensa all'interno delle buste di insalate di IV gamma
15/11/2017 I broccoli spagnoli hanno una marcia in piu'
15/11/2017 Il pomodoro blu Marazul e' molto popolare sul mercato spagnolo
15/11/2017 Ripresa delle quotazioni per tutti gli ortaggi a frutto di serra
14/11/2017 Spagna: campagna in anticipo di 15 giorni per i carciofi Blanca de Tudela
14/11/2017 Con OrtoRomi, i Radicchi IGP Insal'Arte tornano protagonisti della tavola
14/11/2017 Il marchio Sagreen del Gruppo T18 entrera' nella Gdo nel 2018
14/11/2017 Nuovo pack e maggiori superfici per il Radicchio di Treviso IGP
14/11/2017 Il clima influenza i consumi di verdure e le vendite risultano anomale gia' a inizio campagna
13/11/2017 Al via la stagione del Radicchio Rosso di Treviso IGP: raggiunti 500 ettari autorizzati (+22%)

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*