Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

Sviluppata busta che si scioglie in acqua

Cile primo paese americano a vietare i sacchetti di plastica

Con un piccolo cambiamento nella formula della plastica, che consente di sostituire il petrolio con la pietra calcarea, un gruppo di imprenditori cileni è riuscito a fabbricare sacchetti di plastica e tessuti riutilizzabili che sono solubili in acqua e non inquinano.



Roberto Astete e Cristian Olivares, i due ideatori di questo prodotto, hanno iniziato con esperimenti per la produzione di detergenti biodegradabili, ma alla fine hanno trovato la formula chimica a base di PVA (alcol polivinilico, solubile in acqua) e che sostituisce i derivati del petrolio (la causa dell'indistruttibilità delle materie plastiche che sono state integrate nella catena alimentare degli animali che abitano gli Oceani e che deteriorano l'ambiente).

Il direttore generale e il direttore commerciale di SoluBag prevedono di commercializzare i propri prodotti da ottobre in Cile, uno dei primi paesi dell'America Latina a vietare l'uso di sacchetti di plastica convenzionali nei negozi.

Negli scorsi giorni hanno tenuto una dimostrazione a Santiago per dimostrare l'efficacia della nuova formula e la certezza che il componente non inquini. Hanno anche mostrato l'immediata solubilità dei loro sacchetti di plastica in acqua fredda o dei sacchetti di stoffa riciclata in acqua calda. "Ciò che rimane nell'acqua è carbonio- ha detto Astete - i test medici hanno dimostrato che non ha alcun effetto sul corpo umano".

Astete ha preso un bicchiere, lo ha riempito con l'acqua in cui è stata dissolta una busta di plastica e l'ha bevuta per mostrare che l'acqua rimane assolutamente potabile.

"La grande differenza tra la plastica tradizionale e la nostra è che la prima resta nell'ambiente per alcuni secoli, la nostra per soli 5 minuti e decidi tu quando distruggerla: oggi la macchina per il riciclaggio può essere la pentola di casa tua o la lavatrice!".

"La formula consente di realizzare qualsiasi materiale plastico, come ad esempio posate, piatti o contenitori di plastica. I tessuti solubili nella stessa acqua calda utilizzata per preparare, ad esempio, un tè o un caffè, vengono utilizzati per realizzare borse per la spesa riutilizzabili o prodotti ospedalieri usa-getta come proteggi-barelle, camici e mascherine per personale medico e ospedaliero e pazienti", ha spiegato Cristian Olivares.

Un altro vantaggio di queste borse è che sono anti-soffocamento, una causa importante della mortalità infantile, poiché si dissolvono a contatto con la lingua o con le lacrime.

Solubag attualmente produce in Cina, ma questa nuova plastica può essere realizzata nelle stesse aziende da cui provengono le materie plastiche tradizionali: è sufficiente modificare la formula e il prezzo dei loro prodotti può essere simile a quello attuale, secondo gli imprenditori.

In un mondo in cui 311 milioni di tonnellate di plastica sono state prodotte nel 2014, se il corso non viene modificato nel 2050 ne saranno state prodotte 1.141 milioni di tonnellate! Astete e Olivares sperano di dare al cliente la "capacità di aiutare a decontaminare l'ambiente". "Perché il grande vantaggio è che l'utente decide quando distruggere l'imballaggio".

Data di pubblicazione :
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018