Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un caso di vendita al dettaglio in Italia di frutta spagnola con Sharka: controlli saltati

I produttori, ma spesso anche i consumatori italiani, non vedono di buon occhio frutta e verdura estera in vendita nella Gdo nazionale, specie nei periodi in cui è abbondantemente presente quella locale. Ma si sfiora il paradosso se questa presenta evidenti sintomi di Sharka, la virosi che colpisce le drupacee.

Nel frutto in primo piano si notano le rotture di colore tipiche di Sharka

Una precisazione doverosa: un frutto colpito da Sharka non è un problema sotto il profilo dei consumi. Si può mangiare normalmente, senza alcuna conseguenza. Ma che giungano a scaffale questi frutti al termine di tutta una filiera sta a significare che qualcosa è andato storto. Molto storto.

Molto evidenti i sintomi su queste nettarine provenienti dalla Spagna

Le due foto sono state scattate la settimana scorsa in una nota catena della Gdo italiana, in un punto vendita del sud d'Italia. Eloquenti entrambe: le nettarine presentano sintomi molto evidenti, con anelli che anche un occhio inesperto nota facilmente. Un po' più difficile individuare i sintomi di Sharka sulle pesche ma, in questo caso, un occhio esperto li vede subito.

"Davvero mi chiedo come questi frutti siano potuti giungere sui banchi della Gdo" interviene Aniello Crescenzi, docente all'Università degli studi della Basilicata. "Sappiamo che la malattia è endemica, non solo in Italia ma anche in altre nazioni, ma i frutti non devono arrivare al consumo anche perché le piante con i sintomi devono essere abbattute immediatamente. Per i consumatori non c'è alcun problema, ma mi chiedo se è corretto che la Gdo italiana venda a 3 euro/kg frutti spagnoli colpiti da Sharka".

Il professor Crescenzi aggiunge che "I controlli devono essere rigorosi in campo e lungo tutta la filiera, non solo in Italia ma in tutta l'Unione europea. E' chiaro che qui siamo di fronte a un caso estremo, dove sono saltate tutte le verifiche".

Data di pubblicazione: 09/07/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2018 Polonia: il divieto di commercio domenicale fa crescere le vendite alimentari nelle stazioni di servizio
20/07/2018 Carrefour ancora piu' biologico con l'acquisto di So.bio
19/07/2018 Drupacee italiane in offerta nei supermercati del Belpaese
18/07/2018 Ortofrutta Origine Coop: sostenibile per l'uomo e per l'ambiente
18/07/2018 Lo shopping alimentare del futuro: alcune indicazioni di massima
17/07/2018 Gruppo Selex: Alessandro Revello e' il nuovo presidente
17/07/2018 Sede italiana per JD.com
16/07/2018 I cetrioli bio Ja! Naturlich venduti in esclusiva da Merkur
13/07/2018 I principali Cash&Carry in Germania
13/07/2018 Con Carrefour, si rafforza l'associazione tra retailer AiCube
13/07/2018 Slovacchia: la catena Kaufland sostiene i fornitori locali di ortofrutta
12/07/2018 Sacchetti ortofrutta: le etichette del prezzo non sono compostabili, ma qualcosa sta cambiando
12/07/2018 Catalogo elettronico: entro il 2019 sara' adottato anche dalla Gdo italiana
11/07/2018 Il nuovo consumatore russo: meno marchi, piu' salute e sostenibilita'
11/07/2018 Pratiche sleali nella filiera agroalimentare: ora la lotta e' contro il tempo e gli interessi
11/07/2018 Anche la catena Asda entra nella polemica sulla Brexit
10/07/2018 Federdistribuzione: vendite al dettaglio ancora deboli
10/07/2018 Svizzera: per frutta e verdura bio, Coop vuole fare a meno della plastica
10/07/2018 Albicocche con Sharka anche in un supermercato della Campania
09/07/2018 Conad: in cantiere 1.280 milioni di euro di investimenti

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*