Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Con esperienze aziendali!

I colorati di Syngenta: l'evoluzione del pomodoro da mensa di alto gusto

In un mercato in continua evoluzione, le nuove varietà di pomodoro si combinano per soddisfare le sempre nuove esigenze dei consumatori che ricercano prodotti attraenti e appetitosi, che siano la migliore espressione delle caratteristiche qualitative.

Syngenta, leader mondiale nel settore, da anni lavora per soddisfare le richieste della filiera e dell'utente finale, mettendo in campo continue soluzioni che si concretizzano in prodotti di alto gusto (leggasi alta qualità) dalle ottimali caratteristiche fisiche e sensoriali quali, ad esempio, dimensioni, colori, gusto, consistenza, aroma, livelli zuccherini e di sapidità, succosità.


Bamano

Per comprendere più da vicino le dinamiche che hanno portato Syngenta a sviluppare questo nuovo segmento dei pomodori colorati, abbiamo intervistato Massimo Perboni, Product Manager & Food Chain Syngenta, food value chain lead di Syngenta Italia che ha subito chiarito come "ognuno di noi è innanzitutto un consumatore: si può essere più o meno qualificati, ma a ognuno è concesso scegliere ciò che più risponda alle proprie esigenze".

In effetti, acquistare frutta e verdura è diventata oggi un'attività cui si dedica un tempo consistente. Basti pensare alle ampie superfici che i canali distributivi riservano al reparto ortofrutta. Il numero di referenze è molto elevato, tant'è che la comunicazione legata al prodotto sta diventando sempre più focalizzata.

"Se parliamo di pomodoro, l'ortaggio che ha più penetrazione a livello percentuale tra i consumatori, - prosegue il manager - notiamo come la caratterizzazione stia guidando la nuova segmentazione della categoria. Nel corso degli anni, i calibri e le dimensioni dei frutti sono stati i parametri di differenziazione, così come in seguito la forma ha guidato le categorie dei prodotti, vedasi per esempio lo sviluppo della categoria cuore di bue o all'exploit dei pomodori plum e dattero. Nel corso degli ultimi anni, seguendo il trend che in Europa è già presente da alcuni anni, il vero parametro di differenziazione è avvenuto a livello cromatico".


Dulcemiel

L'innovazione oggi, dunque, passa anche per il colore, mentre gli aspetti organolettici, invece, sono e rimangono un must.
"Sarebbe un errore tradire le aspettative di un prodotto che si presenta attraente - spiega Perboni - Di fatto, la memoria positiva al consumo è il vero motore per un acquisto ripetuto e, quindi, per un incremento di rotazione sul punto vendita. La proposta delle varietà specialty di Syngenta è stata fatta tenendo conto della gradevolezza al palato e alla vista dei prodotti. L'offerta è articolata e copre tutti i colori attualmente disponibili sul mercato: il datterino arancione Bamano, i cherry gialli Yolita, Ninive e il particolare Lemonade, il datterino verde Dulcemiel, il color avorio del più recente datterino Ivorino. Inoltre, come anticipazione , entreremo nel mercato con i colori brown della gamma Mini e Baby Kumato®".


Yolita

La proposta di pomodori colorati ha inoltre il grande vantaggio di estendere le opportunità di posizionamento del prodotto. Oltre a rivolgersi al consumatore abituale di pomodoro, grazie a un abbinamento con un packaging dedicato, rimodulato per dimensioni, forme e aspetto, si potrà quindi ambire a entrare in categorie premium del mondo snack one-bite.

L'innovazione non deve essere vista solamente come una caratteristica intrinseca del prodotto ma, ancora meglio, come uno strumento per generare altre opportunità di vendita nel mondo dell'ortofrutta. E, per muoversi in questo mercato, occorre avere performance di prodotto costanti, che rispettino le attese dei consumatori in termini di gusto, che siano flessibili alle variabili situazioni di vita quotidiana che spesso ci portano a consumare pasti lontano da casa.

Lemonade

Shelf-life e packaging
Coniugare la shelf-life di prodotto con l'adattabilità a packaging speciali è uno degli ulteriori requisiti di mercato che Syngenta ha tenuto conto nello sviluppo varietale: tutte le varietà consentono il confezionamento a frutto singolo anche a più strati grazie alla consistenza continuativa dei frutti che offrono sempre la croccantezza desiderata al consumo.

