Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Acquisito il ramo d'azienda di Cesac

Patfrut cresce in orticole e quarta gamma

Si registrano importanti movimenti societari tra le cooperative emiliano-romagnole che fanno capo al Gruppo ortofrutticolo Apo Conerpo: come anticipato da FreshPlaza (cfr. articolo del 18/07/2018), la Patfrut di Monestirolo (provincia di Ferrara) annuncia infatti di aver acquisito il ramo d'azienda orticolo e quarta gamma del Cesac di Conselice (provincia di Ravenna). L'operazione di Patfrut, perfezionata nei giorni scorsi dopo alcune settimane di analisi approfondite, è stata sostenuta anche dal sistema di Confcooperative e Legacoop al fine di tutelare gli interessi dei soci e dei lavoratori di Cesac, storica cooperativa fondata nel 1963 che ad inizio anno ha dovuto fare i conti con una crisi economico-finanziaria.

Roberto Cera, presidente Patfrut

"Questo intervento – dichiara il presidente della Patfrut Roberto Cera – consente di salvaguardare 200 posti di lavoro, divisi tra gli stabilimenti Cesac di Medicina (provincia di Bologna), Castel Guelfo (provincia di Bologna) e Conselice. Al tempo stesso, questa acquisizione ci permette di rafforzare ulteriormente il nostro progetto industriale su patate e cipolle nel territorio bolognese e ferrarese, dando vita ad un importante polo di riferimento in grado di favorire la programmazione produttiva e commerciale ed offrire le migliori risposte agli agricoltori, attualmente alle prese con un andamento di mercato tutt'altro che positivo. L'operazione consente infatti di raggiungere sinergie strategiche nelle fasi di produzione, confezionamento e commercializzazione del prodotto così da garantire un maggior valore aggiunto alle aziende agricole. Si tratta quindi di un intervento dalla grande valenza economica e sociale che favorirà l'ulteriore sviluppo di questo comprensorio, particolarmente vocato alla produzione di patate e cipolle".

Patfrut, che costituisce una realtà leader nella lavorazione degli ortaggi e nell'ultimo esercizio ha commercializzato oltre 580.000 quintali di prodotti orticoli freschi, vede adesso aumentare di oltre 250.000 quintali la produzione di patate e di più di 260.000 quintali quella di cipolle, diventando così la realtà italiana più importante del settore.

"L'offerta della Patfrut – sottolinea il vicepresidente Aldo Rizzoglio – si arricchisce anche della produzione di quarta gamma del Cesac: si tratta di patate, cipolle e carote già lavate, tagliate e confezionate, destinate al canale Horeca che nel 2016 ha assorbito oltre 63.000 quintali di prodotto commercializzato dalla cooperativa di Conselice. Questa produzione favorirà, tra l'altro, il potenziamento dello stabilimento Patfrut di Medicina che comprende un apposito centro per gli ortaggi di quarta gamma".

"Con l'intervento concretizzato in questi giorni – ricorda il presidente Cera – Patfrut aumenta ulteriormente le sue dimensioni ed il suo peso specifico all'interno del settore ortofrutticolo regionale e nazionale, confermandosi una realtà sempre più dinamica e attenta al mercato, con un fatturato proiettato oltre i 90 milioni di euro, un patrimonio netto di 25 milioni, 420 addetti (70 fissi e 350 stagionali) per un totale di oltre 70.000 giornate lavorative. La cooperativa può contare inoltre su 3 stabilimenti per il confezionamento del prodotto (Monestirolo, Molinella e Medicina) con una capacità lavorativa di oltre 10.000 quintali al giorno, una capacità frigorifera pari ad 800.000 quintali ed una produzione di energia elettrica superiore ai 3 milioni di kWh annui in autoconsumo, ottenuta con impianti fotovoltaici, della potenza di 2.700 kilowatt, installati sul tetto dei capannoni. La produzione complessiva supera il milione di quintali per patate e cipolle, si attesta a 600.000 quintali per la frutta (di cui 400.000 pere e 100.000 mele) e a quota 500.000 quintali per le produzioni industriali. Per quanto riguarda le destinazioni, il 50-60% del prodotto è indirizzato alla GDO italiana, il 30-40% all'export, il rimanente 10% all'industria".

