Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Progetto B-SMART: carote e barbabietole per costruire edifici piu' solidi

I progetti di costruzione hanno un impatto significativo sul nostro ambiente. Per contrastarlo, le parti interessate nei settori accademico e industriale hanno ricercato modi per rendere l'industria più rispettosa dell'ambiente. Il progetto B-SMART, finanziato dall'UE, contribuirà a questi sforzi concentrandosi sul calcestruzzo e sul più colpevole dei suoi ingredienti: il cemento.

Guidato dalla Lancaster University nel Regno Unito, il progetto studierà come le nanopiastrine estratte dalle fibre degli ortaggi a radice possano rendere le miscele di calcestruzzo più robuste e più rispettose dell'ambiente. I test condotti finora hanno dimostrato che l'aggiunta di nanopiastrine da barbabietola da zucchero o carota a queste miscele migliora notevolmente le proprietà meccaniche del calcestruzzo.



Secondo il ricercatore principale Mohamed Saafi, della Lancaster University, i nuovi nanocompositi cementizi sviluppati nell'ambito di questo progetto "sono realizzati combinando il normale cemento Portland con le nanopiastrine estratte dagli ortaggi a radice di scarto prelevati dall'industria alimentare".

"I materiali compositi non sono solo superiori agli attuali prodotti di cemento in termini di proprietà meccaniche e di microstruttura, ma utilizzano anche minori quantità di cemento", ha affermato il Prof. Saafi nel articolo pubblicato sul sito web dell'Università. "Questo riduce significativamente sia il consumo di energia che le emissioni di CO2 associate alla produzione di cemento".

In che modo gli ortaggi a radice sono d'aiuto
Il calcestruzzo standard è realizzato con acqua, aggregato (ghiaia, roccia o sabbia) e cemento Portland. Il cemento è l'agente legante che indurisce e rafforza il calcestruzzo. Ma quando le nanopiastrine di ortaggi a radice vengono aggiunte alla miscela di calcestruzzo standard, la quantità di idrato di silicato di calcio (il prodotto in grado di rendere il calcestruzzo più solido) aumenta.

I ricercatori hanno scoperto che l'aggiunta delle nanopiastrine rendeva il cemento tanto solido che servivano 40 kg di cemento Portland in meno per metro cubo di cemento. Questa riduzione corrisponde a 40 kg di CO2 in meno per lo stesso volume di calcestruzzo. Una miscela di ortaggi a radice più solida significa quindi che è necessario utilizzare meno calcestruzzo negli edifici, con conseguenti benefici ambientali significativi.

I calcestruzzi arricchiti di ortaggi del gruppo di ricerca hanno anche dimostrato di funzionare meglio rispetto ad altri additivi per cemento disponibili sul mercato, come i nanotubi di grafene e di carbonio. Per di più, hanno anche dimostrato di essere molto più economici da produrre. Altri vantaggi includono una microstruttura più densa, che aiuta a prevenire la corrosione e rende i materiali più duraturi.

B-SMART (Biomaterials derived from food waste as a green route for the design of eco-friendly, smart and high performance cementitious composites for the next generation multifunctional built infrastructure) esaminerà anche la possibilità di rafforzare le strutture in calcestruzzo esistenti con lastre molto sottili costituite da nanopiastrine vegetali.

Fonte: https://cordis.europa.eu/

Data di pubblicazione: 25/07/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 La Corea del Sud nazione piu' innovativa del mondo per il quinto anno consecutivo
31/07/2018 Cile primo paese americano a vietare i sacchetti di plastica
31/07/2018 Con nuove tecnologie Idromeccanica Lucchini sbarca all'estero
30/07/2018 Ricercatori americani testano nanocristalli per prevenire i danni da gelo nei frutti
27/07/2018 Innovativo impianto idroponico a basso impatto ambientale: inaugurazione del progetto in Toscana
27/07/2018 Dropcopter pubblica i risultati relativi all'impollinazione con droni
26/07/2018 Progetto SoilVeg: presentati i risultati
26/07/2018 Grado di maturazione degli avocado: uno strumento lo misura
24/07/2018 Sviluppare sistemi autonomi per la raccolta dei piccoli frutti
23/07/2018 La tecnologia promette di calcolare la conservabilita' reale di un prodotto ortofrutticolo
20/07/2018 Un nuovo imballaggio totalmente riciclabile conquistera' il settore ortofrutticolo
16/07/2018 Sviluppato protocollo per stampare tessuto vegetale in 3D
13/07/2018 Estratti vegetali e ipoclorito di sodio fungicidi promettenti per l'orticoltura biologica
13/07/2018 Una penna per testare la maturazione del durian
12/07/2018 La stampa 3D degli alimenti porra' fine allo spreco di cibo?
12/07/2018 Bag Fresco Senso, la novita' 2018 per anguria e melone ready to eat
12/07/2018 Raccoglitore robotizzato per angurie
11/07/2018 Linee complete di confezionamento per il segmento degli ortaggi snack
10/07/2018 Il robot Sweeper raccoglie i primi peperoni in tempo reale. Guarda il video!
09/07/2018 Pulite, belle e sostenibili: ciotole in foglie di palma per piccoli frutti

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*