Essere innovativi in ortofrutta significa esplorare e cercare opportunità di mercato, tenendo conto delle necessità dei produttori, della filiera ma soprattutto del consumatore. E per arrivare a quest'ultimo, bisogna prima passare da quei produttori che, con la loro preparazione ed esperienza, siano in grado di interpretare al meglio le esigenze agronomiche di questi fantastici pomodorini.

A tal proposito, FreshPlaza ha voluto raccogliere le testimonianze di due realtà produttive, separate da una considerevole distanza geografica (la prima è in Sicilia, l'altra nel Lazio), ma certamente rispondenti entrambe a un denominatore comune che si racchiude in una sola parola: qualità!


Ninive

Colle d'Oro: pomodorini colorati? Un'esperienza di otto anni all'attivo
"Nel 2010, quando abbiamo iniziato a effettuare le prove, siamo stati i primi in Italia a produrre pomodorini colorati in Italia, grazie a Syngenta". A dirlo è Carmelo Calabrese, presidente dell'OP Colle D'Oro di Ispica in provincia di Ragusa, nella produttiva Sicilia sud orientale. 

"L'intenzione iniziale era quella di diversificare la produzione con una referenza innovativa - aggiunge Calabrese - che avrebbe catalizzato l'attenzione del consumatore e implementato, al contempo, un nuovo segmento di pomodoro. Il lancio ufficiale è poi avvenuto nel corso della fiera internazionale Fruit Logistica 2011, con il nostro marchio Deliziorti e, fin da subito, ci siamo resi conto che l'idea di intercettare una fascia di consumatori da snack e aperitivo era stata quanto mai appropriata. In tal senso, siamo stati precursori assoluti a livello nazionale".

Cofanetto Deliziorti

Solo nell'ultimo anno un +60%
"La fascia di consumatori cui ci rivolgiamo è certamente medio-alta e, dal punto di vista produttivo e commerciale, i pomodorini colorati riescono a soddisfare le esigenze di tutta la filiera - spiega meglio il presidente Calabrese - In un primo tempo siamo riusciti a vendere molto all'estero dove il mercato, specialmente quello nordeuropeo, era già predisposto al consumo di questo prodotto, mentre in Italia solo negli ultimi anni si è attivata la richiesta, ma in un crescendo che solo nell'ultimo anno ha fatto registrare un +60%".

"Il trend di mercato sembra essere positivo - sottolinea il manager - e infatti se l'anno scorso abbiamo prodotto circa 350 tonnellate, quest'anno prevediamo di produrre e commercializzare almeno 500 tonnellate di pomodoro colorato. Le varietà dei pomodorini che coltiviamo sono equamente suddivisi nelle quantità, per creare il giusto mix cromatico ed equilibrio di gusto nelle nostre confezioni che vanno da 150 a 300 grammi, oltre a una bellissima confezione regalo da 800 grammi".

Non solo ortaggio
"Nell'ottica di più ampio sviluppo di questo segmento - conclude Calabrese - la nostra azienda sta introducendo nuovi impianti di automazione per il condizionamento e confezionamento dei colorati. Il packaging riveste un ruolo determinante ed esige confezioni adeguate per il consumo di un prodotto da snack, oltre che da banco ortofrutticolo di alta fascia. A tal proposito siamo confortati dal corretto posizionamento di questi particolari e ricercatissimi prodotti da parte della Grande Distribuzione Organizzata, perché meritano di essere ubicati nelle migliori posizioni all'interno dei supermercati. Del resto, i pomodorini colorati si prestano egregiamente al duplice ruolo di ortaggio da una parte e di prodotto snack dall'altra, facendo parte - a pieno titolo - di entrambe le categorie".

La testimonianza di Centro Lazio
Spostandoci più a nord, dove il periodo di produzione si sposta più verso i mesi estivi, abbiamo raccolto la testimonianza di una importante realtà produttiva laziale. Syngenta, per quanto concerne la produzione dei pomodorini colorati ha puntato, dunque, anche sul centro Italia e più precisamente sulla Coop. Agricola Centro Lazio, una delle più significative realtà di produzione e commercializzazione della regione con sede a Sabaudia in provincia di Latina.

"La produzione dei colorati di Syngenta è per noi una piacevole avventura che abbiamo iniziato solo di recente - racconta Stefania Campa, CEO dell'azienda - e si è rivelata fin da subito un grande successo con la nostra clientela italiana. Al momento infatti le quantità prodotte non ci consentono di andare sui mercati esteri, ma contiamo di aumentare significativamente le superfici destinati ai colored entro l'anno in corso".