"Questa operazione di acquisizione del ramo di Cesac – evidenzia Cera – consente di compiere un significativo balzo in avanti al settore orticolo bolognese e ferrarese, per stare al passo con i continui e veloci mutamenti del mercato". Permettendo un ulteriore sviluppo della Patfrut, l'acquisizione del ramo d'azienda orticolo e quarta gamma comporterà vantaggi anche per il comparto frutticolo nel quale la cooperativa ferrarese ha recentemente realizzato un importante investimento tecnologico. Si tratta dell'acquisto di una linea di lavorazione delle pere a calibratura in sospensione in acqua, che funziona ad analisi automatizzata della morfologia del frutto mediante diaframma ottici, primo esemplare di questa moderna tecnologica adottato in Italia ed Europa.

"L'auspicio – conclude Cera – è che anche nel settore delle patate si possa presto realizzare il progetto messo in atto con successo da Opera, la filiale di Apo Conerpo costituita tre anni fa per la commercializzazione delle pere in forma aggregata con la collaborazione di cooperative e strutture private al fine di garantire ai produttori i migliori risultati".

----
Realtà di punta del settore ortofrutticolo, Patfrut aderisce ad Apo Conerpo, Agripat, Naturitalia, Conserve Italia, Opera, Melapiù, Modì, Consorzio IGP Pera, Consorzio Selenella, Patata Dop di Bologna, Consorzio Cipolla di Medicina. Conta 800 soci, 420 addetti (tra fissi e stagionali) e 11 stabilimenti (7 in provincia di Ferrara, 4 in provincia di Bologna). Patfrut è inoltre una cooperativa unitaria che aderisce alle centrali Confcooperative e Legacoop.

Data di pubblicazione: 30/07/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Vilmorin: il partner innovativo nella specie peperone
31/07/2018 Analizzato il profilo polifenolico delle varieta' venete di radicchio
31/07/2018 Notevole aumento in Russia per le coltivazioni di ortaggi in serra
31/07/2018 Potterino, il nuovissimo pomodoro Vesuviano di Fenix
31/07/2018 AIIPA: primo semestre 2018 con segno positivo per la IV gamma
31/07/2018 Zucche estive, ottima richiesta dai mercati
31/07/2018 Novita' nel segmento peperoni: due nuovi cavalli di battaglia per HM.Clause
31/07/2018 I colorati di Syngenta: l'evoluzione del pomodoro da mensa di alto gusto
30/07/2018 Lanciata una nuova varieta' di cavolfiore
30/07/2018 HiTec detorsola e taglia a meta' o in quarti i peperoni
30/07/2018 Annina F1, la nuova melanzana striata di Enza Zaden
30/07/2018 L'importanza della scelta varietale per lo zucchino nei trapianti precoci in Sicilia
30/07/2018 Coltivare erbe aromatiche e verdure sotto il livello del mare
27/07/2018 Caravaggio, il radicchio di Treviso di Bejo, esalta l'equilibrio fra innovazione e tipicita'
27/07/2018 Prezzi al rialzo per cetrioli e radicchio
27/07/2018 Le allerte alimentari determinano un aumento della domanda di lattuga coltivata in serra
26/07/2018 Cresce la superficie coltivata a broccoli nella Murcia
26/07/2018 Russia: un'azienda investe 5 milioni di euro nella coltivazione di rucola
26/07/2018 Fungo Puglia festeggia 45 anni di attivita'
26/07/2018 Spagna: l'Estremadura dedichera' 22.000 ettari a pomodoro

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*