Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli astronauti potranno coltivare e mangiare carote fresche nello spazio

Una nuova ricerca indica che gli astronauti avranno presto un proprio orticello a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, con la possibilità di coltivare carote, ricche di vitamina A, anche nello spazio, stando ad uno studio pubblicato sul "Journal of Food Science".

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Tuskegee (Alabama - USA) ha condotto uno studio per incorporare cibi naturali freschi e sostanze antiossidanti nella dieta degli astronauti durante i viaggi nello spazio.

Ai fini della ricerca, 18 diverse varietà di carote adatte alla coltivazione idroponica sono state coltivate utilizzando due diversi metodi di apporto dei nutrienti. Le radici di questi ortaggi vengono infatti immerse non nel terreno ma in soluzioni liquide arricchite di sostanze nutrienti. Nel primo metodo, detto NFT (nutrient film technique), le radici sono state esposte ai nutrienti avvolte in un film plastico; l'altro metodo, detto MTMS (microporous tube membrane system) prevede invece che le carote vengano piantate in un materiale (il Turface), imbevuto di nutrienti.

Tutte le carote sono state raccolte dopo 70 giorni e sono state sottoposte a test per valutare il grado di umidità, grasso, contenuto di carotene, colore e consistenza. E' emerso che, mentre il prodotto ottenuto mediante tecnica MTMS è risultato di apparenza più gradevole, la cultivar di carota idroponica Nevis-F, coltivata secondo il metodo NFT ha presentato il maggior contenuto di carotenoidi. In generale, comunque, il profilo nutrizionale di tutti i 18 esemplari di carote si assomigliava molto.

Tra tutti gli alimenti, le carote possiedono il più alto contenuto di carotenoidi; inoltre, sono ricche di un pigmento naturale noto per l'apporto di provitamina A e sono state associate ai cibi che concorrono alla protezione contro tumori, malattie cardiovascolari, cataratta e degenerazione maculare. Infine, le carote aiutano a rafforzare la risposta immunitaria dell'organismo.

Gli astronauti, che possono essere esposti a livelli elevati di radiazioni, potrebbero essere maggiormente soggetti al rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro. I ricercatori americani ritengono perciò che l'aggiunta di carote fresche alla loro dieta possa contribuire a ridurre gli effetti negativi delle radiazioni.

Fonte: www.laboratoryequipment.com

Data di pubblicazione: 02/11/2009
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it

 

 
 
tweet

rispondi
 
email
 
stampa
 
iscriviti

 

Altre notizie relative a questo settore:

27/02/2015 Il Consorzio di Tutela dell'Insalata di Lusia IGP riunito per approvare il bilancio 2014
27/02/2015 Le nuove proposte Meridiem Seeds nel cetriolo: da ortaggio tradizionale a snack
27/02/2015 Frutta e verdura di IV gamma: crescono le vendite unitarie, ma non il loro valore, ancora con il segno rosso
27/02/2015 Resoconto del convegno Syngenta su produzione integrata del pomodoro da industria
26/02/2015 Agricoltura: Istat, contrazione generalizzata delle superfici investite a pomodoro
26/02/2015 Mauro Gallerani: "Broccoli, e' la testa che fa la differenza!"
26/02/2015 La carota Naval F1 di Bejo si conferma protagonista del bunching a pieno campo
26/02/2015 Mercato delle zucchine verso la stabilizzazione dopo l'impennata dei prezzi delle ultime settimane
26/02/2015 Quotazioni in calo per quasi tutte le ortive, anche in coltura protetta
25/02/2015 Insalate pronte: da agosto scattano le nuove regole per la vendita
25/02/2015 ISI Sementi: resoconto dell'Open Day lattughe da serra a Fondi (LT)
25/02/2015 Il punto di vista dell'Azienda Buonafede sulla melanzana Gloria F1 di Southern Seed
25/02/2015 Cosa dicono le aziende agricole del peperone Makko di Enza Zaden
25/02/2015 A febbraio ci si depura con Fungo Bio di Hortoitalia
25/02/2015 Az. Agr. Pasquariello: "Rispetto allo scorso anno abbiamo perso circa il 20% di finocchio, ma i prezzi sono rimasti simili"
24/02/2015 Europa: periodo nero per il settore dell'aglio
24/02/2015 L'esperienza della Sempre Verde di Vittoria (RG) nel segmento del ciliegino: un'alternativa alla produzione di massa
24/02/2015 Il Medio Oriente ancora colpito da tempeste di neve
24/02/2015 Peperoni: latita la produzione israeliana, ne approfitta la Spagna, e' il suo momento
24/02/2015 Ortomarche propone il cavolo riccio rosso e verde

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*