Innovare significa stare al passo con i tempi
"I clienti business chiedono sempre novità e presso un'azienda come la nostra, che dell'innovazione ha fatto un leitmotiv - continua la CEO - la sfida non poteva che essere accolta con grande entusiasmo: una scelta vincente che si traduce in un prodotto composto dalla sommatoria di una presentazione visiva molto gradevole, combinata a un gusto di livello veramente superiore, grazie ai mix che componiamo e che offrono sapori, forme e consistenze diverse. Non avremmo compiuto questa scelta solo per una questione estetica, giacché il rispetto del consumatore finale per noi è sacro".
 

Yvorino

Un trend commerciale in crescita anche per Centro Lazio, perfettamente conciliabile con le esigenze agronomiche di questi areali, dato che non fa riscontrare alcuna difficoltà nella produzione.

"Il mercato dei colorati si rivela ogni giorno di più una realtà dai risvolti considerevoli - spiega Campa - basti pensare che fino ad alcuni anni fa i pomodori gialli, specialmente in Italia, non trovavano alcun riscontro commerciale. Oggi invece registriamo un'inversione di tendenza, complice il fatto, probabilmente, che il target dei consumatori è un cambiato per ovvi motivi generazionali. La continua ricerca di novità anche da parte dei consumatori fa sì che i nostri standard siano sempre all'avanguardia".

Una valida alternativa per i bambini
"Bisognerebbe promuovere bene il consumo di questi prodotto come snack - conclude l'esperta - Ad esempio ora che ci troviamo in estate sarebbe il caso di pensare al loro consumo in riva al mare, magari sono forma di spiedini, confezionati in bustine con un mix di verdura e frutta, sapientemente accostati, che possano incarnare a pieno titolo le tendenze salutistiche. Non bisogna dimenticare le proprietà antiossidanti, depurative e l'apporto di sali minerali che i nostri pomodorini offrono. Mangiare i nostri colorati significa nutrirsi in modo intelligente e sano, un toccasana durante i caldi giorni estivi, specialmente per i bambini".

Sia il mercato, come abbiamo visto in apertura, sia la produzione e la commercializzazione confermano appieno i programmi di ricerca & sviluppo che Syngenta ha portato avanti, ad hoc, avendo intuito le enormi potenzialità di questo innovativo segmento. Syngenta oggi si conferma una delle aziende leader in questo campo, con una gamma ampia e diversificata per tipologia e colore di pomodorini sfiziosi adatti alle esigenze di tutta la filiera, strizzando l'occhio al consumo snack come valida soluzione per uno stile di vita sano e moderno.

Contatti:
Email: massimo.perboni@syngenta.com
Web: www.syngenta.it

Data di pubblicazione: 31/07/2018
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Vilmorin: il partner innovativo nella specie peperone
31/07/2018 Analizzato il profilo polifenolico delle varieta' venete di radicchio
31/07/2018 Notevole aumento in Russia per le coltivazioni di ortaggi in serra
31/07/2018 Potterino, il nuovissimo pomodoro Vesuviano di Fenix
31/07/2018 AIIPA: primo semestre 2018 con segno positivo per la IV gamma
31/07/2018 Zucche estive, ottima richiesta dai mercati
31/07/2018 Novita' nel segmento peperoni: due nuovi cavalli di battaglia per HM.Clause
30/07/2018 Lanciata una nuova varieta' di cavolfiore
30/07/2018 Patfrut cresce in orticole e quarta gamma
30/07/2018 HiTec detorsola e taglia a meta' o in quarti i peperoni
30/07/2018 Annina F1, la nuova melanzana striata di Enza Zaden
30/07/2018 L'importanza della scelta varietale per lo zucchino nei trapianti precoci in Sicilia
30/07/2018 Coltivare erbe aromatiche e verdure sotto il livello del mare
27/07/2018 Caravaggio, il radicchio di Treviso di Bejo, esalta l'equilibrio fra innovazione e tipicita'
27/07/2018 Prezzi al rialzo per cetrioli e radicchio
27/07/2018 Le allerte alimentari determinano un aumento della domanda di lattuga coltivata in serra
26/07/2018 Cresce la superficie coltivata a broccoli nella Murcia
26/07/2018 Russia: un'azienda investe 5 milioni di euro nella coltivazione di rucola
26/07/2018 Fungo Puglia festeggia 45 anni di attivita'
26/07/2018 Spagna: l'Estremadura dedichera' 22.000 ettari a pomodoro

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*