Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

La tecnologia promette di calcolare la conservabilita' reale di un prodotto ortofrutticolo

Una delle cause dello spreco alimentare è legata ai prodotti che deperiscono rapidamente. Naturalmente, spedire prodotti freschi è l'obiettivo di ogni coltivatore. In che modo però arrivino a destinazione e quanto a lungo rimangano freschi, una volta nei negozi, è in gran parte fuori dal suo controllo. Inoltre, è anche nell'interesse del rivenditore che i prodotti rimangano freschi e gustosi, perla soddisfazione dei clienti.

La Zest Labs, società con sede a San Jose, in California, ha messo a punto una soluzione chiamata Zest Fresh che consente a coltivatori e spedizionieri di sapere per quanto tempo ogni pallet dei loro prodotti rimarrà fresco.

Attraverso i sensori IoT, posizionati in ciascun pallet al momento della raccolta, e le analisi basate su piattaforma cloud, Zest Fresh rileva le temperature al momento della raccolta, la durata del taglio a freddo, nonché le condizioni in ciascun passaggio fino all'arrivo al destinatario e, sulla base di questi dati, calcola la "reale" durata di conservazione rimanente.

"I sensori IoT di ogni pallet utilizzano analisi predittive, apprendimento automatico e altre funzioni per effettuare una misurazione di freschezza della shelf life dinamica rimanente per ciascun pallet - ha dichiarato Kevin Payne della Zest Labs - Abbiamo profilato la produzione di diverse regioni per determinare la durata massima di freschezza. Proponiamo una soluzione per la gestione della freschezza nel post-raccolta, perché un lotto di prodotti, anche se coltivato nello stesso campo e nello stesso giorno, può variare in modo significativo a seconda delle condizioni in cui viene raccolto ed eventualmente riposto nella cella refrigerata: un pallet di fragole raccolte alle 7:00 e stoccato alle 8:00 avrà una diversa durata di conservazione rispetto al pallet prelevato alle 14:00, durante la calura del giorno, e riposto in cella a fine giornata. Questo fa sì che la durata di conservazione residua reale sia diversa per ciascun pallet".


Kevin Payne e Todd Clayton di Zest Labs

Invio dei pallet alle migliori destinazioni
La raccolta e l'analisi dei dati sono tante e, già da tempo, utilizzano diverse modalità. La Zest Labs fa notare che la differenza con la loro tecnologia Zest Fresh è che si può fare qualcosa per risolvere proattivamente il problema. "Molte delle soluzioni esistenti tendono a essere reattive, nel senso che un'azione può aver luogo solo successivamente - ha spiegato Payne - Noi pensiamo di offrire invece, l'unica soluzione proattiva, utilizzando una tecnologia previsionale che consente allo spedizioniere di decidere basandosi su approfondimenti e informazioni".

Sostanzialmente, l'idea è quella di utilizzare tali informazioni per inviare i pallet alle destinazioni più idonee in diretta relazione ai dati sulla freschezza. Evidentemente, maggiore è la durata di conservazione rimanente, più i prodotti sono pronti alla spedizione su lunghi tragitti. "Quando la shelf life calcolata è, per esempio, 3 giorni più breve di un'altra, il prodotto può essere inviato a una destinazione più vicina, al fine di massimizzare la durata di conservazione per il ricevente - ha aggiunto Payne - I dati vengono raccolti continuamente e rilevati a tappe intermedie stabilite: quando le merci deperibili vengono poste nelle celle di refrigerazione, nel camion, quando vengono fuori dal magazzino, e quando arrivano al destinatario, ad esempio. Questo crea una shelf life dinamica, aggiornata a ogni intervallo per fornire informazioni sulla massima durata di conservazione, in qualsiasi momento".

Inoltre, Payne ha sottolineato che i coltivatori possono utilizzare i dati per monitorare i loro processi e garantire che siano rispettati, adeguando di conseguenza le procedure. "Zest Fresh consente di mantenere il prodotto in lavorazione, con strumenti che registrano in tempo reale ogni fase del processo - l'inventario ricevuto, il tempo e la temperatura del prodotto programmato per il pre-raffreddamento e la spedizione - ha affermato - Inoltre, attiva le notifiche quando vengono superati i parametri preimpostati, concentrando gli operatori sui problemi più urgenti, in tempo reale".


Il codice ZIPR
Per favorire il processo di monitoraggio, Zest Fresh raccoglie, archivia e rende visibili tutti i dati in un codice univoco generato in automatico, chiamato ZIPR che sta per Zest Intelligent Pallet Routing: la prima misurazione di settore sul livello di freschezza. Il codice ZIPR fa riferimento alla conservabilità dinamica dei singoli pallet e, attraverso questo codice, gli utenti possono visualizzare e gestire le informazioni di quel pallet.

"Una volta che Zest Fresh mette insieme i dati e applica un punteggio, crea il codice ZIPR per ciascun pallet - ha spiegato Payne - Questo viene quindi abbinato agli ordini in sospeso per garantire che ciascun pallet abbia una sufficiente freschezza residua e che soddisfi le esigenze del rivenditore. Il codice ZIPR assicura che le spedizioni vengano caricate correttamente e che la qualità venga tracciata con la reale consegna, fornendo al coltivatore le informazioni sulla qualità dei prodotti consegnati".

"Il codice ZIPR può essere integrato con la gestione del magazzino, fornendo segnalazioni e aggiornamenti sullo stato del pallet - ha aggiunto - E' progettato per essere autonomo e wireless".

Aspetti pratici
La società riferisce che gli stessi sensori sono piccoli e facili da gestire. Possono essere inseriti nel pallet in qualsiasi momento, a seconda che il coltivatore desideri monitorare l'intera catena di fornitura o solo alcune fasi.

"I sensori IoT hanno all'incirca le stesse dimensioni di un mazzo di carte e sono posizionati nel pallet sul campo o in qualsiasi punto lungo la filiera - ha spiegato Payne - Sono riutilizzabili e possono essere impiegati anche per determinati segmenti. Il software per visualizzare le informazioni è basato su piattaforma cloud, con i tag per desktop e mobile gestiti dai punti di accesso. Vengono installati da un tecnico e tutto ciò che serve è l'alimentazione e una connessione di rete".



Il "pannello di controllo" di Zest Fresh

La Zest Labs punta ad essere all'avanguardia dal punto di vista tecnologico, e quindi Payne ha aggiunto che Zest Fresh si basa sulla tecnologia della Blockchain (per coloro che la desiderano). "La Blockchain è un modo sicuro per scambiare e condividere informazioni, una problematica che mi viene sempre sollevata. Possiamo offrire supporto anche per questo".

Quali tipi di prodotti e dove?
Secondo Payne, le tipologie di prodotto più comuni per cui viene utilizzato Zest Fresh sono quelle altamente deperibili, come ad esempio i piccoli frutti, che subiscono maggiormente ogni variazione di temperatura e tempi di raffreddamento inadeguati. Attualmente, la società sta lavorando con i coltivatori del Nord America e ha anche collaborato con fornitori dell'America centrale e meridionale.

"C'è interesse anche per verdure a foglia, uva da tavola, ciliegie e drupacee - ha concluso Payne - Puntiamo ad essere tecnologicamente all'avanguardia e a modernizzare la catena di approvvigionamento dei prodotti freschi".

Per maggiori informazioni:
Kevin Payne
Zest Labs
Tel: +1 (408) 200-6527

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018